/ Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hann...

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news
 

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio finanziario all’attacco mediatico continuo. Uno stillicidio di notizie distorte o completamente false, fake news per utilizzare la terminologia attualmente in voga, volto ad accreditare la narrazione di un paese in guerra. Affamato da un regime dispotico che schiaccia ogni dissenso con il tallone di ferro. 

 

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce  prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana. 

 

Il presidente Maduro ha denunciato che i media statunitensi hanno generato un totale di 3.880 notizie negative sul Venezuela nel solo 2017. 

 

«Sono state conteggiate 3.880 notizie negative... Nel mese di gennaio 130 notizie negative, nel febbraio 131, in questi media nordamericani, spesso (pubblicate) in prima pagina», ha affermato il Capo dello Stato nazionale dal Palazzo Miraflores. Come riportato dal quotidiano Correo del Orinoco.

 

In una trasmissione dell’emittente Venezolana de Televisión, il Capo dello Stato ha spiegato che il ministro degli Esteri, Jorge Arreaza, gli ha consegnato una relazione dove è svelata nel dettaglio la campagna dei media statunitensi contro la madrepatria di Bolívar nel 2017.

 

«Da questo studio effettuato da un gruppo di professionisti, si evince qual è la natura di questa campagna dei media statunitensi e, la guerra mondiale della comunicazione contro il governo bolivariano, contro di me come essere umano, contro il popolo del Venezuela, contro la Rivoluzione», ha denunciato Maduro.

 

Che poi ha aggiunto come durante i mesi in cui nel paese si sono sviluppati gli atti terroristici (Guarimbas), siano state trasmesse 439 notizie negative, publicate quasi ogni giorno in prima pagina dalla maggior parte dei media statunitensi. Quelle stesse notizie che poi troviamo rimasticate in Italia e rilanciate a reti unificate. 

 

Questi i numeri della denuncia di Maduro: « 505 (notizie negative pubblicate) in maggio, 385 in giugno, mentre in luglio 531, in agosto si è raggiunta quota 618 e quando la pace è arrivata in Venezuela con l'Assemblea Nazionale Costituente il livello è sceso fino ad arrivare alle 166 notizie negative nel mese di dicembre». 

 

Tra i protagonisti di questa strategia troviamo i principali media statunitensi. Quegli stessi che godono di credibilità e affidabilità evidentemente immeritate, alla luce del loro agire truffaldino. Bloomberg, mezzo di comunicazione finanziario degli Stati Uniti, ha generato più notizie negative contro il Venezuela con 245 note diffuse. Al secondo posto c'è il Miami Herald e il terzo posto è occupato dal Washington Post. 

 

«Coloro che hanno investito in azioni del Miami Herald sono i corrotti che hanno portato via i dollari dal Venezuela, ora hanno un'influenza quasi decisiva su tutto ciò a cui è dato risalto dal Miami Herald sui social network, nella stampa scritta».

 

Ha evidenziato il presidente, aggiungendo i nomi degli altri protagonisti di questa guerra asimmetrica condotta ai danni della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Si tratta di nomi noti come CNN, New York Times, CBS, Fox News. Il cui compito principale è quello di giustificare le aggressioni al Venezuela. 

 

Dal rapporto presentato, emerge infine che Reuters è l’agenzia di stampa che ha generato più note negative sul Venezuela, seguita a ruota dall’Associare Press (AP), che si deve ‘accontentare’ della seconda piazza. 

 

«Ciò che le agenzie di stampa cercano di dipingere dall’estero è che ‘siamo un paese in guerra’ (...) è per questo che quando persone di nazioni diverse visitano il nostro paese non possono credere a quello che vedono: un paese in pace, un paese in rivoluzione, un Governo che ha vinto le ultime tre elezioni tra i mesi di luglio e dicembre del 2017 e che si sta già preparando per una grande vittoria nel 2018», ha chiosato Jorge Rodríguez, ministro del Potere Popolare per la Comunicazione e l’Informazione.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SANA

L'Iran ripudia il piano degli USA di creare un esercito in Siria

L'Iran considera la decisione degli Stati Uniti di formare le cosiddette "forze di sicurezza delle frontiere" nella Siria nord-orientale come una "chiara interferenza" negli affari interni del paese arabo e avverte che questa misura controversa peggiorerà e prolungherà la crisi.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi ha avvertito che l'iniziativa degli Stati...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia promette rappresaglie contro gli Stati Uniti per la creazione di una guardia di frontiera in Siria

Indignato per l'addestramento di 30.000 miliziani arabo-curdi sul confine turco-siriano da parte degli Stati Uniti, il capo del Comitato di difesa della Camera bassa (Duma) del parlamento russo, l'ammiraglio Vladimir Shamanov, promette misure di rappresaglia a questo proposito.

"[Tale comportamento della cosiddetta coalizione guidata dagli USA] è un affronto diretto [con gli...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Eurodeputato Couso: "Con sanzioni illegali l'Ue cerca di sabotare il dialogo tra opposizione e governo in Venezuela"

"Un'Unione Europea di parte compie un'azione di sabotaggio di dialogo di Santa Domingo tra il governo e opposizione venezuelana con sanzioni unilaterali contrarie al diritto internazionale....
Notizia del:

"L'Ue mostra la sua vocazione coloniale". L'ex presidente dell'Honduras Zalaya condanna le sanzioni contro il Venezuela

Manuel Zalaya, l'ex presidente dell'Honduras vittima di un golpe nel 2009 targato dall'Amministrazione Obama per la sua decisione di aderire all'Alba bolivariana, ha espresso la sua solidarietà...
Notizia del:

Venezuela, le destre golpiste hanno già il nuovo Rambo e si preparano per il 23 gennaio

Intanto gli Usa hanno mandato le condoglianze alle famiglie del gruppo armato di Oscar Pérez

di Geraldina Colotti* Gira in rete e su whatsap un video-messaggio grottesco e inquietante proveniente...
Notizia del:

VIDEO. Honduras, il momento esatto in cui un anziano viene assassinato durante le proteste

Tanti feriti e arresti da parte del regime per reprimere le proteste di ieri, sabato 20 gennaio, contro la frode elettorale che ha visto confermato il candidato di Washington. Nella foto l'ex presidente Zalaya durante le manifestazioni nella capitale Tegucigalpa

Questo sabato 20 gennaio, le proteste dell'opposizione in Honduras contro la frode elettorale ha coinvolto...
Notizia del:

Da Daktari a Óscar Pérez: l'uso della carta paramilitare contro il Venezuela

Piano Colombia, un piano importato e la frontiera

MISION VERDAD (traduzione di Francesco Monterisi) Durante il governo di Alvaro Uribe Vélez,...
Notizia del:

Altra Fake news. Maduro interverrà "in stile Putin" nelle elezioni colombiane

Costantemente sorgono nello scenario internazionale nuove matrici d'opinione come strumento di attacco politico e mediatico. A quanto pare le elezioni in Colombia coincidono esattamente con la russofobia globale, di cui il Venezuela è erede per allineamento geopolitico.

Mision Verdad Un articolo pubblicato la settimana scorsa sul quotidiano El Espectador in Colombia presenta...
Notizia del:

Il Venezuela condanna le sanzioni europee. "L'UE è una sussidiaria di Washington. Eseguono gli ordini imperialisti degli Usa"

Il ministro degli esteri venezuelano Arreaza ha commentato le nuove sanzioni europee: "E' un ordine imperialista. L'Ue ha eseguito"

      Il ministro degli Esteri del Venezuela, Jorge Arreaza, ha condannato le sanzioni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa