/ Il crollo del consenso politico tedesco potrebbe propagarsi sull'...

Il crollo del consenso politico tedesco potrebbe propagarsi sull'Europa

Il crollo del consenso politico tedesco potrebbe propagarsi sull'Europa
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

di Cui Hongjian* - Global Times

Il fallimento di una coalizione tripartita tra la Democrazia Cristiana del Cancelliere tedesco Angela Merkel (CDU), il Partito Democratico Libero (FDP) e i Verdi, e il rifiuto del Partito Social Democratico (SPD) non disposto a  sostenere la formazione di un governo, hanno ha generato una tempesta politica in Germania. 

 

Il capo della SPD, Martin Schulz, ha detto venerdì che il suo partito ha accettato di avviare colloqui esplorativi con i conservatori di Merkel. Questo ha gettato luce sulle speranze di un nuovo governo di coalizione all'inizio del prossimo anno.

 

L'incertezza politica significa che la Germania sta affrontando il cambiamento dopo la stabilità politica a lungo termine. È probabile che l'incertezza si diffonda, non solo danneggiando le agende politiche in Europa, ma interessando anche i suoi partner, compresa la Cina.

 

Per molti anni, la stabilità politica in Germania si è basata su un consenso politico postbellico e sulla fiducia sociale. Sulla base di ciò, negli ultimi 12 anni, Merkel e la CDU hanno sviluppato la politica e si sono uniti all'FDP o alla SPD per formare un governo. Non solo garantiva lo sviluppo economico, ma assicurava anche alla Germania una reputazione rinomata in tutto il mondo.

 

Ma nascosto dietro la stabilità è il fatto che il consenso politico e la fiducia condivisa dalle parti gradualmente si sono interrotte. La decisione della Merkel di aiutare la crisi del debito dell'Eurozona ha fatto infuriare il FDP, e la sua politica sui rifugiati ha provocato conflitti tra partiti politici e divisioni sociali.

 

L'FDP si è ritirato dalla coalizione a causa di una mancanza di fiducia - ritiene che il CDU lo abbia usato per formare un governo di coalizione e vuole prendere le distanze dalle politiche simili adottate da altri partiti.

 

Allo stesso modo, anche se la stabilità politica nazionale è più importante degli interessi propri delle parti, l'SPD non ha ancora accettato una grande coalizione. Ciò che Schulz vuole davvero questa volta è che l'SPD trovi la propria strada per conquistare nuovamente la popolarità come partito di opposizione senza vivere sotto l&#

39;ombra del consenso politico rappresentato dalla Merkel.

 

L'attuale incertezza politica in Germania ha spinto l'Europa nella confusione. Alcune persone paragonano il fallimento di un governo di coalizione alla Brexit e la vittoria elettorale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Per quanto esagerato, confonderebbe paesi che vogliono trarre esperienza dalla Germania, come l'Italia, che si terranno le elezioni la prossima primavera. Se i colloqui della coalizione tedesca non riescono a raggiungere un risultato positivo il prima possibile, ci sarà un effetto di ricaduta sulle elezioni italiane.

 

La zona euro e le politiche dell'UE sono in attesa di reazioni e decisioni tedesche e alcuni processi sono stati interrotti. Sebbene il governo tedesco possa adempiere al proprio dovere ora, non ha legalità e non può sopportare le conseguenze legali e politiche successive al processo decisionale. Quindi non può fare politiche o grandi decisioni.

 

Il presidente francese Emmanuel Macron sta sostenendo le riforme della zona euro, e sarà ansioso perché i suoi piani hanno bisogno del sostegno della Germania. Certamente, anche il primo ministro britannico Theresa May sarà nervoso, visto che la Germania ha la più grande voce nei negoziati economici sulla Brexit. I negoziati agevoli con l'UE saranno più difficili senza l'aiuto tedesco.

 

Ultimamente, il rapporto tra Cina e Germania ha anche incontrato grandi sfide con la Germania che si occupa di relazioni bilaterali in modo improprio. L'incertezza politica impedisce ai due di aumentare la fiducia e la cooperazione. Anche se alla fine ci sarà un governo tedesco, la sua vulnerabilità può essere prevista e la cooperazione bilaterale potrebbe non essere in prima linea nelle relazioni Cina-Europa.

 

Ma possiamo anche trovare alcuni motivi per essere ottimisti riguardo alle relazioni bilaterali in futuro. Questo cambiamento politico in Germania si estenderà ai settori economico e diplomatico, e il nuovo governo riconsidererà i suoi pensieri sul mondo e la Cina attraverso dibattiti sulle sue politiche questa volta.


*direttore del Dipartimento di Studi Europei, China Institute of International Studies

 

(Traduzione dall’inglese de l’AntiDiplomatico)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The News York Times

The New York Times: "La CIA ha interferito più di 80 volte nelle elezioni di altri Paesi"

Sin dal suo inizio, la CIA ha anche contribuito a rovesciare i leader eletti in altri paesi, sostenuto colpi di stato, ha organizzato omicidi per ragioni politiche e sostenuto i governi anti-comunisti, si legge in un articolo del quotidiano statunitense, 'The New York Times'.

La Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti ha interferito nelle elezioni in diversi paesi sin dall'inizio...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Manlio Dinucci - A chi sono utili "le inutili guerre"

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 13 febbraio 2018    La canzone meritoriamente vincitrice del Festival di Sanremo è accompagnata da un videoclip che mostra drammatiche...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Rapporto ingannevole del Pentagono 'nasconde' le armi nucleari statunitensi

Il Pentagono, nel suo ultimo rapporto sulla sua nuova dottrina nucleare, cerca di mostrare la presunta mancanza di sviluppo nucleare degli Stati Uniti per nascondere i veri dati sul suo arsenale atomico, secondo un'analisi del quotidiano statunitense 'The Washington Post'.

Il segretario del Dipartimento della Difesa (il Pentagono), Jim Mattis, ha mostrato e spiegato al Senato un grafico...
Notizia del:     Fonte: France 24

Iran: Gli europei non dovrebbero avere paura degli Stati Uniti

In un'intervista rilasciata a France 24, il viceministro dell'Economia iraniano ha dichiarato che l'Iran è rimasto fedele all'accordo sul nucleare, il piano globale di azione congiunta e ha arricchito gli scambi economici con il mondo.

"Siamo impegnati a rimanere nel patto nucleare, ma ammettiamo che il livello degli investimenti stranieri...
Notizia del:

Mar Cinese Meridionale, Pechino promette "un'umiliazione totale" agli Stati Uniti

Pechino ha minacciato Washington di "un'umiliazione totale" se le sue "provocazioni" nel Mar Cinese Meridionale dovessero continuare. Le dichiarazioni dalla Cina arrivano dopo...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:

L’uso fake dei diritti umani. La Cina si disciplina contro le interferenze Usa

  di Fabio Massimo Parenti - Marx21.it Xinjiang e Tibet Il 13 dicembre Human Right Watch, organizzazione con base a New York e sedi in mezzo mondo, ha rilasciato un rapporto sulla...
Notizia del:

Altro colpo mortale all'egemonia del dollaro? Cina e Pakistan da oggi lo sostituiscono con lo yuan

La Banca centrale del Pakistan ha concordato martedì di sostituire il dollaro USA con lo yuan per gli scambi bilaterali con la Cina. Si tratta di una decisione che potrebbe acellerare la fine dell'egemonia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

La Francia si muove verso Cina e Russia?

Il ministro dell'Economia e delle Finanze francese, Bruno Le Maire, l’intenzione di intensificare le relazioni commerciali con Russia e Cina

  Il ministro dell'Economia e delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha mostrato la sua volontà...
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

CI AVETE ROVINATO LA VITA: VI ASPETTAVATE SORRISI E BACINI?

La strada non è un comodo salotto televisivo, né un convegno in un teatro, è un luogo di incontro e di scontro. In questi giorni gelidi, le stiamo battendo, con le mani intirizzite...
Notizia del:

Gli ultimi sondaggi tedeschi sono spietati contro i partiti della Groko

di Federico Nero   Dopo quasi 5 mesi di travaglio la CDU/CSU è riuscita a raggiungere l’accordo per la formazione del nuovo governo con la SPD, un’altra Grosse Koalition (GroKo)...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi: "Trovo sfacciata la campagna contro il M5S fatta da partiti che non hanno mai restituito niente"

"Questo è il regime politico mediatico che censura scandalosamente #Poterealpopolo"

Giorgio Cremaschi, candidato per Potere al Popolo a Napoli e Bologna, prende posizione sulla cosidetta "rimborsopoli"...
Notizia del:

DALLA PARTITOCRAZIA ALLA SECONDA REPUBBLICA: VADEMECUM STORICO VERSO LE ELEZIONI POLITICHE 2018

  Di Michel Fonte   Venticinque anni di gerrymandering all’italiana Queste prime settimane di campagna elettorale hanno acutizzato il disagio in tutti coloro che erano già...
Notizia del:

Macron e l’Europe en Marche!

Mercoledì scorso l’Europarlamento (EP) ha votato la re-distribuzione dei 73 seggi del Regno Unito. Nella prossima assemblea ci saranno 705 seggi invece di 751 (quindi 46 in meno) con 27 scranni...
Notizia del:

VIDEO. Nuovo raid nazista in Ucraina contro due giovani militanti comunisti (Ecco chi finanziano e armano l'UE e gli Usa)

  Comunicato del Partito Comunista di Ucraina da solidnet.org Traduzione di Marx21.it L'8 febbraio 2018, i neonazisti delle cosiddette “Squadre Nazionali” hanno attaccato...
Notizia del:

17 marzo 2011, emerge la verità sulla riunione d'emergenza con cui Napolitano portò l'Italia in guerra contro la Libia

Le rivelazione di Guido Crosetto, allora sottosegretario alla Difesa, fanno luce sull'adesione del nostro paese alla criminale invasione e distruzione della Libia.

  Pubblichiamo su gentile concessione della redazione questa eccellente nota di commento della ricostruzione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa