/ Credeteci sulla fiducia... per Washington sarebbe da "irresponsab...

Credeteci sulla fiducia... per Washington sarebbe da "irresponsabili" mostrare le prove dell'"hackeraggio russo"

Credeteci sulla fiducia... per Washington sarebbe da irresponsabili mostrare le prove dell'hackeraggio russo
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
"Io non credo che nessuno dubiti che i servizi segreti debbano proteggere le loro fonti e metodi". John Kirby, il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha così risposto alle domande dei giornalisti che chiedevano la pubblicazione delle fantomatiche prove della presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali denunciata nell'ultima relazione dell'Ufficio del Direttore nazionale dell'intelligence (ODNI) dal titolo  'Valutazione delle attività e delle intenzioni russe nelle recenti elezioni degli Stati Uniti'.

"Abbiamo lasciato l'intelligence libera di decidere quando declassificare le informazioni e determinare quali informazioni saranno rese pubbliche", ha dichiarato. Secondo Kirby sarebbe da "irresponsabili" mostrarle e in pratica continua a dire quello che l'amministrazione Obama ripete da mesi in modo patetico: credete alla buona fede della CIA.

Il rapporto di intelligence degli Stati Uniti sulla presunta ingerenza russa nella campagna elettorale americana 2016 è "solo speculazione" ed è stato pubblicato sotto pressione per assecondare "teorie politiche". Lo ha dichiarato l'ex consigliere per la politica estera di Donald Trump Carter Page. La relazione ODNI non ha fornito alcuna prova concreta della interferenza russa e, prosegue Page, il documento di 25 pagine consiste solo di informazioni declassificate, mentre la prova è stata nascosta dietro un velo di segretezza.  "Penso che alcune forze politiche, in particolare quelli che sono stati molto negativi e falchi [contro la Russia] in una mentalità di vecchia scuola, utilizzeranno questo [Report] come un modo per sostenere le loro teorie più generali, senza avere ... molte prove,", ha dichiarato Page che ha anche osservato che l'azione potrebbe essere stato utilizzato come "una cortina fumogena" per coprire le tattiche "interventiste" di ambienti vicini a Hillary Clinton. "Se si confronta l'impatto di alcuni media statunitensi che hanno dimostrato di avere una stretta interazione e il rapporto con la signora Clinton e il suo team ei suoi surrogati, penso che qualsiasi urto o una qualsiasi di queste accuse sono molto minore in confronto,", ha affermato Page. 

L'ex agente della CIA Larry Johnson, commentando il rapporto, ha detto a RT che ciò che lo aveva colpito e che non conteneva "uno straccio di prova" per eseguire il sostenere le accuse contro il governo russo. "Ad un certo punto in questo processo, avremmo dovuto vedere sia una fonte elettronica o umana che dimostrasse come Vladimir Putin o qualcuno nel suo governo avesse diretto comando di questo cyber attacco ... Non c'è una sola fonte di informazione in tale relazione ", ha detto, sostenendo che tale negligenza nel non riuscire a fornire un'unica fonte indica che le cosiddette" hack" siano in realtà "talpe interne".  "Il fatto che Wikileaks pubblichi messaggi di posta elettronica" lo dimostra, conclude Johnson.


 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Massacro del Donbass e recupero della Crimea. Il via libera dell'Albright e del National Democratic Institute

del National Democratic Institute

Risulta assai difficile dare un giudizio sull’incontro tra i presidenti di USA e Ucraina che si è...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

Il Piano di Trump per dominare il Mercato mondiale dell'Energia

L'Amministrazione Trump ha già iniziato la revisione della legislazione che limita lo sviluppo del settore energetico e cerca di eliminare gli ostacoli amministrativi per l'estrazione degli idrocarburi.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, annuncerà la 'Settimana per l'Energia' per...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Hispantv

Israele attacca l'esercito siriano per il terzo giorno consecutivo

Israele continua i suoi attacchi contro l'esercito siriano sulle alture del Golan per il terzo giorno consecutivo, ignorando gli avvertimenti del governo siriano.

Come riportato dal quotidiano israeliano 'Haaretz', anche oggi i carri armati israeliani hanno attaccato...
Notizia del:     Fonte: https://www.welt.de

Il premio Pulitzer Seymour Hersh: Gli USA hanno bombardato la Siria senza che ci fosse stato un attacco chimico di Damasco

Gli Stati Uniti hanno bombardato la Siria pur sapendo che non c'era stato alcun attacco chimico ad opera di Damasco, ha spiegato, il giornalista Premio Pulitzer, Symur Hersh, dopo aver consultato diverse fonti statunitensi.

"Sappiamo che non c'è stato alcun attacco chimico. (...) I russi sono furiosi e noi che diciamo...
Notizia del:     Fonte: Associated Press

Coalizione guidata dagli Stati Uniti: Qualsiasi impegno da parte del governo siriano per sconfiggere l'ISIS è il benvenuto

La coalizione militare statunitense anti-ISIS accoglierà uno sforzo concertato del governo siriano o dai suoi alleati per sconfiggere il gruppo terroristico nelle sue rimanenti fortificazioni della Siria orientale, ha dichiarato un portavoce degli Stati Uniti.

Il colonnello dell'esercito USA Ryan Dillon, portavoce della coalizione anti ISIS, ha dichiarato ai giornalisti,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - al Masdar

Nuovo attacco di Israele contro la Siria e i "ribelli" riprendono l'offensiva sul Golan

In 48 ore l'aviazione israeliana ha attaccato 2 volte le truppe siriane nella provincia di Quneitra. Allo stesso tempo i "ribelli" affiliati ad al Qaeda hanno ripreso la loro offensiva. Non è una coincidenza

Questo pomeriggio l'aviazione israeliana ha attaccato due batterie di artiglieria e un camion di munizioni...
Notizia del:

Jeremy Corbyn infiamma Glastonbury. Accoglienza da rockstar per il leader laburista

Perché il discorso di Jeremy Corbyn genera tanto entusiasmo? Perché finalmente si opera una rottura totale con quel neoliberismo che ha devastato la società britannica

di Fabrizio Verde   «Oh Jeremy Corbyn», sulle note di Seven Nation Army, questo è...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa