/ Il terrorista che dirige la formazione di giovani cubani a Miami

Il terrorista che dirige la formazione di giovani cubani a Miami

Il terrorista che dirige la formazione di giovani cubani a Miami
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Percy Francisco Alvarado Godoy
da percy-francisco.blogspot.it

Traduzione di Marx21.it

Riceviamo da Percy Francisco Alvarado Godoy un suo contributo e volentieri ne pubblichiamo la traduzione. Lo ringraziamo per la segnalazione.


La Fundación Rescate Jurídico (FRJ), all'apparenza un'organizzazione senza fini di lucro e che si pronuncia per una società civile democratica a Cuba, che funziona con donazioni ricevuti dalle tasche di cubani liberi, è in realtà un gruppuscolo diretto da un terrorista di lunga data, Santiago Álvarez Fernández Magriñá, il cui oscuro obiettivo è commettere azioni violente all'interno dell'Isola.


Negli ultimi tempi la FRJ si è dedicata a selezionare, all'interno della controrivoluzione, candidati disposti a provocare il presunto “pacifismo attivo”, a cui fornire addestramento nei seminari della casa Bacardí del Instituto de Estudios Cubanos y Cubano-Americanos dell'Università di Miami,  a Coral Gables. Uno di questi si è svolto nel 2016. Un altro è in corso  in questo mese di aprile con il titolo di “Incontro Fraterno per la Democrazia a Cuba” a cui partecipano circa 30 controrivoluzionari individuati all'interno dell'Isola.


La crema dei nemici di Cuba, come Pedro Roy, Ángel de Fana, Ángel Cuadra, Carlos Alberto Montaner e Rosa María Payá, partecipano in qualità di relatori a seminari, conferenze e lezioni.


Si è trattato, senza ombra di dubbio, di un'occasione per speculare sui destini politici di Cuba, anche se sullo sfondo il seminario è servito per valutare ciascuno di questi partecipanti alla controrivoluzione cubana e il loro potenziale nell'assunzione di compiti sovversivi all'interno della nostra Patria.


Tra i controrivoluzionari partecipanti troviamo Egberto Escobedo Morales, Marta Sánchez Solís, Juan René Torres, César Iván Mendoza Regal, Freddy Junnier, Tania Echeverría Menéndez, Roberto Jiménez Gutiérrez Ramírez, Isabel María Marrero e Sissie Abascal Zamora, tra gli altri.

Sono perlopiù giovani, che agiscono come portavoce di piccoli gruppi o si autoproclamano “giornalisti indipendenti”.


E' deplorevole che questi giovani cubani si leghino a noti terroristi per partecipare ad attività formative che si propongono di sviluppare attività sovversive all'interno di Cuba. Non credo che l'imprudenza o l'apparente innocenza di costoro gli faccia ignorare la statura di persone che, come Santiago Álvarez, sono state coinvolte direttamente in azioni terroristiche contro il proprio popolo. E' solo una questione di convenienza e di ansia di protagonismo e vita facile. Partecipare a questi eventi, permette loro di viaggiare, assicurarsi fonti di guadagno finanziario personale e cercare spazi di dubbio protagonismo.


Ignorare che Santiago Álvarez, promotore di questi eventi, è un criminale, è prova non solo di cecità politica ma di un'alleanza detestabile che non fa prevedere nulla di buono. Basterebbe ricordare a costoro una breve storia di questo soggetto che oggi li incita a lottare “per la libertà di Cuba” e che espongo in diversi miei articoli.


Il legame di Santiago Álvarez Fernández-Magriñá con piani terroristici come quello di irrompere nel Cabaret Tropicana nel 2001, i tentativi di introdurre sabotatori a Cuba per promuovere azioni criminali durante la scorsa visita a Cuba del Papa Benedetto XVI, e anche alla Fiera del Libro dell'Avana, il recente arresto nello scorso maggio di quattro terroristi e il suo arresto nel novembre 2005 per il possesso di rilevanti quantitativi di armi, presuppongono che il denaro ricavato dalla vendita del Santrina sia usato per finanziare tale tipo di azioni. Álvarez è stato sospettato di vari piani terroristici i cui obiettivi sarebbero la collocazione di una bomba contro l'ambasciata del Venezuela in Guatemala, un attentato contro la raffineria di Alba Petróleos in El Salvador e la realizzazione di un attacco assassino contro i presidenti di Cuba, Ecuador, Bolivia, Nicaragua e Venezuela, al Vertice della CELAC in Costa Rica.


In un articolo dal titolo “Santiago Álvarez e gli altri protetti dall'FBI a Miami” espongo la lunga storia di chi oggi si erige a formatore di giovani dissidenti all'interno di Cuba.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:

Il messaggio all'Italia di Victoria Coy (States United to prevent gun violence): "Vi prego, le vostre Leggi sul controllo delle armi devono rimanere restrittive"

"La criminalità armata qui negli Stati Uniti ha assunto la connotazione di una crisi dei Diritti Umani. Il vostro Paese patirà incredibilmente, se seguirete il nostro cammino."

  di Michele Metta    Victoria, consentimi innanzitutto, per favore, di dirti che parlare...
Notizia del:

Intervista a Lucio Manisco, una vita in trincea contro la disinformazione. "Voterò Potere al Popolo"

“… e da New York imperversa contro Washington un grandioso Lucio Manisco”. È una frase trovata su un giornale che descrive gli anni eroici del TG3, quando l’informazione...
Notizia del:

Intervista ad Alberto Negri. "Sono altri (e li conosciamo) che fomentano il terrorismo. L'Iran combatte l'Isis, è necessario collaborare con questo paese"

a cura di Mostafa El Ayoubi - Confronti    Quali sono i motivi socio-economici e politici che hanno scatenato le manifestazioni di fine dicembre/inizio gennaio in Iran? È...
Notizia del:

INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI

  INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI   - Articolo di Michele Metta -   Ho conosciuto il dottor Apice...
Notizia del:

Prof. Vasapollo: "Dal Pd, passando per LeU, arrivando a Negri. Azzeriamo questa sinistra serva dell'imperialismo dell'Unione Europea"

Luciano Vasapollo, direttore del Cestes e docente della Sapienza all'AntiDiplomatico: "La sinistra di governo, come vediamo anche in Tsipras, ha fatto le stesse politiche delle destre. La sinistra cosiddetta radicale alla Negri ha solo servito i grandi potentati, trasformandosi negli utili idioti dell’imperialismo dell’Unione Europea, eliminando l’idea del conflitto in tutte le sue forme. Basta. Bisogna ripartire da zero.

di Alessandro Bianchi Professore partiamo da questa dichiarazione di Toni Negri a Vanity Fair: «Auspico...
Notizia del:

Intervista al legale di Khaled el Hamedi, il cittadino libico che vuole portare la NATO in giudizio per i suoi crimini

L’associazione Vittime della Nato in Libia in lotta contro l’impunità dei potenti e l'indecente immunità di cui gode l'Alleanza Atlantica

Dalla guerra in Iraq nel 1991 a oggi, nessun tribunale internazionale ha mai processato e giudicato i vincitori...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa