/ Fulvio Scaglione - Occidente, occhio con il mito dei Peshmerga

Fulvio Scaglione - Occidente, occhio con il mito dei Peshmerga

Fulvio Scaglione - Occidente, occhio con il mito dei Peshmerga
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fulvio Scaglione



Si registra con regolarità nell’opinione pubblica occidentale, orfana di grandi cause e di esempi trascinanti, una sete di mito che, applicata alle vicende del Medio Oriente, aiuta a prendere abbagli clamorosi. L’ultimo esempio è quello dei peshmerga del Kurdistan, insediati a prescindere sullo scranno degli eroi, senza alcun rispetto per la realtà dei fatti.
 

peshmerga nel 2014 se la diedero a gambe da Mosul e dalla Piana di Ninive, lasciando la popolazione civile al suo destino (e con essa anche i cristiani), tanto quanto il deprecato esercito regolare iracheno. La ragione era semplice: al governo regionale del Kurdistan quell’area non interessava, troppo lontana e troppo povera di petrolioper sacrificare le vite dei combattenti solo in nome dell’ideale anti-Isis.
 

Quando le milizie del Califfato si avvicinarono al Kurdistan, invece, i peshmerga diedero ottima prova di sé. Ma attenzione: il grosso delle forze curde, già ai tempi della feroce battaglia per Kobane, era formato dalle Unità di protezione popolare, ovvero dai reparti di curdi siriani di quello che poi sarebbe diventato famoso come Rojava.



 

peshmerga comunemente intesi, cioè quelli del Kurdistan iracheno, hanno combattuto con valore quando lo Stato islamico si è avvicinato a Kirkuk, città che un tempo aveva maggioranza curda, poi fu arabizzata a forza da Saddam Hussein e da qualche anno è oggetto delle attenzioni del governo regionale del Kurdistan, che ha varato una politica di “ricurdizzazione” con lo scopo neanche celato di annettere la provincia, ricca di greggio. Petrolio che avrebbe dovuto essere anche il lubrificante economico dell’indipendenza proclamata con il referendum del 25 settembre e poi sventata dal governo centrale iracheno.
 

peshmerga, quindi, si sono battuti a lungo e con pesanti perdite per Kirkuk, che per loro aveva un valore ideale (la considerano un pezzo di patria da recuperare) e anche un valore concreto, economico. Ma attenzione: i peshmerga, questi peshmerga,  non sono un corpo compatto, fedele solo alla patria. Al contrario sono divisi in due, una parte che obbedisce agli ordini del Partito democratico del Kurdistan di Masoud Barzani (il leader che ha organizzato il referendum del 25 settembre e ha poi rassegnato le dimissioni da presidente del Kurdistan) e l’altra che risponde all’Unione patriottica del Kurdistan fondata da Jalal Talabani.
 

Le due famiglie, diventate proprietarie del Kurdistan, si dividono ogni cosa: cariche, interessi economici, ordini professionali, e anche i peshmerga. Ed è stata proprio questa divisione a provocare la loro rapida ritirata quando l’esercito iracheno ha deciso di riprendere il controllo di Kirkuk e dei campi petroliferi: il Partito e l’Unione non erano d’accordo sulla strategia da adottare (resistere o trattare), così il fronte curdo si è disgregato.
 

Da noi, al contrario, si è ormai arrivati all’equazione “curdo = peshmerga” e viceversa, il che costituisce un’approssimazione da dilettanti. Tutto questo per dire che l’esaltazione per i peshmerga, lungi dall’essere una manifestazione di solidarietà con una grande forza democratica, è stata una delle solite forzature occidentali. Quelle che, invece di spiegare le cose, creano confusione e mistificazioni a volte interessate. Il Medio Oriente ha logiche contorte e spesso violente, ma siamo noi a renderlo incomprensibile.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da IpocrISIS
Notizia del:

Ancora crediamo alla recita di Israele paese piccolo e debole attaccato da tutti?

Fulvio Scaglione: "È tutta una bufala. Nella realtà, Israele è da molti anni l’unica vera potenza del Medio Oriente"

di Fulvio Scaglione - Linkiesta Come tutte le guerre contemporanee, anche quella tra Israele e Iran è,...
Notizia del:

Perché continuare a chiamarle "non governative"?

di Fulvio Scaglione* - Occhidellaguerra Io ero e resto convinto che nei primissimi anni Novanta Willy Huber, che allora dirigeva l’ospedale di Save the Children a Mogadiscio, in Somalia,...
Notizia del:

Oxfam e quei 67 milioni di euro dall'UE...

di Fulvio Scaglione* OXFAM O NON OXFAM - In anni non così remoti ho avuto diverse occasioni d'incontro con la gente di Oxfam (non a Haiti né in Sudan), ricavandone sempre ottime...
Notizia del:

Isis, si dice Isis. L'ipocrisia della stampa italiana su Erdogan e la Siria

ISIS, SI DICE ISIS - Oggi, su uno dei quotidiani più importanti, vedo un articolo di Can Dundar, il giornalista turco finito in carcere nelle purghe di Erdogan post-golpe, liberato e ora esule...
Notizia del:

Ma se la Russia è un'oligarchia, l'Italia con questi dati che cos'è?

di Fulvio Scaglione* OLIGARCA SARA' LEI - Le vicende della Russia post-perestrojka hanno reso assai celebre il termine "oligarchi". Una "oligarchia", spiega il dizionario...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - Putin’s List, ma come ha fatto una grande nazione come gli Usa a ridursi così?

di Fulvio Scaglione* - Occhidellaguerra Ma come ha fatto una grande nazione come gli Usa a ridursi così? Spiace dirlo ma una classe politica seria non si farebbe ridere dietro diffondendo,...
Notizia del:

Fulvio Scaglione: "Ha vinto Israele, la Palestina è morta. Ma è adesso che cominciano i guai veri"

di Fulvio Scaglione* - Linkiesta  Non ci sono molti modi per dirlo e l’unico che abbia senso è il più diretto e brutale: la causa palestinese è finita. Non si...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa