/ Il presidente ceco critica l'unità volta a combattere la disinfor...

Il presidente ceco critica l'unità volta a combattere la disinformazione attiva nel Paese dal 1° gennaio

Il presidente ceco critica l'unità volta a combattere la disinformazione attiva nel Paese dal 1° gennaio
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Una nuova squadra del ministero dell'Interno ceco istituita questa settimana per monitorare e analizzare le "minacce ibride" alla sicurezza come ad esempio le campagne di disinformazione è stata duramente criticata dal presidente del paese.

Il Centro contro il terrorismo e le minacce ibride (CTHH) comprende un gruppo di 20 funzionari con il compito di identificare le minacce di radicalizzazione politica e il terrorismo e le campagne di disinformazione straniere rivolte al pubblico.

L'iniziativa segue gli avvertimenti del servizio contro-intelligence del paese che la Russia sta attivamente influenzando l&# 39;opinione pubblica ceca sopra la NATO, l'Unione europea e altri problemi attraverso la cyber-guerra, la propaganda e il supporto a gruppi populisti ed estremisti.

 Ma il presidente Milos Zeman e la sua amministrazione hanno criticato il nuovo Centro, sostenendo che potrebbe violare la libertà di parola.

Il portavoce di Zeman, Jiri Ovcacek, ha paragonato il centro all'ufficio censura dell'era comunista. "Nessuno può avere il monopolio della verità".

"Non abbiamo bisogno di censura"; ha detto Zeman in un discorso il 26 dicembre
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

"Macron non è né un outsider né uno sfidante dello staus quo: è solo una pedina dell'establishment per bloccare la Le Pen"

    Il candidato «centrista» Emmanuel Macron non non era neanche stato proclamato vincitore del primo turno delle elezioni presidenziali francesi che l'establishment politico...
Notizia del:

Il “meno peggio” è la causa del “peggio”: è Macron la malattia politica dell’Europa. Emiliano Brancaccio

"Chi a sinistra invita a votare il “meno peggio” non sembra comprendere che nelle condizioni in cui siamo il “meno peggio” è la causa del “peggio”. Le Pen...
Notizia del:

Per l'Ue è già Brexit, almeno sulle mappe

 "In qualità di Presidente della Commissione ho cercato di conferire alle priorità sociali l'importanza che meritano in Europa. Con il pilastro europeo dei diritti sociali e...
Notizia del:

La fine del sistema a due partiti in Francia

 “Siamo alla fine del sistema a due partiti in Francia?”, si domandava ieri Fraser King di Citi, durante lo spoglio dei voti del primo turno delle elezioni presidenziali francesi. La...
Notizia del:

Cecilia Malmstroem negli Usa per riprendere i colloqui sul TTIP

Il commissario europeo per il Commercio, Cecilia Malmstroem, è a Washington oggi per discutere sucome procedere con i colloqui sul TTIP. Il presidente degli Stati Uniti Trump sembra aver ammorbidito...
Notizia del:

Jacques Sapir: "L'unico candidato che può tenere testa alla Le Pen è Jean-Luc Mélenchon"

A tre settimane del primo turno delle elezioni presidenziali francesi c'è stato un riequilibrio delle forze in una campagna in cui è sempre più difficile prevedere l'esito....
Notizia del:

Theresa May ha annunciato elezioni anticipate per l'8 giugno

  In una mossa a sorpresa, il primo ministro britannico Theresa May ha annunciato elezioni anticipate l'8 giugno in un tentativo di rafforzare la sua posizione in vista dei negoziati sulla Brexit. Oltre...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa