/ In un'intervista virale, ex primo ministro del Qatar confessa i "...

In un'intervista virale, ex primo ministro del Qatar confessa i "segreti" sulla guerra contro la Siria

In un'intervista virale, ex primo ministro del Qatar confessa i segreti sulla guerra contro la Siria
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
 
In un’intervista televisiva, un importante funzionario del governo del Qatar ha confessato le origini della guerra alla Siria.
 
Queste sue parole sono subito diventate virali nei social del mondo arano. 
 
E secondo un noto analista e consulente economico con stretti contatti nel governo siriano, l'intervista esplosiva costituisce l’"ammissione pubblica della collusione e del coordinamento tra quattro paesi per destabilizzare uno stato indipendente, con il sostegno di Al Nusra /Al Qaeda."

Mentre la guerra in Siria volge al suo termine grazie alla liberazione del territorio dal cancro del terrorismo di Al Qaeda e Isis da parte dell’esercito siriano con il supporto di Russia, Iran, Hebollah, i castelli di carta delle menzogne che il mainstream vi ha propinato per mesi si stanno sgretolando uno ad uno. La propaganda di Repubblica e Co. si sta disciogliendo come neve al sole.

Lo scontro in atto tra i due principali sponsor del terrorismo internazionale, nonché alleati di ferro dell’Occidente, Qatar e Arabia Saudita, ha certamente aiutato a far emergere la verità.





L’alto funzionario del Qatar è addirittura  l'ex primo ministro Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani, che ha supervisionato le operazioni di Siria per conto del Qatar fino al 2013 (in qualità di ministro degli esteri) e qui lo potete vedere con l’allora segretario di Stato Hillary Clinton in questa foto del gennaio 2010 (solo come nota a margine, il comitato Coppa del Mondo 2022 del Qatar ha donato 500.000 dollari alla Clinton Foundation nel 2014).
In un'intervista alla Qatari TV mercoledì, bin Jaber al-Thani ha rivelato che il suo paese, insieme all'Arabia Saudita, alla Turchia e agli Stati Uniti, ha iniziato a spedire armi ai jihadisti fin dall'inizio degli eventi (nel 2011).

Al-Thani ha anche rivelato dell'operazione segreta "preda da caccia" – dove per preda è da intendere il presidente Assad e suoi sostenitori . Anche se Thani ha negato un credibile legame diretto con l’Isis, le parole dell'ex primo ministro implicano il sostegno  dei Paesi del Golfo e degli Stati Uniti per l'al-Qaeda in Siria (al-Nusra Front) dai primi anni della guerra. Il Qatar ha "documenti completi" e registrazioni che dimostrano che la guerra era prevista per determinare il “cambiamento del regime”. Ha concluso l’ex primo ministro del Qatar.

Esattamente quello che come AntiDiplomatico vi abbiamo scritto da anni. La menzogna affonda e ai topi del mainstream non resta che abbandonare la nave.
 
Qui il video. (Articolo tratto dall’analisi di Zero Hedge a cui si rimanda per la trascrizione completa dell’intervista)
 
  
   
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa