/ Giornata storica per la geopolitica del mondo: la Cina sbarca a G...

Giornata storica per la geopolitica del mondo: la Cina sbarca a Gibuti

Giornata storica per la geopolitica del mondo: la Cina sbarca a Gibuti
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

PICCOLE NOTE 


Da ieri è ufficiale: la Cina ha una base navale a Gibuti. Così ne scrive Angelo Aquaro sulla Repubblica del 13 luglio: «Quando ieri, nel porto di Zhanjiang, nel Guangdong, il comandante dell’Esercito popolare di liberazione, Shen Jinlong, ha ordinato alle navi di salpare, davvero per il Dragone si è aperta una nuova pagina».

 

«Occhio ai numeri: 2500 soldati. Un pezzo di Cina che fa armi e bagagli e si trasferisce all’ingresso del Golfo di Aden, alle porte del Canale di Suez. A Pechino dicono che si tratti solo di una “base logistica” ma non bisogna studiare il cinese per poter tradurre nella lingua di tutti i giorni: è una base militare, la prima della sua storia all’estero».

 

Con questa base, la proiezione della Cina su scala globale si rafforza. Non solo un gigante economico, ma anche militare. Una forza che deve possedere non solo per mettere in sicurezza i suoi confini, ma anche per proteggere i suoi tanti interessi all’estero.

 

Anzitutto quelli legati al progetto One belt one road, ovvero la Nuova via della Seta, sul quale sta puntando tutte le sue chanches di sviluppo futuro.

 

Da questo punto di vista va notato che la Cina sta creando una flotta militare di tutto rispetto: non solo una portaerei fatta in casa, ma anche altri vascelli da utilizzare in conflitti oltremare.

 

Gibuti è un crocevia importante, non solo per la citata Via della Seta e per il tratto di mare sul quale insiste, nel quale transita tanta parte del commercio mondiale (e soprattutto via privilegiata delle risorse energetiche globali).

 

Se certo il contingente cinese serve a proteggere i mercantili cinesi dai pirati che infestano mare, la posta in gioco è ben più alta.

 

Si tratta, infatti, di porre una base a ridosso del Medio Oriente, angolo di mondo dal quale dipende tanto dei destini del globo e nel quale a quanto pare la Cina vuole iniziare ad avere una politica più attiva (basti vedere l’esercitazione navale congiunta Pechino-Teheran di cui abbiamo trattato in altra nota).

 

Ma la base insiste sul Continente africano, dove il Dragone ha da tempo avviato una politica commerciale più che aggressiva per ottenere materie prime realizzando, in cambio, infrastrutture. Commerci vitali per il suo sviluppo.
 

Giornata storica per la geopolitica mondiale, che avrà un peso più che decisivo per il futuro del mondo.

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Hariri e Arabia Saudita: il niet di Israele all"Armageddon in Medio Oriente"

PICCOLE NOTE La crisi libanese conseguente al rapimento da parte dei sauditi del primo ministro Saad Hariri ha rischiato di innescare un conflitto di grandi proporzioni in Medio...
Notizia del:

"Ciò che sta accadendo oggi in Libano è un ritorno alla vigilia dell’invasione israeliana del 1982"

Perché Hariri viene spedito in Francia prima di tornare in Libano?

PICCOLE NOTE  Il caso Hariri sembra risolto. Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves...
Notizia del:

«Lo sporco segreto di Raqqa». Perché questo reportage della BBC non è Notizia in Italia?

PICCOLE NOTE  «Lo sporco segreto di Raqqa», questo il titolo di un reportage della Bbc «che documenta l’accordo dei curdi siriani per l’uscita indenne...
Notizia del:

Non solo Hariri, anche l'ex presidente dello Yemen tenuto in ostaggio in Arabia Saudita

PICCOLE NOTE   A quanto pare quanto avvenuto al primo ministro libanese Saad Hariri non è un caso isolato. Egli condividerebbe la sorte di un altro leader politico, ovvero...
Notizia del:

"Ieri è suonata la «sveglia», per usare le parole di Netanyahu. La sfida mortale è stata lanciata"

Venti di guerra riprendono a spirare in Medio Oriente: l’annuncio delle dimissioni del primo ministro libanese, Saad Hariri, avvenuto a Ryad, s’intreccia con il giro di vite che si sta consumando nella stessa Arabia Saudita, dove si registrano delle vere e proprie “purghe”.

Piccole Note Venti di guerra riprendono a spirare in Medio Oriente: l’annuncio delle dimissioni...
Notizia del:

Quello che devi sapere sul prossimo viaggio di Trump in Cina

Piccole Note  «Nessun dittatore, nessun regime, nessuna nazione dovrebbe sottostimare la determinazione americana» ha affermato Donald Trump alle truppe americane in una tappa...
Notizia del:

E' colpa di Donna. La carriera politica di Hillary ora è davvero finita per sempre

Piccole Note   La ricreazione è finita e Hillary Clinton esce definitivamente dalla scena politica americana. La paladina dei diritti delle donne era già stata devastata...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa