/ I veri sconfitti in Venezuela: i media

I veri sconfitti in Venezuela: i media

I veri sconfitti in Venezuela: i media
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Leopoldo Santos Ramirez - La Jornada
 

L'industria dei media, degli USA, si sta muovendo tra le contraddizioni della politica interna USA e della politica internazionale senza adempiere alla funzione di informare con la verità il suo pubblico, evidenziando la sua decomposizione ed inefficacia. Un dato verificabile è che, in meno di un anno, lo schema informativo di questi media ha accumulato due sconfitte. La prima si produsse  con la vittoria di Donald Trump alla presidenza USA, e la seconda con il voto, in massa, dei venezuelani che sostennero alle urne l'elezione dell'Assemblea Nazionale Costituente, il 30 luglio.

 

Nel primo caso i media hanno scommesso sulla candidatura di Hillary Clinton ed hanno miseramente fallito. Durante la campagna elettorale, al candidato repubblicano non gli fu difficile mostrare, agli elettori, la grande stampa come una fabbrica di bugie e distorsioni contando su un ambiente di recessione economica; inoltre entrò in una dura concorrenza per determinare chi poteva fabbricare intrighi e menzogne più credibile ed in quello scenario mediatico scalò sino alla Casa Bianca, lasciando indietro la grande industria informativa e l'intrattenimento che gli si opponeva. La lotta prosegue e l'affaire post-elettorale occupa più della metà della vita pubblica USA, lasciando lucrosi profitti ai media.

 

Il Venezuela è il secondo caso di sconfitta. Prima del 30 luglio i media USA di portata continentale, questa volta in coppia con la politica estera USA, usarono tutto il loro potere di diffusione e distorsione della realtà per opporsi alle elezioni per l'Assemblea Nazionale Costituente e tornarono a fallire. I venezuelani ignorarono le informazioni, di veleno ed odio, e andarono massicciamente a votare perché aspirano alla pace. Il loro rifiuto all'intromissione nella loro vita politica dei media stranieri, anche se siano sostenuti dalla stampa della destra venezuelana, non si riferisce solo ad una reazione nazionalista, ma che conobbero in prima persona i fatti degli attacchi dell'opposizione e poterono individuare da che parte proveniva la violenza e gli atti criminali occultati da telegiornali come quelli del consorzio CNN che guida gli intrighi e funge da portavoce dei peggiori interessi dell'oligarchia venezuelana. Soprattutto perché  fecero distinzione e non trovarono, nella destra, se non  l'idea di un colpo di stato, senza un programma che affermasse il reale interesse delle masse. Voci e facce dei presentatori e commentatori, da Patricia Janiot includendo Juan del Rincón, trasmettendo in spagnolo, sono diventati sinonimi di sfacciataggine e menzogna.

 

 

 

 

 

 

 

Ora, se da un lato ci sono costanti attacchi a Trump volti a promuovere un processo politico per i suoi legami con i russi, d'altra parte questi stessi media gongolano nel riprodurre le minacce di intervento militare USA contro il governo di Nicolás Maduro, per fortuna rifiutato dagli stessi governi piegati all'interesse USA, adducendo  la probabilità di maggior destabilizzazione in questi paesi, tra i quali c'è il Messico.

 

Ma anche se, in Venezuela, la sconfitta della destra è chiara, nel nostro paese la reazione di quella che può ancora, nostalgicamente, chiamarsi la sinistra, ha superato livelli di ignominia. Il suo silenzio riguardo gli attacchi contro la democrazia in Venezuela significa che si è piegata alla politica estera di Peña Nieto? Dov'è la presa di posizione dei partiti e delle organizzazioni sociali che ancora rivendicano qualche elemento di sinistra nelle loro dichiarazioni di principi? Perché definirsi, davanti ai messicani, e fornire orientamenti alle proprie basi è esigibile  pubblicamente da Morena, PRD, PT, Movimento Cittadino e l'EZLN. Cosa pensano i militanti di tali organizzazioni? Rimarranno a braccia conserte? Bene che abbiano differenze con la direzione chavista della Repubblica Bolivariana, ma è necessario metterli sul tavolo della discussione e dire apertamente  la loro opinione di fronte alla possibilità di un intervento del blocco di governi di destra che ancora potrebbero propendere verso il militare.

 

Il silenzio indica che stiamo andando avanti nell'abbandono della solidarietà per i popoli latinoamericani, principio fondamentale della nostra stessa esistenza come nazione indipendente.

(Traduzione di Francesco Monterisi)

Pubblichiamo su gentile concessione dell'autore

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Citgo Petroleum Corporation, il Venezuela smantella una rete di corruzione di altissimo livello in servizio negli USA

di Geraldina Colotti*   In una conferenza stampa, il Procuratore generale del Venezuela, Tareck William Saab, ha dato conto di una rete di corruzione ad altissimo livello in cui risultano...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

L'irrefrenabile e insana passione di Pierferdinando Casini per il golpismo venezuelano

Questa volta il nostro ha voluto dedicare un affettuoso tweet al latitante Antonio Ledezma dipingendolo come un perseguitato politico

di Fabrizio Verde   Sempre dalla stessa parte. Quella del golpismo in Venezuela. Il ‘moderato’...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Governo Bolivariano condanna la decisione di Mariano Rajoy di accogliere il latitante venezuelano Antonio Ledezma

  Il Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime la sua indignazione per la decisione del primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, che ha...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia sfida Israele e Stati Uniti: Hezbollah rimarrà in Siria

L'ambasciatore russo in Libano avverte che Hezbollah "non andrà via dalla Siria", sfidando così Israele e gli Stati Uniti, che stanno cercando il ritiro del movimento di resistenza libanese.

"Chiunque ha cercato di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Asad, ora, con tutti i mezzi, cerca il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno fallito in Siria e accusano Assad per l'uso di armi chimiche

La Russia rifiuta il "documento politicizzato" degli Stati Uniti sugli attacchi chimici in Siria e lo attribuisce al fallimento dei piani di Washington per rovesciare al-Assad.

In alcune dichiarazioni rilasciate ieri ai giornalisti, il capo della Commissione Difesa del Senato russo, Victor...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
Notizia del:

E' la sconfitta dell'Isis. Putin riunisce Rohani e Erdogan a Sochi sul futuro della Siria

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato a Sochi il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, e iraniano, Hassan Rouhani, per cercare di giungere ad un compromesso sulla ricostruzione della Siria....
Notizia del:     Fonte: RT

Presto non avremo più bisogno delle banche. Parla l'esperto di criptovalute Falkvinge

Secondo l’esperto «la criptovaluta non ha davvero bisogno di sostituire il dollaro USA, sostituire l'euro. Ha solo bisogno di sopravvivere mentre questi colossi crollano sotto il loro stesso peso. E quando accadrà, sarà molto veloce»

  Siamo agli albori di un cambiamento epocale. Una nuova era dove le banche non saranno più un intermediario...
Notizia del:

Ecco come Cina e Russia hanno scavato la fossa dove seppellire il dollaro

di Misión Verdad da misionverdad.com Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it La Cina, l'unico paese con la forza sufficiente per sfidare l'egemonia finanziaria statunitense,...
Notizia del:

"Dopo 60 anni di attesa sta per nascere la Pesco". Sapete di cosa sta parlando la Ministra Pinotti?

di Manlio Dinucci* il manifesto, 21 novembre 2017 Dopo 60 anni di attesa, annuncia la ministra della Difesa Roberta Pinotti, sta per nascere a dicembre la Pesco, «Cooperazione strutturata...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:     Fonte: Mehrn

Iran: la tratta di esseri umani in Libia è dovuta all'aggressione straniera

Gli invasori militari che creano zone di conflitto e instabilità spianano la strada alla tratta di esseri umani in Libia, è la denuncia inviata dall'Iran alle Nazioni Unite.

"La tratta di esseri umani, soprattutto in situazioni di conflitto, sta diventando una sfida globale con...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa