/ "Il trionfo di Maduro censurato perché è già pronto il nuovo tent...

"Il trionfo di Maduro censurato perché è già pronto il nuovo tentativo di rivoluzione colorata per balcanizzare il Venezuela"

Il trionfo di Maduro censurato perché è già pronto il nuovo tentativo di rivoluzione colorata per balcanizzare il Venezuela
 

Intervista alla scrittrice e gioralista Geraldina Colotti: "Per mettere all'angolo il Venezuela, lo si sbatte in prima pagina per mesi con ogni genere di menzogna. Quando assesta qualche colpo, dando lezioni di vera democrazia, scompare dalle notizie"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Alessandro Bianchi


Intervista a Geraldina Colotti, giornalista e scrittrice, esperta di America Latina

 

Vittoria delle elezioni regionali del Chavismo. Come leggere i risultati?


Di sicuro come una grande vittoria, tanto più dopo quattro mesi di attacchi violenti da parte delle destre e una poderosa campagna di discredito a livello internazionale. Il socialismo bolivariano è stato confermato dalle urne in due importanti e ravvicinate occasioni: prima il 30 luglio quando si sono eletti i costituenti (oltre 8 milioni di voti), e poi domenica, con l'elezione dei governatori. Il chavismo ha vinto in 17 Stati su 23 (nel 24°, Distretto Capitale, non si votava). E resta ancora in ballottaggio lo Stato di Bolivar, dove la conta dei voti è serrata. Al Partito socialista unito del Venezuela (Psuv) e ai suoi alleati (Partito comunista e altri) sono arrivati oltre 5 milioni di preferenze. La partecipazione, su 18 milioni di aventi diritto, è stata di oltre il 61%. Il Psuv ha ottenuto vittorie in alcuni dei principali Stati come Miranda, dove il giovane Hector Rodriguez si è imposto sul candidato di Primero Justicia Carlos Ocariz. Nel Lara, dove Carmen Melendez (la prima donna ad aver diretto le Forze Armate Nazionali Bolivariane) ha trionfato su Henry Falcon, un personaggio potente che, dopo essersi fatto eleggere con il chavismo ha cambiato casacca... Ha perso, però, anche regioni ricche come il Zulia e il Tachira, zone di frontiera e appartenenti alla cosiddetta “mezzaluna”.

 

E qual è il rischio ora? Si può temere un referendum autonomista?

Ora il rischio è che le destre, appoggiate dai grandi organismi internazionali, s'inventino un altro piano, per esempio la secessione come hanno in precedenza tentato in Bolivia. In questo caso, di certo a Maduro non verrebbe consentito un grammo della repressione messa in campo da Rajoy in Spagna contro il referendum per l'indipendenza in Catalogna. Intanto, come da copione, le destre hanno gridato alla frode. Una strana frode, visto che hanno vinto in diversi Stati e che hanno presenziato a tutti i controlli del sistema elettronico di voto, come prevede la legge. Ora, poi, bisognerà vedere se accetteranno di prestare giuramento davanti all'Assemblea Nazionale Costituente, basata sul potere fondante la Costituzione bolivariana, quello popolare. Inoltre, in questi giorni dovrebbe riprendere il dialogo governo-opposizione nella Repubblica Dominicana, sotto l'egida dell&# 39;ex presidente spagnolo Zapatero.

 

L'eurodeputato Couso denunciava come già circolasse, prima dell'esito del voto, un documento dell'UE per il non riconoscimento delle elezioni in Venezuela. Sarà questa la via di Bruxelles?

 

L'Unione Europea sembra decisa a viaggiare nella scia di Trump. Dalla Spagna, il ministro degli Esteri, Alfonso Dastis, ha detto che le elezioni venezuelane “non cambieranno la linea d'azione” già decisa dall'Unione europea che prevede “sanzioni selettive e misure per favorire un dialogo fra governo e opposizione”, sulla stessa linea di quanto già deciso dagli Stati uniti. E per l'Alto Commissario Ue per gli Affari Esteri, Federica Mogherini, i risultati elettorali risulterebbero “sorprendenti”. Di certo, hanno smentito la martellante campagna che dava il chavismo per sconfitto al 90% e prevedeva un'astensione altissima.


 

Il Presidente Maduro ha denunciato nei giorni scorsi la scarsa copertura mediatica sulle elezioni: perché questa censura da parte di giornali solitamente così pieni di articoli sul Venezuela?
 

E' sempre così: per mettere all'angolo il Venezuela, lo si sbatte in prima pagina per mesi con ogni genere di menzogna. Quando assesta qualche colpo, dando lezioni di vera democrazia, scompare dalle notizie. In quel frattempo, il nemico ne sta già inventando una nuova, in questo caso un nuovo accerchiamento e un nuovo tentativo di innescare una “rivoluzione colorata” per balcanizzare il paese e, di conseguenza, il continente. Un piano del genere, concepito nei dettagli, è stato diffuso in questi giorni dal chavismo e denunciato a livello internazionale. In attesa della prossima mossa delle destre, Almagro all'Osa sta preparando la sua: una “transizione” come quella messa in campo contro i sandinisti in Nicaragua che avrebbe a capo la ex Procuratrice generale Luisa Ortega, in fuga dal suo paese. Per cacciare Maduro, vera e propria ossessione delle destre e dello stesso Almagro. L'Osa, supportata da Trump e da alcuni paesi neoliberisti latinoamericani, ha avallato i magistrati “paralleli” del Tribunal Supremo de Justicia, nominati in modo fraudolento dal Parlamento governato dalle destre. La Costituente ha riportato la pace in Venezuela e ha ridato la parola al confronto democratico. Ma la democrazia partecipata scommette di depotenziare dall'interno lo Stato borghese per costruire il socialismo. E questo, per i poteri forti internazionali, è un cammino da stroncare. La partita riguarda anche noi.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

Portone circolo PD bruciato a Ostia Antica, G. Zannola: "Hanno colpito una casa della città"

Intervista all'esponente del PD di Ostia: "Il X municipio può ripartire se il Comune, la Regione ed il Governo fanno uno sforzo reale in termini di investimento di risorse per potenziare i servizi sociali lì dove le marginalità e le fragilità dilagano; luoghi in cui si insedia il 'welfare' alternativo delle mafie ed il fascismo."

Dopo la manifestazione contro le mafie, contro il fascismo e per la libertà di stampa, indetta da Libera...
Notizia del:

"Ci censurano perché rompiamo lo schema narrativo creato ad arte dal sistema"

Intervista a Giorgio Cremaschi dopo il successo della manifestazione dell'11 novembre. "Noi non siamo buonisti e neanche tolleranti. Ma intolleranti e faziosi" Sulle sanzioni al Venezuela: "Sono un'autentica vergogna"

Come AntiDiplomatico abbiamo risentito telefonicamente Giorgio Cremaschi uno dei promotori della grande iniziativa...
Notizia del:

Il diritto internazionale non conta più niente: "La formula Arria" contro il Venezuela bolivariano

Con la giornalista e scrittrice Geraldina Colotti abbiamo parlato di sanzioni Ue, "interessamento" Onu e ruolo del governo italiano. "Arria è l'inventore della “formula Arria” al Consiglio di sicurezza dell'Onu, messa in campo nel '92 per la Bosnia. Una formula che prevede di includere nelle consultazioni informali dell'Onu personalità e associazioni della “società civile”

Intervista a Geraldina Colotti, giornalista e saggista esperta di America Latina  L'Unione...
Notizia del:

"Sono 50 anni che organizzo manifestazioni e una cosa così non mi era mai capitata"

Intervista al Prof. Vasapollo: "L’atteggiamento autoritario di Minniti e del Pd apre una nuova pagina delle relazioni istituzionali per una grande forza sindacale di questo paese che è l’USB"

Come AntiDiplomatico vi abbiamo riportato diverse testimonianze delle ragioni dello sciopero di oggi. Ve le riproponiamo...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi sullo sciopero generale e la manifestazione di Piazza Vittorio. "La censura dei media ci fa un baffo"

Ai media conviene parlare delle marcette di qualche decina di fascisti. E' normale che ci censurino"

Oggi lo sciopero generale indetto dai sindacati di base, Usb - Cobas e Unicobas. Domani una grande manifestazione...
Notizia del:

Perché Arabia Saudita e Usa non possono permettersi una guerra contro l'Iran. Intervista a Mostafa El Ayoubi

"L’Arabia Saudita è da sempre il “luogotenente statunitense nel Golfo Persico”. Non c’è mossa che avvenga da parte di Riad che da Washington non abbia avuto il lasciapassare."

Intervista de l'AntiDiplomatico a Mostafa El Ayoubi, giornalista esperto di Medio Oriente E’...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa