/ Il Venezuela si è risvegliato chavista e il Guatemala vassallo

Il Venezuela si è risvegliato chavista e il Guatemala vassallo

Il Venezuela si è risvegliato chavista e il Guatemala vassallo
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina
 

Nel 2015, il Guatemala era sotto la lente dell'osservazione, si manifestava il sabato con la scusa dell'abbronzatura, perché per manifestare in mezzo alla settimana non c'era il coraggio. Poi si stava con bandiere, striscioni e fischietti, a parole si diceva di lottare contro la corruzione del governo; i più oltranzisti si autoproclamarono i nipoti di Arbenz e andavano con i cartelli con le foto del povero uomo. Questa stessa gente continua a negare il genocidio.

 

I più insolenti tuttavia si osavano definire che erano il popolo, e si davano tre colpi di petto e uscivano come con la febbre del sabato sera e si univano solo nel momento della foto. L'obiettivo era uscire in primo piano sui media internazionali, fingendo una coscienza politica. Se li inquadravano, gridavano che erano la generazione del cambiamento, che questo, che quello, che qui, che là. Che erano parte della generazione sbagliata, con questo mancando di rispetto alle generazioni passate che erano state torturate, assassinate e desaparecidas dall'esercito del Guatemala.
 

Per mesi abbiamo visto passare quella parata che aveva nella sua fila ipocriti, traditori, classisti, razzisti, omofobici, e, naturalmente, opportunisti. C'erano le persone oneste e socialmente consapevoli? Non c'è dubbio di si. C'erano, ad esempio, i popoli nativi che erano gli unici ad avere l'amore e l'identità, infatti esigevano un'Assemblea Nazionale Costituente. In queste manifestazioni si stava insieme, ma non si era uniti; il concetto di essere popolo era niente più che una frase retorica per le foto e per avere qualche contatto in più per il futuro.

 

Di queste manifestazioni sono usciti documentari, articoli d'inchiesta sulle riviste e una quantità enorme di conferenze con esperti nazionali e internazionali che parlavano di aria fresca. Di tutto questo enorme baccano il risultato è stato catastrofico, come era da immaginare, per la mancanza di coraggio, la Memoria storica, identità, rispetto e dignità: la società non ha sostenuto la chiamata all'Assemblea Nazionale Costituente dei popoli nativi, definiti come “indios pigri e....”
 

Questa stessa società che definisce criminali gli studenti degli istituti pubblici che scendono a manifestare esigendo i loro diritti, ha deciso di votare per Jimmy Morales, nulla di più e nulla di meno che l'uomo della continuità del neo-liberismo nel paese. Quelli che dicevano di essere i nipoti di Arbenz si sono dati una pugnalata alla schiena votando per colui che rappresenta il contrario: misogino, patriarcale, maschilista, classista, razzista, senza memoria storica, senza identità e opportunista.

Da qui che vengono le aziende multinazionali nel paese a fare razzia, provocando ecocidi, da qui dove si compie pulizia sociale nelle periferie, da qui dove si viola e si bruciano vive almeno 40 ragazzine in un orfanotrofio di stato. Da qui dove i femminicidi sono un'epidemia. Da qui dove si triplicano le migrazioni forzate.

 

Guatemala ha avuto una rara opportunità per cambiare, però questa società resta con la mente colonizzata e non l'ha colta, non ha avuto il coraggio per seguire la richiesta dei popoli nativi, quello che al contrario il popolo venezuelano ha fatto. Parlare di rifondazione è un eufemismo, il Guatemala ha bisogno di un cambio radicale alle radici, e l'Assemblea Nazionale Costituente può essere un inizio.

 

Questo lo abbiamo appreso dal popolo venezuelano.

Con fiducia dobbiamo uscire dalla cloaca senza più scuse e lottare per gli obiettivi politici. Con fiducia un giorno dobbiamo prendere coraggio e ritrovare la nostra memoria storica e la nostra identità. I bambini del Guatemala meritano di vivere in un paese che gli offra le opportunità per una vita degna, e non di dover scappare fuggendo alle migrazioni forzate rischiando la vita.

 

 

Il popolo venezuelano ha dato un esempio di identità, coraggio e coscienza a tutto il Latinoamerica neoliberale e al mondo intero. Quando il popolo si unisce, non c'è media che possa fermarlo. Quando un popolo che impara a vivere in libertà, non c'è potere che possa rimettergli le catene.



(Traduzione dallo spagnolo per l'AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Mision Verdad - "Il narcostato colombiano e la sua guerra economica al Venezuela"

  María Fernanda Barreto - Mision Verdad 28 dicembre 2017 (traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora) Quante delle magnifiche storie di letteratura universale...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Imperialismo senza maschere

di Jorge Arreaza M.*   Il 2017 è stato un anno chiarificatore durante il quale la politica internazionale si è sincerata e ha messo alla prova la politica estera della Repubblica...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: nell'ultimo anno aumenti salariali del 664%

Gli aumenti salariali - che incidono sul reddito di oltre 13 milioni di lavoratori del paese - sono parte di della politica implementata dal governo nazionale per proteggere la classe operaia e dare piena attuazione alla Costituzione Bolivariana

  L'aumento salariale del 40% decretato domenica 31 dicembre dal presidente della Repubblica, Nicolas...
Notizia del:

Il Venezuela esprime solidarietà alla Repubblica Islamica dell'Iran e condanna le ingerenze di Usa e Israele

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, ribadendo il suo sincero sentimento di solidarietà nei confronti della Repubblica Islamica dell'Iran si augura che il popolo e il governo del paese fratello possano continuare a costruire e rafforzare il proprio modello di paese sovrano senza l'intervento di alcun potere straniero

da AVN   La Repubblica Bolivariana del Venezuela condanna gli atti di violenza che si sono verificati...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Odebrecht conferma di aver finanziato l'opposizione venezuelana

In diverse occasioni, esponenti del chavismo hanno accusato l'ex governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles di aver ricevuto finanziamenti dalla società di costruzioni brasiliana

  L’imprenditore brasiliano Marcelo Odebrecht, il cui nome risuona in America Latina perennemente legato...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:     Fonte: Pagina12

Argentina, Macri brinda alla repressione: «Chi lancia una pietra è disposto a uccidere»

  Dopo la dura repressione, la criminalizzazione. L’aria natalizia del saluto agli impiegati e i giornalisti presso il Palazzo del Governo, non ammorbidisce la posizione di Mauricio Macri....
Le più recenti da Crónicas de una Inquilina
Notizia del:

Nuovo golpe in Honduras? Il popolo non deve lasciarsi sconfiggere

Il popolo honduregno deve difendere il voto a Nasralla e non permettere un altro golpe simile a quello contro Zelaya

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il 28 giugno dell’anno 2009, quando...
Notizia del:

Il fascino del Che

di Ilka Oliva Corado   Gli Stati Uniti sono un paese con una diversità di culture impressionante. Alla fermata di un semaforo, in attesa di attraversare la strada, ci possono stare cinquanta...
Notizia del:

Generazioni sconfitte

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   L’America Latina, con i suoi colori, la sua fecondità, i suoi Popoli Originari e i suoi martiri, è una terra...
Notizia del:

Traffico e abusi sui migranti indocumentati in transito

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Già di per sé l’incubo di migrare senza documenti è terribile manca solo aggiungerci l’essere...
Notizia del:

Parliamo del patriarcato

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il patriarcato dovrebbe essere un argomento di conversazione, come quando parliamo di calcio, musica, letteratura, arte, cinema...   Si...
Notizia del:

Aver liberato Leopoldo López è un grave errore

di Ilka Oliva Corado   Una cosa sono gli appelli alla pace, al dialogo che cerca la pace, altra cosa è liberare l’autore intellettuale delle guarimbas del 2014 in Venezuela, volte...
Notizia del:

Essere giornalisti al tempo dei governi neoliberisti

di Ilka Oliva Corado   Enorme è la repressione dei governi neoliberisti in America Latina, un sistema di comando costruito nel periodo post-dittatura nella regione. Minacce, torture,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa