/ GRAZIE AGLI STUDENTI, IN LOTTA PER TUTTI CONTRO IL LAVORO GRATIS

GRAZIE AGLI STUDENTI, IN LOTTA PER TUTTI CONTRO IL LAVORO GRATIS

GRAZIE AGLI STUDENTI, IN LOTTA PER TUTTI CONTRO IL LAVORO GRATIS
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Giorgio Cremaschi


Non dobbiamo solo sostenere, dobbiamo ringraziare le decine di migliaia di studenti scesi in piazza oggi contro l'alternanza scuola lavoro. Finalmente in tante città italiane i giovani hanno manifestato contro quella infamia medioevale che è il lavoro gratuito. Infamia che diventa doppia se di essa si fa portatrice la scuola pubblica. Chiamati in lotta dalla UDS e da tanti collettivi, gli studenti hanno mostrato che la cosiddetta educazione al lavoro è in realtà ammaestramento alla prestazione servile. Che, dopo l'alternanza, prosegue nei tirocini e negli stage gratuiti, il tutto nel nome del principio: se sarai schiavo oggi forse sarai un lavoratore domani. 





Nel Medio Evo chi voleva iniziare un mestiere, prima lavorava gratis e si doveva anche pagare gli strumenti di lavoro. Oggi è tutto uguale, solo che non ci sono neppure le corporazioni medioevali che alla fine un lavoro retribuito lo garantivano. 

Infinite complicità hanno portato alla legalizzazione e poi alla scolarizzazione del lavoro gratis. Ricordiamo i 10000 addetti all'EXPO di Milano, imbrogliati da promesse di chissà quale occupazione futura, come compenso per la loro prestazione gratuita. Benedetta da Renzi, Maroni, Pisapia e da CGILCISLUIL.

Il mondo del lavoro è oggi governato da quella legge sciocca e feroce chiamata Jobsact. Ecco, la prestazione gratuita dei giovani è il gradino d'accesso al mondo del lavoro senza diritti, ove la dignità della persona viene offesa e negata. 

L'unica cosa che l'alternanza scuola lavoro vorrebbe insegnare è l'obbedienza al lavoro non pagato prima, a quello supersfruttato poi. A tutto questo gli studenti in piazza dicono no e parlano anche per i milioni di di lavoratori che non hanno forza o coraggio di ribellarsi alla nuova schiavitù. Basta 

La ministra Fedeli ha risposto agli studenti affermando che colpirà gli abusi. Cialtroneria ridicola, l'alternanza è un abuso in sé, ultimo anello di una lunga catena di abusi ai danni del lavoro e della scuola pubblica, sempre più asservita al mercato e ai suoi sporchi affari.

L'alternanza scuola lavoro va semplicemente abolita, così come il Jobsact, la buona scuola, la Fornero e le altre leggi devastarici. E i ministri che, come Fedeli, quelle leggi le sostengono, vanno cacciati e mandati a lavorare. Non gratis però, neanche loro, anche se lo meriterebbero.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

"Le cose nel mondo del lavoro si sono rimesse in moto. Ed è solo l'inizio."

USB primo sindacato alla GD di Bologna

di Giorgio Cremaschi  La fabbrica metalmeccanica GD di Bologna, quasi 1500 dipendenti, è stata...
Notizia del:

Difesa comune europea: l'UE vuole portare i popoli alla guerra contro la Russia

di Giorgio Cremaschi In politica progetti disastrosi e criminali a volte nascono come idee di finto buonsenso. La firma del trattato di difesa europea da parte di 23 paesi, non tutti i 27 stati...
Notizia del:

L'Armata Branca(ccio)leone

  di Giorgio Cremaschi   Se i suoi promotori Anna Falcone e Tomaso Montanari, invece che inseguire i giri di valzer della sinistra di palazzo, avessero provato a mettersi in...
Notizia del:

Ai cretini che: "scioperano di venerdì per fare il ponte"

di Giorgio Cremaschi I primi segnali sullo sciopero generale proclamato da USB COBAS UNICOBAS sono molto buoni. Trasporti bloccati in tutto il paese e tante adesioni nel lavoro pubblico come in...
Notizia del:

100 anni e non li dimostra

di Giorgio Cremaschi  La Rivoluzione d'Ottobre è la più importante rivoluzione dell'epoca moderna. Finora almeno, aggiungo con un moto di ottimismo.   Il 25...
Notizia del:

Braccianti di Rignano: il coraggio dei braccianti, la vergogna dell'Italia

  di Giorgio Cremaschi    Coraggio, diritti, dignità, scandisce a pugno chiuso Aboubakar Soumahoro, per tutti Abou, mentre inizia il suo intervento in una sala di Foggia,...
Notizia del:

Ora è ufficiale: i salari stanno calando. Solo con la lotta di classe potranno riprendersi

Cremaschi: "La ripresa riguarda solo i guadagni dei padroni, se vogliamo che tocchi anche i salari il lavoro deve riappropriarsi della lotta di classe. Che da trent'anni è monopolio dei ricchi. Questa la verità da portare in sciopero il 10 e in manifestazione a Roma l'11 novembre."

di Giorgio Cremaschi L'Osservatorio Jobpricing, un centro studi non certamente sovversivo che comunica...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa