/ Generazioni sconfitte

Generazioni sconfitte

Generazioni sconfitte
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina
 

L’America Latina, con i suoi colori, la sua fecondità, i suoi Popoli Originari e i suoi martiri, è una terra di contraddizioni, tra queste le generazioni sconfitte; sistemate all’ombra della sfrontatezza, l’opportunismo e l’indolenza. Generazioni che negano la propria identità e che calpestano ogni traccia di memoria e dignità.

 

Generazioni inette, intorpidite, incapaci di camminare sulle proprie gambe. Incapaci di trovare il coraggio di creare, contestare, formulare una propria analisi, abituate a copiare e incollare; a nascondersi dietro le parole e azioni di altre persone, perché questo non richiede alcuna responsabilità. Sono quindi marionette delle quali si burla un sistema di dominazione, che sempre più si fonda sulla radice inerte di chi dimentica facilmente, perché vive in una bolla fluttuante di indolenza e individualismo. 

 

Incapaci di trasformare politicamente il tempo nel quale gli è toccato vivere, queste generazioni diventano i solidi gradini su cui si arrampicano le cricche criminali che ci governano. 

 

Per non impegnarsi si cullano in frasi che ripetono con il fervore profondo dei bigotti in processione della Settimana Santa e, accampano pretesti con la serietà dei codardi. Generazioni che rendono la poesia come la peggiore delle atrocità. Perché facile è fingere di non capire, mancare di conoscenza, giocare a ignorare; perché facile è vivere sullo sfruttamento altrui. 

 

Perché pensare per sé è una rivoluzione, perché esprimere il proprio pensiero è un affronto al sistema, perché analizzare non è la stessa cosa che copiare e incollare; perché contestare quello che non è giusto richiede sangue nelle vene, perché agire contro l’abuso non è da pusillanimi. Perché si mette in gioco la comodità, i favori, i contatti e i benefici ottenuti col silenzio e l’insabbiamento. Dalla slealtà. 

 

Un’America Latina frammentata e macchiata da generazioni di deboli che hanno consentito che la loro strada sia stata segnata, incapaci di esplorare, che si sono lasciati intrappolare in un mondo di apparenze, corruzione, abusi, aggressioni e consumismo. Generazioni che hanno negato a loro stesse l’opportunità di differenziarsi e la responsabilità di contestare. Che si sono lasciate trascinare da una corrente di acque reflue che le condanna a una pestilenziale sottomissione. 

 

Tanto sconfitte da non essere in grado di riconoscere e al contrario macchiare la memoria dei tanti che lungo la storia hanno perso la vita per il sogno di una terra libera e feconda. Tanto sconfitti da fingere di non vedere, perché osservare obbliga a contestare, a denunciare ed esigere. Tanto sconfitte che hanno avuto la capacità di chinare il capo o voltarsi dall’altra parte; quando l’aggressore colpisce, assassina o fa sparire chi con coraggio e amore ha alzato la voce per gli oppressi. 

 

Generazioni che non hanno mai fatto un tentativo di recuperare la loro identità, la loro dignità e la loro libertà. Che sono così in ritardo tanto da continuare a ricevere le briciole e credere che tutto ciò che dice chi ha creato il sistema di dominio attuale, è la verità assoluta da indossare come un abito, un modello da passare alle prossime generazioni. Rendendo l’America Latina la terra perfetta per il disonore e l’oblio. Mentre sono complici e responsabili dell’oppressione dei popoli, queste generazioni ignorano o fingono di ignorare che anche loro sono state mutilate e che hanno perso molto, perché senza dignità la vita è un ‘bagazo’ (prodotto di scarto dell’agricoltura NdT). 

 

Queste generazioni sono recuperabili? Sì. Ma, bisogna scommettere sul delirio e vi è bisogno del fegato dei pazzi sognatori per recuperare i semi e farli germinare. 

 

Nella follia non va bene l'idea che una rondine non fa primavera. Nella resistenza abita il verde speranza.

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: teleSUR

La lezione di 'Pepe' Mujica: la vita umana non può ridursi a lavorare, pagare le bollette e accumulare debiti

«L’unica cosa che non si può comprare è la vita. La vita si consuma. Ed è da miserabili consumare la vita per perdere la libertà»

  «La vita umana non può ridursi - come impone il capitalismo - a lavorare, a pagare le bollette...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Lula ai popoli latinoamericani: «Sconfiggeremo ancora una volta il neoliberismo»

«In tutti i nostri paesi abbiamo già sconfitto il progetto neoliberista una volta e non ho dubbi che saremo in grado di sconfiggerlo di nuovo», ha dichiarato il leader brasiliano ai latinoamericani riuniti a Montevideo

  «Fuori Macri!» e «Fuori Temer!», questi sono stati due degli slogan maggiormente...
Notizia del:     Fonte: italiano.prensa-latina.cu

Moira Millan: la lotta del popolo mapuche può costituire la base per creare un nuovo modello di umanità

Moira Millan è coordinatrice del movimento Marcia delle Donne Originarie per il Buen Vivir

da Prensa Latina   “Svegliamoci, svegliamoci umanità già non c’è più...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Jose 'Pepe' Mujica chiama alla lotta «contro la mercificazione della vita»

L'ex presidente dell'Uruguay esorta alla lotta contro l'offensiva conservatrice nella regione

  L’ex presidente dell’Uruguay, Jose 'Pepe' Mujica, invita i «militanti delle organizzazioni...
Notizia del:

Roma, migliaia di lavoratori contro Euro, Ue e Nato. I media di regime censurano

La resistenza di chi non si piega ai diktat di Bruxelles e le politiche guerrafondaie della NATO

  Quest’oggi è scesa in piazza a Roma l’opposizione al regime neoliberista. Un’opposizione...
Notizia del:

Il fascino del Che

di Ilka Oliva Corado   Gli Stati Uniti sono un paese con una diversità di culture impressionante. Alla fermata di un semaforo, in attesa di attraversare la strada, ci possono stare cinquanta...
Notizia del:

L'economista argentino Kicillof: il neoliberismo cerca di spaccare l'America Latina

L'ex ministro dell'Economia argentino denuncia la gestione Macri: «Il primo anno è stato disastroso, si è registrato un peggioramento in tutti gli indicatori economici»

  «Il neoliberismo ha una strategia per l'America Latina, che ha a che fare con il libero mercato,...
Notizia del:

Il Venezuela alle urne, la fila si forma all'alba

Articolo di Gerladina Colotti da Caracas

di Geraldina Colotti   All'Unità educativa Miguel Antonio Caro la gente è in fila...
Notizia del:     Fonte: http://www.avn.info.ve/

Evo Morales: la voce antimperialista di Chavez vive nella lotta rivoluzionaria dei popoli

«Commemoriamo la nascita di Hugo Chavez, compagno di lotta, militare patriota e statista che ha concepito la rivoluzione del XXI secolo»

  Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha reso onore al lascito antimperialista del leader della Rivoluzione...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Successi geopolitici sotto la guida di Hugo Chávez

Fin dal suo arrivo al potere nel 1999, il presidente rafforzò l’integrazione dell’America Latina e i Caraibi, oltre a stringere importanti alleanze con il resto del mondo

da teleSUR   La visione di Hugo Chávez Frias è sempre andata oltre le frontiere del paese...
Le più recenti da Crónicas de una Inquilina
Notizia del:

Nuovo golpe in Honduras? Il popolo non deve lasciarsi sconfiggere

Il popolo honduregno deve difendere il voto a Nasralla e non permettere un altro golpe simile a quello contro Zelaya

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il 28 giugno dell’anno 2009, quando...
Notizia del:

Il fascino del Che

di Ilka Oliva Corado   Gli Stati Uniti sono un paese con una diversità di culture impressionante. Alla fermata di un semaforo, in attesa di attraversare la strada, ci possono stare cinquanta...
Notizia del:

Il Venezuela si è risvegliato chavista e il Guatemala vassallo

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Nel 2015, il Guatemala era sotto la lente dell'osservazione, si manifestava il sabato con la scusa dell'abbronzatura, perché...
Notizia del:

Traffico e abusi sui migranti indocumentati in transito

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Già di per sé l’incubo di migrare senza documenti è terribile manca solo aggiungerci l’essere...
Notizia del:

Parliamo del patriarcato

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il patriarcato dovrebbe essere un argomento di conversazione, come quando parliamo di calcio, musica, letteratura, arte, cinema...   Si...
Notizia del:

Aver liberato Leopoldo López è un grave errore

di Ilka Oliva Corado   Una cosa sono gli appelli alla pace, al dialogo che cerca la pace, altra cosa è liberare l’autore intellettuale delle guarimbas del 2014 in Venezuela, volte...
Notizia del:

Essere giornalisti al tempo dei governi neoliberisti

di Ilka Oliva Corado   Enorme è la repressione dei governi neoliberisti in America Latina, un sistema di comando costruito nel periodo post-dittatura nella regione. Minacce, torture,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa