/ Gli assassini sono tra noi

Gli assassini sono tra noi

Gli assassini sono tra noi
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Giorgio Cremaschi



Come una bomba è esplosa una fabbrica chimica vicino a Como, diversi operai sono feriti gravi, ci auguriamo che ce la facciano, così come speriamo che la popolazione non debba subire pestilenze. Resta il fatto che la strage di lavoro continua, in particolare nella ricca Lombardia.



Secondo l'Osservatorio indipendente di Bologna, nel solo mese di gennaio centinaia di lavoratori e lavoratrici sono stati feriti in incidenti sul lavoro e 67 sono stati uccisi. Se si aggiungono le vittime di incidenti per recarsi al lavoro, pensiamo alle tre donne morte sul treno pendolari alle porte di Milano, la cifra raddoppia. La verità è che solo la bravura di chi lavora e di chi soccorre ha impedito che morti e feriti fossero molti, molti molti di più. Tutto è saltato non ci sono più regole civili, si va al lavoro come in guerra, sperando solo di scampare al massacro. Un massacro nel nome del profitto e per colpa del crollo delle misure di sicurezza private e pubbliche. Che oramai non esistono più, perché questo esige lo sfruttamento del lavoro e questo permette un potere politico complice e venduto. Questa è vera emergenza, l'assassinio in massa degli operai. Chi ne parla tra le facce politiche che si alternano nelle tv di regime? Chi propone misure di emergenza, controlli controlli e ancora controlli sulle imprese, fino a fermarle se necessario per fermare la strage? Adesso sentiremo il solito blablabla, non tanto però, che l'emergenza è quella dei migranti mentre la sicurezza di cui si parla non è certo quella del lavoro. Così il massacro continua e si stende tra silenzi e complicità enormi.

Gli assassini sono tra noi.

PS.: i manager tedeschi condannati per la strage Tyssen Krupp di Torino vivono liberi in Germania e il governo italiano non fa nulla per far scontare loro la meritatissima galera
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Embraco, non esiste una terza via: o nazionalizzazioni o massacro sociale

di Giorgio Cremaschi L'Embraco Whilpool  licenzia, butta in mezzo alla strada 500 operai e le loro famiglie, mandando a stendere il ministro Calenda e tutto il governo italiano. Hanno...
Notizia del:

La strage continua: altro operaio assassinato a Pisa. Non esprimete cordoglio voi ipocriti che parlate di produttività

di Giorgio Cremaschi  Mentre incontravamo gli operai della Piaggio abbiamo saputo che un altro operaio era stato assassinato ai cantieri navali di Pisa. Un operaio è stato assassinato...
Notizia del:

Militanti e candidati di Potere al Popolo fermano uno sfratto con tre bambini in provincia di Brescia

  A Ospitaletto in provincia di Brescia militanti e candidati di Potere al Popolo hanno fermato lo sfratto di una famiglia con tre bambini. La casa è pignorata perché il...
Notizia del:

Ecco perché la Borsa di New York è crollata

"E' la crisi della globalizzazione bellezza e le tue chiacchiere non possono farci niente."

di Giorgio Cremaschi La Borsa di New York è crollata sotto un peso pari a quello che dieci...
Notizia del:

Il ritorno del fascismo ha molti complici

Il killer nazifascista di Macerata ha ottenuto un successo travolgente. Il dibattito ufficiale   minimizza la  gravità del suo crimine, ignora le sue vittime e si concentra tutto...
Notizia del:

Macerata, la colpa non è solo dei fascisti. E' anche di chi li ha sdoganati

IL RAID RAZZISTA ASSASSINO DI MACERATA ERA NELL'ARIA DA TEMPO - Da tempo in Italia le forme più violente di razzismo e fascismo sono state legittimate dalle campagne contro i migranti e contro...
Notizia del:

Il braccialetto di Amazon simbolo di una società incatenata al profitto

di Giorgio Cremaschi Nelle galee veneziane i rematori erano incatenati al posto di remata. Non tutti erano schiavi, alcuni erano firmatari di un contratto di durata di qualche anno. Lo firmavano...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa