/ Il Venezuela si è risvegliato chavista e il Guatemala vassallo

Il Venezuela si è risvegliato chavista e il Guatemala vassallo

Il Venezuela si è risvegliato chavista e il Guatemala vassallo
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina
 

Nel 2015, il Guatemala era sotto la lente dell'osservazione, si manifestava il sabato con la scusa dell'abbronzatura, perché per manifestare in mezzo alla settimana non c'era il coraggio. Poi si stava con bandiere, striscioni e fischietti, a parole si diceva di lottare contro la corruzione del governo; i più oltranzisti si autoproclamarono i nipoti di Arbenz e andavano con i cartelli con le foto del povero uomo. Questa stessa gente continua a negare il genocidio.

 

I più insolenti tuttavia si osavano definire che erano il popolo, e si davano tre colpi di petto e uscivano come con la febbre del sabato sera e si univano solo nel momento della foto. L'obiettivo era uscire in primo piano sui media internazionali, fingendo una coscienza politica. Se li inquadravano, gridavano che erano la generazione del cambiamento, che questo, che quello, che qui, che là. Che erano parte della generazione sbagliata, con questo mancando di rispetto alle generazioni passate che erano state torturate, assassinate e desaparecidas dall'esercito del Guatemala.
 

Per mesi abbiamo visto passare quella parata che aveva nella sua fila ipocriti, traditori, classisti, razzisti, omofobici, e, naturalmente, opportunisti. C'erano le persone oneste e socialmente consapevoli? Non c'è dubbio di si. C'erano, ad esempio, i popoli nativi che erano gli unici ad avere l'amore e l'identità, infatti esigevano un'Assemblea Nazionale Costituente. In queste manifestazioni si stava insieme, ma non si era uniti; il concetto di essere popolo era niente più che una frase retorica per le foto e per avere qualche contatto in più per il futuro.

 

Di queste manifestazioni sono usciti documentari, articoli d'inchiesta sulle riviste e una quantità enorme di conferenze con esperti nazionali e internazionali che parlavano di aria fresca. Di tutto questo enorme baccano il risultato è stato catastrofico, come era da immaginare, per la mancanza di coraggio, la Memoria storica, identità, rispetto e dignità: la società non ha sostenuto la chiamata all'Assemblea Nazionale Costituente dei popoli nativi, definiti come “indios pigri e....”
 

Questa stessa società che definisce criminali gli studenti degli istituti pubblici che scendono a manifestare esigendo i loro diritti, ha deciso di votare per Jimmy Morales, nulla di più e nulla di meno che l'uomo della continuità del neo-liberismo nel paese. Quelli che dicevano di essere i nipoti di Arbenz si sono dati una pugnalata alla schiena votando per colui che rappresenta il contrario: misogino, patriarcale, maschilista, classista, razzista, senza memoria storica, senza identità e opportunista.

Da qui che vengono le aziende multinazionali nel paese a fare razzia, provocando ecocidi, da qui dove si compie pulizia sociale nelle periferie, da qui dove si viola e si bruciano vive almeno 40 ragazzine in un orfanotrofio di stato. Da qui dove i femminicidi sono un'epidemia. Da qui dove si triplicano le migrazioni forzate.

 

Guatemala ha avuto una rara opportunità per cambiare, però questa società resta con la mente colonizzata e non l'ha colta, non ha avuto il coraggio per seguire la richiesta dei popoli nativi, quello che al contrario il popolo venezuelano ha fatto. Parlare di rifondazione è un eufemismo, il Guatemala ha bisogno di un cambio radicale alle radici, e l'Assemblea Nazionale Costituente può essere un inizio.

 

Questo lo abbiamo appreso dal popolo venezuelano.

Con fiducia dobbiamo uscire dalla cloaca senza più scuse e lottare per gli obiettivi politici. Con fiducia un giorno dobbiamo prendere coraggio e ritrovare la nostra memoria storica e la nostra identità. I bambini del Guatemala meritano di vivere in un paese che gli offra le opportunità per una vita degna, e non di dover scappare fuggendo alle migrazioni forzate rischiando la vita.

 

 

Il popolo venezuelano ha dato un esempio di identità, coraggio e coscienza a tutto il Latinoamerica neoliberale e al mondo intero. Quando il popolo si unisce, non c'è media che possa fermarlo. Quando un popolo che impara a vivere in libertà, non c'è potere che possa rimettergli le catene.



(Traduzione dallo spagnolo per l'AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Elezioni Venezuela: ecco i documenti che certificano regolarità del voto. Firmati anche dall'opposizione

Il dirigente chavista Jorge Rodriguez pubblica i verbali di verifica del processo elettorale. Nessun tecnico ha avanzato dubbi o reclami. Oppositori compresi

di Fabrizio Verde   Cadono inesorabilmente, pezzo dopo pezzo, le fallaci accuse di brogli lanciate nei...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela, una sconfitta che evidenzia mancanza di credibilità per l'opposizione

L'analisi del decano dei giornalisti venezuelani Jose Vicente Rangel

  In merito alle recenti elezioni regionali in Venezuela, dove il chavismo ha ottenuto una netta vittoria...
Notizia del:

Elezioni in Venezuela: dichiarazione ufficiale degli osservatori spagnoli

Sul quotidiano iberico Publico la dichiarazione che smonta tutte le fake news sulle regionali del 15 ottobre

da Publico   In riferimento alla posizione assunta da Stati Uniti ed Unione Europea, che hanno deciso...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano e la democrazia in America Latina

Il Fatto Quotidiano costretto oggi (oggi) a dar notizia della morte di Santiago Maldonado nell'Argentina di Macrì scrive in prima pagina: "In Sud America la democrazia resta un sogno"....
Notizia del:

'Il Giornale' (di Sallusti e Berlusconi) prova "ribrezzo" per le elezioni democratiche e libere in Venezuela

di Fabrizio Verde   Ribrezzo. Questa la parola chiave utilizzata dal redattore di un articolo apparso sul quotidiano ‘Il Giornale’ dove pomposamente viene annunciato: «Ecco...
Notizia del:

Perché il PSUV è tornato a vincere in Venezuela?

«Come si spiega che nel bel mezzo di una crisi economica, sociale e politica in Venezuela il partito di governo ha ottenuto la maggioranza dei governatori?»

di Juan Manuel Karg* - RT   Le elezioni regionali in Venezuela sono state un vero e proprio terremoto...
Notizia del:     Fonte: AVN

Maduro: «Gli Stati Uniti mi attaccano perché sono leale alla Nazione»

«Se l’impero mi attacca in questa maniera vuol dire che sto compiendo la mia missione, facendo il mio lavoro, che sono leale ai principi della nazione e di un popolo che merita la protezione del suo governo», questa la forte risposta di Maduro agli attacchi sempre più scomposti di Trump

di Fabrizio Verde   Nel bel mezzo di un assedio internazionale di proporzioni enormi il governo socialista...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Maduro denuncia azioni di Facebook e Instagram contro il governo venezuelano

Nicolás Maduro inoltre ha affermato che l'ultimo processo elettorale per il rinnovo dei governatori è stato libero e finanche a vantaggio dei partiti dell'opposizione

  Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha affermato che l'ultimo processo elettorale per il...
Notizia del:     Fonte: hispantv

Aveva ragione ed ha ragione Maduro. Adesso la destra venezuelana attacca Almagro

L'oppositore Ramos Allup dopo aver per mesi chiesto intervento esterno per rovesciare il governo, adesso critica le dichiarazioni di Almagro

  Come abbiamo già spiegato in diverse occasioni i fatti hanno mostrato che il presidente venezuelano...
Notizia del:

Cosa aspetta l'Unione Europea a riconoscere le elezioni regionali in Venezuela?

L’eurodeputato Javier Couso Permuy, che fa parte della Delegazione Ue all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, ha denunciato nei giorni scorsi l’esistenza di un documento preventivo dell’Unione europea per non riconoscere a priori il risultato delle elezioni venezuelane

da ilsimplicissimus   La notizia come avviene sempre più spesso è che manca la notizia:...
Le più recenti da Crónicas de una Inquilina
Notizia del:

Generazioni sconfitte

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   L’America Latina, con i suoi colori, la sua fecondità, i suoi Popoli Originari e i suoi martiri, è una terra...
Notizia del:

Traffico e abusi sui migranti indocumentati in transito

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Già di per sé l’incubo di migrare senza documenti è terribile manca solo aggiungerci l’essere...
Notizia del:

Parliamo del patriarcato

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il patriarcato dovrebbe essere un argomento di conversazione, come quando parliamo di calcio, musica, letteratura, arte, cinema...   Si...
Notizia del:

Aver liberato Leopoldo López è un grave errore

di Ilka Oliva Corado   Una cosa sono gli appelli alla pace, al dialogo che cerca la pace, altra cosa è liberare l’autore intellettuale delle guarimbas del 2014 in Venezuela, volte...
Notizia del:

Essere giornalisti al tempo dei governi neoliberisti

di Ilka Oliva Corado   Enorme è la repressione dei governi neoliberisti in America Latina, un sistema di comando costruito nel periodo post-dittatura nella regione. Minacce, torture,...
Notizia del:

Il muro di Trump e' contro l'America Latina

di Ilka Oliva Corado - teleSUR   Senza andare tanto lontano, il muro che vuole costruire Trump non fermerà l’emigrazione forzata dei latinoamericani, perché questa è...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa