/ Il primo paese ad aver inviato aiuti umanitari al Perù per i dann...

Il primo paese ad aver inviato aiuti umanitari al Perù per i danni de 'El Niño Costero'

Il primo paese ad aver inviato aiuti umanitari al Perù per i danni de 'El Niño Costero'
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Le regioni della costa settentrionale del Perù, i più colpiti dopo le alluvioni che hanno causato la morte di almeno 75 persone nel paese, vivranno ancora maggiori difficoltà questa settimana, con le piogge che non caleranno d'intensità. Lo ha annunciato il Servizio Nazionale di Meteorologia e Idrologia (SENAMHI). La fase più acuta secondo quest'ultimo si avrà fino a giovedì 23 marzo nella zona (già la più colpita) compresa tra Tumbes, Piura, Lambayeque e La Libertad, che insieme sono circa 64.000 e circa 360.000 vittime colpite. Lo riporta Telesur.

Il primo bilancio della terribile alluvione parla di almeno 263 feriti, 20 dispersi, 100.000 senza tetto e 630.000 persone colpite. 33 strade sono state irremdiabilmente danneggiate, rendendo i soccorsi ancora più problematici.



Anche nella capitale, Lima, la situazione è particolarmente complicata: ci sono interi quartieri che sono da giorni senza acqua, dopo le frane che hanno colpito il fiume Rimac, la principale fonte di approvvigionamento idrico della città.

Data la complessità della situazione, il presidente peruviano Pedro Pablo Kuczynski ha annunciato la possibilità di nominare un commissario della ricostruzione delle aree colpite, che potrebbe essere chiamato "zar". "Quello che stiamo studiando è quello di creare una sorta di zar della ricostruzione. Non mi piace la parola zar. Ma è un sistema, così come il Piano Marshall in Europa, necessario", ha detto Kuczynski.

Intanto è subito scattata la solidarietà dei paesi dell'America Latina. Nonostante le recenti dichiarazioni interventiste contro Caracas da parte di Kuczynski e l'impasse diplomatica tra i due paesi, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato sabato che le squadre di salvataggio bolivariane sono in attesa che il governo peruviano dia l'ok per l'ingresso nel paese. Nel frattempo, l'Ecuador è stato il primo paese a inviare aiuti umanitari in Perù per le vittime.

Domenica pomeriggio è atterrato all'aeroporto di Lima un aereo della Air Force ecuadoriana con un carico di cibo. E, sottolinea Quito, si è trattato solo del primo transito. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, due candidati dell'opposizione riconoscono risultati delle elezioni

Henri Falcon e Laidy Gomez, il primo sconfitto mentre l'altra eletta, ammettono la vittoria del chavismo e riconoscono la regolarità del processo elettorale

  Mentre in Italia i media mainstream tentano di accreditare una poco credibile narrazione su brogli che...
Notizia del:

Venezela: Maduro respinge accuse di brogli. Gratitudine al Papa che ha incoraggiato il dialogo

Maduro ha tenuto a rivendicare che le elezioni regionali si sono svolte “in modo impeccabile” con “una partecipazione record del 61,4 per cento” e il 54 per cento dei consensi per i candidati bolivariani

da Faro di Roma   In collegamento tv con diverse ambasciate (a Roma la rappresentanza presso la Fao)...
Notizia del:

Repubblica e le Fake news. Nuovo incredibile capitolo sul Venezuela

Repubblica e le Fake news. Nuovo capitolo. Dopo avervi mentito per mesi e essere stati umiliati per l'ennesima volta dalla storia, il giornale megafono del neo-liberalismo e dell'imperialismo...
Notizia del:

Raqqa, facciamo chiarezza su chi combatte il terrorismo in Siria

Alla luce della nuova distorcente campagna giornalistica di regime su quanto sta accadendo a Raqqa, è sempre più opportuno precisare che il ruolo fondamentale nella vittoria contro l'ISIS...
Notizia del:     Fonte: AVN

Elezioni regionali, la gioia di Maduro: «Ha trionfato la pace, la Patria Grande, il Venezuela bolivariano e chavista»

Maduro ha inoltre richiesto un controllo del 100% delle schede elettorali, affinché non vi sia alcun dubbio sul processo, visto che la destra come da copione ha già gridato ai brogli

  Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, ha celebrato presso il...
Notizia del:

L'uruguayano Luis Almagro da "primo ministro delle colonie" a candidato presidente in Venezuela?

Intanto circola già in rete un documento firmato da un sedicente Movimiento Occidental Independiente, che propone la Republica Independiente de Merida, Tachira Y Zulia: gli Stati della “mezzaluna” fertile, dove ha vinto l'opposizione. 

di Geraldina Colotti L'uruguayano Luis Almagro, Segretario generale dell'Osa, si candida alla presidenza......
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa