/ Il Parlamento europeo sostiene il neonazismo venezuelano

Il Parlamento europeo sostiene il neonazismo venezuelano

Il Parlamento europeo sostiene il neonazismo venezuelano
 

Tra i vincitori del Premio Sakharov spicca Lorent Saleh, golpista venezuelano pienamente inserito in ambienti neonazisti colombiani

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde

 

In occasione della consegna del Premio Sakharov all’opposizione venezuelana, pomposamente definita democratica, è andata in scena l’ennesima farsa, presso il Parlamento Europeo. Una rappresentazione distorta della realtà mirante ad accreditare la narrazione tossica sul Venezuela bolivariano che viene disegnato come una sorta di immenso lager caraibico a cielo aperto. 

 

Il tutto è stato ovviamente condito con un ingrediente immancabile: le fake news. Proprio quell’arma tanto temuta che secondo la narrazione dominante sarebbe ad esclusivo appannaggio di fantomatici hacker russi. 

 

Leggiamo cosa ha dichiarato il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani alla consegna del premio: «Lo scorso weekend il presidente Maduro ha deciso in maniera arbitraria e antidemocratica di proibire ai principali partiti di opposizione di presentarsi alle elezioni presidenziali». 

 

Si tratta di un esempio da manuale. Questa è una fake news. 

 

Leggiamo inoltre sul portale del Parlamento europeo che «alla cerimonia hanno partecipato: Julio Borges, presidente dell’Assemblea nazionale, Antonio Ledezma, sindaco di Caracas, e i familiari e rappresentanti dei prigionieri politici, cioè Leopoldo López e Antonieta Mendoza (genitori di Leopoldo López), Patricia Gutiérrez (moglie di Daniel Ceballos), Yamile Saleh (madre di Lorent Saleh), José Ignacio Guédez (avvocato di Alfredo Ramos) e Alejandra González, sorella di Andrea González».


Leggi, Venezuela: il lato oscuro (occultato dal mainstream) di Leopoldo Lopez e Antonio Ledezma


Insomma, chi ha un minimo di conoscenza della politica venezuelana, noterà subito che si tratta di quegli stessi dirigenti coinvolti nelle trame golpiste ordite in questi anni per provare a spodestare Hugo Chavez prima e Nicolas Maduro poi. Definirli opposizione democratica, ci pare azzardato finanche per un’istituzione ormai assolutamente screditata come l’Unione Europea. 


Leggi, Chi e' Julio Borges, il nuovo presidente dell'Assemblea Nazionale venezuelana?

 

A balzare però all’occhio è un nome in particolare, quello di Lorent Saleh. Un oppositore molto addentro in ambienti neonazisti e paramilitari. Un sincero democratico, secondo gli opinabili parametri del Parlamento europeo e di Antonio Tajani. 
 

Leggi, Il lato oscuro della vicenda Lopez e le spudorate menzogne dei media mainstream sul Venezuela


Si tratta di un giovane venezuelano, dirigente e membro fondatore della ONG Operación Libertad, preso in custodia dal Servicio Bolivariano de Inteligencia Nacional (Sebin), dopo il fermo avvenuto in Colombia, da parte delle forze di sicurezza locali, nel settembre del 2014. 
 

 


Saleh insieme ad altri membri di Operación Libertad si trovava in Colombia per ricevere addestramento paramilitare, finalizzato a compiere successivamente attentati in Venezuela. Circa le intenzioni del gruppo guidato da Saleh il governo venezuelano presentò diverse evidenze, tra cui un video dove si evincono le intenzioni di destabilizzazione pianificate dal gruppo. 

 

Nel video in questione, Lorent Saleh, si riferisce alle azioni come a pratiche di «pulizia sociale». 

 

L’oppositore democratico - secondo i discutibili canoni di Tajani - non ha mai nascosto la sua tendenza verso l’estrema destra. Volendo essere più precisi, per le idee neonaziste. Lo troviamo molto attivo infatti tra le fila del gruppo Javu (Juventus Activa Venezuela Unida), orgogliosamente affiliato a Otpor, durante le violenze seguite alle elezioni dell’aprile 2014. Violenze che successivamente si è scoperto fossero pianificate nell’ambito del piano golpista ‘La Salida’, per cui Leopoldo Lopez leader di Voluntad Popular è stato in seguito condannato in quanto principale promotore. 

 

Otpor è un’organizzazione finanziata dagli Stati Uniti che troviamo attiva in Jugoslavia nel 2000, nelle cosiddette rivoluzioni colorate nei paesi dell’ex Unione Sovietica, durante le ‘primavere arabe’ e infine in Venezuela. 

 

Troviamo infine Saleh, sempre più democraticamente impegnato, indicato tra i principali oratori in occasione del lancio dell’Alleanza Nazionalista per la Libertà, un nuovo soggetto politico colombiano, di chiara ispirazione neonazista. Questo è quanto scriveva, nel luglio del 2013, il quotidiano colombiano El Espectador: «Hanno assistito circa 40 membri di Tercera Fuerza e come oratori principali c’erano lo studente venezuelano Lorent Saleh e l’ex parlamentare Pablo Victoria, che nel suo intervento, di oltre due ore, ha esposto la sua visione della storia congiunta di America ed Europa, difendendo la colonizzazione spagnola». 


Membri di Alianza Nacionalista por la Libertad
Nella foto Membri di Alleanza nazionalista per la libertà, partecipanti al Convegno dove Saleh ha partecipato come oratore 
 

«Vogliamo che il paese torni alla democrazia, alla libertà e alla dignità», ha inoltre detto Tajani nel suo discorso di premiazione. Belle parole. La realtà invece conferma le nostre denunce: Stati Uniti e vassalli europei vogliono che il Venezuela finisca nelle mani di golpisti e neonazisti. 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Mision Verdad - "Il narcostato colombiano e la sua guerra economica al Venezuela"

  María Fernanda Barreto - Mision Verdad 28 dicembre 2017 (traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora) Quante delle magnifiche storie di letteratura universale...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Imperialismo senza maschere

di Jorge Arreaza M.*   Il 2017 è stato un anno chiarificatore durante il quale la politica internazionale si è sincerata e ha messo alla prova la politica estera della Repubblica...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: nell'ultimo anno aumenti salariali del 664%

Gli aumenti salariali - che incidono sul reddito di oltre 13 milioni di lavoratori del paese - sono parte di della politica implementata dal governo nazionale per proteggere la classe operaia e dare piena attuazione alla Costituzione Bolivariana

  L'aumento salariale del 40% decretato domenica 31 dicembre dal presidente della Repubblica, Nicolas...
Notizia del:

Il Venezuela esprime solidarietà alla Repubblica Islamica dell'Iran e condanna le ingerenze di Usa e Israele

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, ribadendo il suo sincero sentimento di solidarietà nei confronti della Repubblica Islamica dell'Iran si augura che il popolo e il governo del paese fratello possano continuare a costruire e rafforzare il proprio modello di paese sovrano senza l'intervento di alcun potere straniero

da AVN   La Repubblica Bolivariana del Venezuela condanna gli atti di violenza che si sono verificati...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Odebrecht conferma di aver finanziato l'opposizione venezuelana

In diverse occasioni, esponenti del chavismo hanno accusato l'ex governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles di aver ricevuto finanziamenti dalla società di costruzioni brasiliana

  L’imprenditore brasiliano Marcelo Odebrecht, il cui nome risuona in America Latina perennemente legato...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:     Fonte: Pagina12

Argentina, Macri brinda alla repressione: «Chi lancia una pietra è disposto a uccidere»

  Dopo la dura repressione, la criminalizzazione. L’aria natalizia del saluto agli impiegati e i giornalisti presso il Palazzo del Governo, non ammorbidisce la posizione di Mauricio Macri....
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

VIDEO. Honduras, il momento esatto in cui un anziano viene assassinato durante le proteste

Tanti feriti e arresti da parte del regime per reprimere le proteste di ieri, sabato 20 gennaio, contro la frode elettorale che ha visto confermato il candidato di Washington. Nella foto l'ex presidente Zalaya durante le manifestazioni nella capitale Tegucigalpa

Questo sabato 20 gennaio, le proteste dell'opposizione in Honduras contro la frode elettorale ha coinvolto...
Notizia del:

Da Daktari a Óscar Pérez: l'uso della carta paramilitare contro il Venezuela

Piano Colombia, un piano importato e la frontiera

MISION VERDAD (traduzione di Francesco Monterisi) Durante il governo di Alvaro Uribe Vélez,...
Notizia del:

Altra Fake news. Maduro interverrà "in stile Putin" nelle elezioni colombiane

Costantemente sorgono nello scenario internazionale nuove matrici d'opinione come strumento di attacco politico e mediatico. A quanto pare le elezioni in Colombia coincidono esattamente con la russofobia globale, di cui il Venezuela è erede per allineamento geopolitico.

Mision Verdad Un articolo pubblicato la settimana scorsa sul quotidiano El Espectador in Colombia presenta...
Notizia del:

Il Venezuela condanna le sanzioni europee. "L'UE è una sussidiaria di Washington. Eseguono gli ordini imperialisti degli Usa"

Il ministro degli esteri venezuelano Arreaza ha commentato le nuove sanzioni europee: "E' un ordine imperialista. L'Ue ha eseguito"

      Il ministro degli Esteri del Venezuela, Jorge Arreaza, ha condannato le sanzioni...
Notizia del:

L'ex presidente della Colombia Uribe invoca apertamente il colpo di stato in Venezuela

Uribe chiede alla guardia nazionale del Venezuela di rovesciare Maduro. Intanto le opposizioni, convinte dagli Usa e dalla Spagna, non siedono al tavolo di trattative in corso con il governo.

L'ex presidente della Colombia, Alvaro Uribe Velez, ha nuovamente invocato il colpo di stato in Venezuela....
Notizia del:

Nicolas Maduro: "Qualsiasi gruppo armato e finanziato da Miami e dalla Colombia per fomentare il terrorismo farà la stessa fine"

“Avete ascoltato le dichiarazioni del terrorista Alvaro Uribe Velez, incoraggiando questi gruppi violenti2

Caracas, 16 gennaio 2018 (MPPRE) - Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás...
Notizia del:

Brasile, le elezioni senza Lula sono un imbroglio. Firmiamo il Manifesto!

da resistencia.cc La decisione di fissare in un tempo record, per il 24 gennaio, la data del giudizio di seconda istanza del Processo a Lula non ha nulla di legale. Si tratta di un puro...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa