/ Il chavismo è maggioranza in Venezuela

Il chavismo è maggioranza in Venezuela

Il chavismo è maggioranza in Venezuela
 

La Rivoluzione Bolivariana ama votare. Dimostra ancora una volta che il suo cammino transita obbligatoriamente per il percorso elettorale. Condizione necessaria ma non sufficiente. La democrazia per il chavismo è molto più che il mero atto di votare

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Alfredo Serrano Mancilla - Publico
 

Nuovo appuntamento elettorale in Venezuela. Sì, avete letto bene: elezioni in Venezuela. Le numero 22 negli ultimi 18 anni. Una media di molto superiore a quella considerata ‘normale’ per qualsiasi democrazia. Questa volta, è stato il turno delle regioni. E il chavismo è tornato a vincere: avendo la meglio in molti più Stati rispetto all’opposizione (17 a 5; manca Bolivar per concludere). Nel voto nazionale il chavismo trova una maggioranza significativa (54%).

 

Alla luce di questi risultati, è necessario presentare alcune conclusioni preliminari:

 

1. La Rivoluzione Bolivariana ama votare. Dimostra ancora una volta che il suo cammino transita obbligatoriamente per il percorso elettorale. Condizione necessaria ma non sufficiente. La democrazia per il chavismo è molto più che il mero atto di votare. Tuttavia, l'elettorale non è negoziabile come premessa fondamentale nel progetto politico. Ma c'è ancora di più: il chavismo ama la battaglia elettorale. Le dirigenza e i suoi sostenitori appaiono in grande spolvero in ogni campagna elettorale. Non c’è nessun dubbio: l’importanza che Chavez ha dato alle elezioni è sta assunta dal popolo venezuelano in maniera irreversibile. E il presidente Maduro ha proseguito sulla stessa linea: 5 elezioni in meno di 5 anni. E l’anno prossimo, come previsto in base ai tempi costituzionali, ci saranno le elezioni presidenziali. 

 

2. L’obiettivo del chavismo è una profezia auto-incompiuta. Sottovalutare l’eredità di Chavez vuol dire davvero ignorare il Venezuela del XXI secolo. Nonostante le tensioni che possono sorgere nel blocco egemonico, il chavismo come identità politica è molto più solido di quanti alcuni desiderano. Come qualsiasi processo politico, è attraversato da fasi differenti che provocano mutazioni, contraddizioni e sfide da superare. Tuttavia, il chavismo ha come essenza il crescere di fronte alle avversità. Di fronte alle minacce di Trump, i blocchi finanziari, le dichiarazioni dell’OSA, le guarimbas che hanno provocato molti morti, di fronte ai ripetuti tentativi di far passare il Venezuela per quello che non è, il chavismo ha chiarezza politica sull’importanza dell’unità nonostante legittime divergenze e critiche che possono esserci. Inoltre, il chavismo è qualcosa di più che un governo chavista. Si tratta di una maggioranza che quasi sempre decide in modo plebiscitario sapendo scegliere il migliore tra due progetti politici diametralmente opposti. Allo stesso modo in cui al suo tempo ha creduto necessario dare una tirata d’orecchi ai propri governanti nelle passate legislative, sostengo successivamente in maniera massiccia la Costituente. E adesso, nuovamente, decide in maggioranza che il chavismo deve gestire gli Stati del paese per superare una situazione complicata.

 

3. L'opposizione non sa cosa fare. In questo caso, sul versante oppositore, l’unità, nonostante le sue sigle, brilla per assenza. Non è né monolitica né omogenea per quanto possa essere imposta dal Nord. La storia politica venezuelana conta anche se alcuni mezzi di comunicazione vogliono ignorarlo. La vecchia partitocrazia di opposizione è così tanto presente da rendere molto difficile rinnovare il campo politico di confronto. Alla gente comune interessa poco della sceneggiata all’OSA dove giurerà un tribunale di giustizia che non avrà mai alcun effetto sul paese. Non è interessata nemmeno a perdere tempo nei dibattiti legali lontani dalla vita quotidiana. Più passa il tempo, più è improbabile che esista un’opposizione necessaria al paese in questo tempo storico. Se a questo aggiungiamo il carattere schizofrenico sull’accettare o meno la via elettorale, allora, succeda quel che succeda: continueranno a non costituire una reale alternativa. 

 

4. A una parte del mondo non piace la pace. Dopo oltre due mesi, nei quali non ci sono state morti o violenze, il Venezuela ha smesso di occupare le prime pagine. Queste elezioni sono state ignorate. Sapevano in anticipo che la maggioranza dei venezuelani avrebbe votato a favore del chavismo? È paradossale che dopo avere dedicato fiumi d'inchiostro per esigere le elezioni, adesso che ci sono, non interessano. 

 

In ultima analisi, l’appuntamento elettorale ratifica il voto di fiducia della cittadinanza venezuelana al suo governo. Vince la Pace, vince la Costituente. La partecipazione è stata molto elevata: poco più del 61%. La più alta nelle regionali venezuelane del XXI secolo. Più alta delle ultime regionali in Messico, Cile e Colombia. A partire da adesso il chavismo si trova davanti alla sfida di lavorare ascoltando il territorio, rispondendo alle richieste del popolo, sapendo che ci sono problemi, ma che chiaramente ci sono alternative, che bisogna cercare fino a trovarle senza rischiare di perdere la sovranità o tutte le conquiste sociali ottenute in questi anni. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde) 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Mision Verdad - "Il narcostato colombiano e la sua guerra economica al Venezuela"

  María Fernanda Barreto - Mision Verdad 28 dicembre 2017 (traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora) Quante delle magnifiche storie di letteratura universale...
Notizia del:

Iran: l'arresto di Ahmadinejad è una fake news

La denuncia del giornalista Alireza Mataji

  Il pensiero illusorio (in inglese, wishful thinking), conosciuto anche come pensiero desideroso o pensiero...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Imperialismo senza maschere

di Jorge Arreaza M.*   Il 2017 è stato un anno chiarificatore durante il quale la politica internazionale si è sincerata e ha messo alla prova la politica estera della Repubblica...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: nell'ultimo anno aumenti salariali del 664%

Gli aumenti salariali - che incidono sul reddito di oltre 13 milioni di lavoratori del paese - sono parte di della politica implementata dal governo nazionale per proteggere la classe operaia e dare piena attuazione alla Costituzione Bolivariana

  L'aumento salariale del 40% decretato domenica 31 dicembre dal presidente della Repubblica, Nicolas...
Notizia del:     Fonte: RT

Le immagini false sulle proteste in Iran che circolano sui social network

Le immagini di manifestazioni in altri paesi, e persino film, circolano sui social network mostrate come fossero proteste anti-governative in Iran.

I comunicatori influenti hanno fotografato dimostrazioni in altri paesi, e persino film di finzione, e li hanno...
Notizia del:

Il Venezuela esprime solidarietà alla Repubblica Islamica dell'Iran e condanna le ingerenze di Usa e Israele

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, ribadendo il suo sincero sentimento di solidarietà nei confronti della Repubblica Islamica dell'Iran si augura che il popolo e il governo del paese fratello possano continuare a costruire e rafforzare il proprio modello di paese sovrano senza l'intervento di alcun potere straniero

da AVN   La Repubblica Bolivariana del Venezuela condanna gli atti di violenza che si sono verificati...
Notizia del:

Non è la Russia ma Israele a intossicare l'informazione. Lo scandalo che scompare prima che sia troppo tardi

Così come è stato per l’indecente storia dei servizi segreti italiani (che, tramite mazzette, pilotavano  l’opinione pubblica ), scompare prima di nascere lo “scandalo”...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:

Perché gli "Stati Uniti d'Europa" non è la cosa più spaventosa detta oggi da Renzi

    “Il 4 marzo come il nuovo 1948”. Lo ha scritto Fabbrini (della Luiss) il 3 dicembre su il Sole 24 ore (giornale di Confindustria). Lo ha ribadito oggi Andrea Bonanni su...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:

Il tormentone fake news ha il primo risultato: la "verità" la decideranno i poliziotti di Minniti

di Dante Barontini* Siamo governati da ignoranti contenti di esserlo. Dunque da gente pericolosa per tutta la popolazione, perché – perversa conseguenza di leggi elettorali che...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa