/ Il faraone Tutankhamon antenato dell'“eroe di Majdan” Gavriljuk: ...

Il faraone Tutankhamon antenato dell'“eroe di Majdan” Gavriljuk: i golpisti d'Ucraina riscrivono la storia

Il faraone Tutankhamon antenato dell'“eroe di Majdan” Gavriljuk: i golpisti d'Ucraina riscrivono la storia
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



di Fabrizio Poggi*



Cajkovskij e Genghis Khan, Miklukho-Maklaj e Buddha, Gioconda e fratelli Klickò, Costituzione di Pylyp Orlik e scoperta del Canada, Ilja Muromets e invenzione di sommergibili, elicotteri e raggi X. Non c’è campo del genio umano universale di ogni epoca e mito, che non abbia avuto centro e origine da qualche parte di quella che solo da una manciata di decenni è dato conoscere come l’odierna Ucraina. Eppure, Ministeri della Difesa e della Cultura, storici e giuristi, Petro Juscenko e Aleksandr Zinukhov, svelano al mondo a ritmi industriali la “ucrainicità” dell’intero genere umano, tanto che, ci assicurano, già gli antichi filosofi greci disquisivano in lingua ucraina e addirittura Diogene avrebbe consigliato di usarla quale lingua statale.
 

Andando a ritroso nel tempo di qualche miliardo di anni, si verrà a sapere che l’energia e la materia dell’universo, prima del big bang e del caos cosmico, erano effettivamente compresse in un punto infinitamente piccolo della galassia: l’Ucraina.
 

Per ora, fermandoci ad appena tre o quattromila di anni fa, ci si limita a constatare che il faraone della XVIII dinastia Nebkheperura Tutankhamon è diretto antenato, attraverso il seicentesco ataman Severin Nalivajko, del cosacco “eroe di majdan” Mikhail Gavriljuk. La sensazionale scoperta – con tanto di immagine esplicativa – degli studiosi ucraini, è stata annunciata dal primo canale della Radio di stato.
 

Le cronache informano che Gavriljuk, oggi deputato della Rada – il minimo, per un discendente di cotanta schiatta egizia – si sarebbe distinto per la creazione di un battaglione di volontari cosacchi della Guardia nazionale e sarebbe poi entrato a far parte del reparto di pattugliamento della milizia speciale “Porta d’Oro”.
 

Sempre Gavriljuk, lo scorso febbraio, parlado a gordonua.com, aveva proposto di munire di “mitragliatore i deputati e mettere al muro tutti traditori che si siano macchiati di commerci illeciti con le forze di occupazione nel Donbass”: questo, in risposta a quanti contravvenissero al blocco economico, energetico e finanziario decretato a dicembre 2016 dalla junta golpista e attuato dai battaglioni neonazisti. E’ lo stesso Gavriljuk che, nel luglio 2015, aveva definito una “piaga sinistra” la prevista parata gay a Kiev; una manifestazione che, comunque, non avrebbe “riscosso successo”, dal momento che “proviene da satana” ed è organizzata da “persone che bisogna curare, rinchiudere, in modo che non si spanda questa piaga sinistra”. In ogni caso, aveva detto, metà dei deputati della Rada, “a giudicare da come votano, da quali leggi adottino, si può immediatamente capire chi sia chi” e a quale orientamento sessuale si ispiri.



 

E’ probabile che una parte dei deputati della Rada si trovi presto ad aver davvero bisogno di un’arma, in vista di fermenti di concorrenza “presidenziale”. Il rientro in Ucraina dell’ex governatore di Odessa, ex presidente georgiano Mikhail-ricercato-in-patria-Saakašvili, ha messo quantomeno in ridicolo i servizi di frontiera del paese. Privato della cittadinanza ucraina da Petro Porošenko in persona, lo scorso 26 luglio, per falsificazione di documenti, mentre era in viaggio negli Stati Uniti.
 

Dopo aver vagato per diverse settimane tra le frontiere polacca e lituana, ha varcato ieri senza difficoltà, alla garibaldina, come riportano le cronache, il confine polacco-ucraino a Šegin, e si è poi diretto a L’vov, accolto dai suoi sostenitori ma, soprattutto, accompagnato da quella rivale in affari di Porošenko che è la martire del gas Julija Timosenko. La quale, sicuramente più della macchietta georgiana, è in grado di rappresentare una seria minaccia per la stabilità del primo golpista d’Ucraina. In ogni caso, che sia la “bionda atomica” o il truffatore di Tbilisi a far traballare la poltrona presidenziale, si può star sicuri che gli storici di regime troveranno presto un’ascendenza sublime per rivendicare i “destini europeisti” dei nuovi eredi di majdan.
 

Se da almeno due anni si danno in ascesa le quotazioni della Timošenko, senza che questo abbia sinora particolarmente impensierito Petro, è però negli ultimi tempi che da oltreoceano sembra non si punti più precipuamente sul presidente: gli avversari prendono forza.



*Articolo esce in contemporanea tra Contropiano e Antidiplomatico

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
Notizia del:

E' la sconfitta dell'Isis. Putin riunisce Rohani e Erdogan a Sochi sul futuro della Siria

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato a Sochi il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, e iraniano, Hassan Rouhani, per cercare di giungere ad un compromesso sulla ricostruzione della Siria....
Notizia del:     Fonte: RT

Presto non avremo più bisogno delle banche. Parla l'esperto di criptovalute Falkvinge

Secondo l’esperto «la criptovaluta non ha davvero bisogno di sostituire il dollaro USA, sostituire l'euro. Ha solo bisogno di sopravvivere mentre questi colossi crollano sotto il loro stesso peso. E quando accadrà, sarà molto veloce»

  Siamo agli albori di un cambiamento epocale. Una nuova era dove le banche non saranno più un intermediario...
Notizia del:

Ecco come Cina e Russia hanno scavato la fossa dove seppellire il dollaro

di Misión Verdad da misionverdad.com Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it La Cina, l'unico paese con la forza sufficiente per sfidare l'egemonia finanziaria statunitense,...
Notizia del:

"Dopo 60 anni di attesa sta per nascere la Pesco". Sapete di cosa sta parlando la Ministra Pinotti?

di Manlio Dinucci* il manifesto, 21 novembre 2017 Dopo 60 anni di attesa, annuncia la ministra della Difesa Roberta Pinotti, sta per nascere a dicembre la Pesco, «Cooperazione strutturata...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:     Fonte: Mehrn

Iran: la tratta di esseri umani in Libia è dovuta all'aggressione straniera

Gli invasori militari che creano zone di conflitto e instabilità spianano la strada alla tratta di esseri umani in Libia, è la denuncia inviata dall'Iran alle Nazioni Unite.

"La tratta di esseri umani, soprattutto in situazioni di conflitto, sta diventando una sfida globale con...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa