/ "I manifestanti iraniani non hanno bisogno del sostegno degli Sta...

"I manifestanti iraniani non hanno bisogno del sostegno degli Stati Uniti"

I manifestanti iraniani non hanno bisogno del sostegno degli Stati Uniti
 

Dopo cinque giorni di proteste in Iran, il presidente degli Stati Uniti ha colto l'occasione per dire che il Paese ha bisogno di "cambiamenti", ma non capisce la vera natura di queste dimostrazioni, secondo alcuni analisti.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha espresso il suo sostegno al popolo iraniano dopo le proteste in diverse città del paese, esortando i leader della Repubblica islamica a "rispettare i diritti" dei suoi cittadini e affermando che è giunto il momento di attuare i cambiamenti. Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, a sua volta, ha promesso di non rimanere fuori dalla situazione attuale in Iran.
 
Tuttavia, i suoi commenti hanno provocato una reazione negativa a Teheran. Il presidente iraniano Hasan Rohani ha dichiarato che gli Stati Uniti non ha il diritto morale di agire come se stesse difendendo i diritti degli iraniani perché Washington li chiama terroristi.
 
Gli iraniani diffidano di Trump
 
È probabile che le dichiarazioni di Rohani siano condivise dalla maggior parte degli iraniani, secondo diversi consultati da RT. Secondo Ahmed Al Burai, professore dell'Università di Aydin (Istanbul, Turchia), i cittadini, compresi i manifestanti, hanno un'immagine molto negativa degli Stati Uniti e soprattutto del loro presidente, e non credono che Washington difenda davvero i suoi interessi. Al Burai ha spiegato che gli iraniani diffidano di Trump a causa della posizione della sua amministrazione sullo storico accordo internazionale sul programma nucleare iraniano raggiunto nel 2015, nonché sulle sue relazioni amichevoli con l'Arabia Saudita e Israele.
 
Le politiche statunitensi in Medio Oriente, che hanno causato devastazione in Iraq e destabilizzazione nella vicina Siria, non sono neanche molto convincenti per gli iraniani. Nessuna interferenza da parte dell'amministrazione statunitense, anche sotto forma di tweet, "è benvenuta nella regione, [in particolare] in Iran, né tra i politici né tra la gente per le strade, perché hanno già sperimentato ciò che gli Stati Uniti hanno preparato per il Medio Oriente", ha spiegato Al Burai.
 
Gli iraniani comprendono che gli Stati Uniti non sono interessati a qualsiasi progetto di sviluppo a lungo termine per l&# 39;Iran o "autorizzare qualsiasi opposizione politica sul campo", secondo Al Burai. Invece, Washington persegue i propri interessi e quelli dei suoi alleati regionali, l'Arabia Saudita e Israele, il che significa che qualsiasi movimento di Washington, in ultima analisi, sarebbe dannoso per la Repubblica Islamica.
 
Cosa cercano di ottenere gli Stati Uniti?
 
Da parte sua, l'analista politico Seyed Mostafa Khoshcheshm evidenzia che "ciò che gli Stati Uniti stanno cercando è delegittimare le politiche iraniane, 'l'establishmentì dell' Iran e la sua presenza militare nella regione (...) per imporre nuove sanzioni"a Teheran.
 
Secondo l'esperto, tutte le dichiarazioni che Washington sia presumibilmente a sostegno dei manifestanti in realtà cercano di "politicizzare il malcontento" in Iran e "delegittimare" politiche iraniane sulla scena internazionale. Per gli Stati Uniti, in definitiva, l'obiettivo rimane lo stesso: ottenere concessioni da Teheran sul suo programma nucleare e missilistico per minare il suo potere e per diminuire la sua influenza nella regione, ha precisato Khoshcheshm.
 
Trump sopravvaluta le proteste
 
Donald Trump non si rende conto della vera natura delle attuali proteste o delle forze che potrebbero essere dietro di loro, secondo gli analisti. Gli Stati Uniti sanno che non possono rovesciare il governo iraniano con le proteste che sono incomparabilmente più piccola delle rivolte che hanno sommerso il paese dopo le elezioni presidenziali del 2009, secondo Khoshcheshm, aggiungendo che, pertanto, i media occidentali e Trump stanno cercando di "politicizzare" e sovradimensionare le dimostrazioni.
 
Al Burai ha spiegato che le proteste iraniane sono in realtà più economiche che politiche. "La classe media, che è scesa in strada, chiede ulteriori riforme economiche, chiedendo più posti di lavoro, migliori condizioni di vita", aggiungendo che i manifestanti non sono interessati a qualsiasi escalation politica, che anela Trump.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SANA

L'Iran ripudia il piano degli USA di creare un esercito in Siria

L'Iran considera la decisione degli Stati Uniti di formare le cosiddette "forze di sicurezza delle frontiere" nella Siria nord-orientale come una "chiara interferenza" negli affari interni del paese arabo e avverte che questa misura controversa peggiorerà e prolungherà la crisi.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi ha avvertito che l'iniziativa degli Stati...
Notizia del:     Fonte: Fox News

I "ribelli", in visita negli USA, chiedono dollari per combattere Siria e Iran

I leader del sedicente 'Esercito siriano libero', ovvero i "ribelli", in visita negli USA, chiederanno a Trump che riprenda i programmi di 'cooperazione', già sospesi lo scorso luglio dall'inquilino della Casa Bianca, per combattere l'esercito siriano, dato il pericolo per la crescente influenza di Russia e Iran in Siria.

I membri del cosiddetto, 'Esercito siriano libero', (ESL, ovvero i "ribelli moderati" che originariamente...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia promette rappresaglie contro gli Stati Uniti per la creazione di una guardia di frontiera in Siria

Indignato per l'addestramento di 30.000 miliziani arabo-curdi sul confine turco-siriano da parte degli Stati Uniti, il capo del Comitato di difesa della Camera bassa (Duma) del parlamento russo, l'ammiraglio Vladimir Shamanov, promette misure di rappresaglia a questo proposito.

"[Tale comportamento della cosiddetta coalizione guidata dagli USA] è un affronto diretto [con gli...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli Stati Uniti addestrano 30.000 miliziani da schierare come nuove forze di frontiera in Siria

La nuova forza sarà schierata sui confini turco e iracheno e sul fiume Eufrate.

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti sta lavorando con i militanti curdi e arabi in Siria per...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:

Perché gli "Stati Uniti d'Europa" non è la cosa più spaventosa detta oggi da Renzi

    “Il 4 marzo come il nuovo 1948”. Lo ha scritto Fabbrini (della Luiss) il 3 dicembre su il Sole 24 ore (giornale di Confindustria). Lo ha ribadito oggi Andrea Bonanni su...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:

Il tormentone fake news ha il primo risultato: la "verità" la decideranno i poliziotti di Minniti

di Dante Barontini* Siamo governati da ignoranti contenti di esserlo. Dunque da gente pericolosa per tutta la popolazione, perché – perversa conseguenza di leggi elettorali che...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa