/ Iran: Chi pesca nel torbido?

Iran: Chi pesca nel torbido?

Iran: Chi pesca nel torbido?
 

Un'analisi per cercare di capire gli ultimi eventi in Iran, partendo dall'ossessione costante e dagli attacchi quasi quotidiani del Presidente USA, Donald Trump.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Link dell'analisi.
 
Pochi analisti credono nella buona fede degli americani quando affermano di voler sostenere "le proteste" in Iran, tanto sono stati manifestati e molteplici, ultimamente, i segni di animosità di Washington nei confronti del popolo iraniano: dal discorso offensivo di Trump dal palco delle Nazioni Unite lo scorso settembre, quando ha definito gli iraniani una "nazione terrorista" alle misure relative al "Muslim Ban", compresi i piani che Washington sta moltiplicando nella regione, una costante continua: contrastare l'ascesa dell'Iran come stato sovrano che non è riuscito ad essere sconfitto dal gigante morente.
 
Le manifestazioni a carattere  economico in Iran sono oggetto dei tweets incendiari della presidenza USA durante questo periodo festivo, o che appaiono all'ordine del giorno del "Comitato di difesa del Senato", c'è qualcosa di inaudito che sta per accadere: il gigante morente d'America crede di poter rovesciare l'ordine politico e precipitare uno dei pochi stati al mondo a resistergli in uno stato di caos cronico, interrompendo il suo slancio salvavita.
 
Giovedì, venerdì e sabato scorso, alcune città iraniane sono state teatro di proteste di carattere sociale: non così ampie come le immagini girate sui telefoni cellulari e trasmesse costantemente sullo schermo di France 24, CNN, BBC o persino sui social network, ma abbastanza importanti da essere prese in considerazione dall'esecutivo.
 
In effetti, le misure prese dal governo del presidente Rohani per portare l'Iran nella sfera del libero scambio stanno faticando a passare: la rimozione di sussidi, l'aumento dei prezzi, la tassazione ... non state gradite ad una parte della popolazione che chiede al governo di agire con maggiore moderazione e flessibilità.
 
Ma a vedere questi eventi che rimangono nel supremo esercizio della democrazia, un tentativo di "rivoluzione", ci sono solo i Thinks Tanks "sorosiani" e i loro alleati nel governo degli Stati Uniti che sono pronti a cavalcare.
 
Impigliato nei loro schemi, ciò che i media mainstream non hanno riflettuto negli ultimi tre giorni, sono le masse iraniane, che rapidamente distinguevano i "rivoltosi incappucciati", infiltrati nei ranghi dei manifestanti, che sembrano avere la missione di causare problemi e interrompere il corso delle richieste pacifiche.
 
In un articolo sul "The New York Times"  si è fatto un appello solenne al presidente degli Stati Uniti di "non mettersi in ridicolo" con l'invio di tweets indiscriminati agli iraniani perché "è difficile che gli credano." Il giornale gli ricorda la sua politica fondamentalmente ostile contro l'Iran, la sua ossessione per addossare a questo paese tutti i mali del mondo e le sue continue minacce contro la nazione iraniana invitando, quindi, a rimanere in silenzio e lasciare che gli iraniani risolvano  i loro problemi interni tra di loro.
 
Il New York Times mette in guardia Trump per l'"errore commesso" dal suo predecessore, Barak Obama: "Nel 2009 Obama pensava di poter rovesciare l'ordine iraniano sostenendo i disordini post-elettorali e finì per andare a Canossa e negoziare con il governo iraniano un accordo nucleare che Trump denuncia costantemente. Difficile credere che Trump sia più forte e più talentuoso di Obama. Quindi, lasciate che Trump si zittisca, se non vuole negoziare con l'Iran un 'JCPOA(accordo sul nucleare)' bis che istituzionalizzerebbe il peso e l'influenza dell'Iran in Medio Oriente!"
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Manar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SANA

L'Iran ripudia il piano degli USA di creare un esercito in Siria

L'Iran considera la decisione degli Stati Uniti di formare le cosiddette "forze di sicurezza delle frontiere" nella Siria nord-orientale come una "chiara interferenza" negli affari interni del paese arabo e avverte che questa misura controversa peggiorerà e prolungherà la crisi.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi ha avvertito che l'iniziativa degli Stati...
Notizia del:     Fonte: Fox News

I "ribelli", in visita negli USA, chiedono dollari per combattere Siria e Iran

I leader del sedicente 'Esercito siriano libero', ovvero i "ribelli", in visita negli USA, chiederanno a Trump che riprenda i programmi di 'cooperazione', già sospesi lo scorso luglio dall'inquilino della Casa Bianca, per combattere l'esercito siriano, dato il pericolo per la crescente influenza di Russia e Iran in Siria.

I membri del cosiddetto, 'Esercito siriano libero', (ESL, ovvero i "ribelli moderati" che originariamente...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia promette rappresaglie contro gli Stati Uniti per la creazione di una guardia di frontiera in Siria

Indignato per l'addestramento di 30.000 miliziani arabo-curdi sul confine turco-siriano da parte degli Stati Uniti, il capo del Comitato di difesa della Camera bassa (Duma) del parlamento russo, l'ammiraglio Vladimir Shamanov, promette misure di rappresaglia a questo proposito.

"[Tale comportamento della cosiddetta coalizione guidata dagli USA] è un affronto diretto [con gli...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli Stati Uniti addestrano 30.000 miliziani da schierare come nuove forze di frontiera in Siria

La nuova forza sarà schierata sui confini turco e iracheno e sul fiume Eufrate.

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti sta lavorando con i militanti curdi e arabi in Siria per...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Il pensiero dell'establishment sul Corriere: via libera dei mercati ai normalizzati Salvini e Meloni

di Dante Barontini* Da tempo immemorabile, se uno vuol capire cosa sta covando nei “salotti importanti” dell’establishment nazionale, bisogna leggere con attenzione il Corriere...
Notizia del:

GUERRA NUCLEARE IL GIORNO PRIMA - Da Hiroshima a oggi:  chi e come ci porta alla catastrofe

  di Manlio Dinucci      La lancetta dell’«Orologio dell’Apocalisse» – il segnatempo che sul Bollettino degli Scienziati Atomici statunitensi indica...
Notizia del:

Che cosa avverrebbe se caccia russi Sukhoi Su 35 pattugliassero il confine con l’Italia con la motivazione di proteggere la Svizzera?

Per dislocare in Estonia gli 8 cacciabombardieri, con un personale di 250 uomini, si spendono (con denaro proveniente dalle casse pubbliche italiane) 12,5 milioni di euro da gennaio a settembre

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 16 gennaio 2018 Che cosa avverrebbe se caccia russi...
Notizia del:

Business is business. Gli affari russi di Poroshenko e quelli degli oligarchi russi negli Usa

"Ancora una volta, che sia a ovest o a est del Dnepr, pecunia non olet."

  di Fabrizio Poggi    Colleghi, amici, mogli o mariti, avventori di bar, postini, sorpresi...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il vero libro esplosivo è a firma Trump 

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 9 gennaio 2018              Tutti parlano del libro esplosivo su Trump, con rivelazioni sensazionali di come Donald...
Notizia del:

1922-2017: dall'URSS alle privatizzazioni capitaliste in Russia

Di Fabrizio Poggi* Nel giorno in cui, 95 anni fa, il 30 dicembre 1922, si tenne il primo Congresso dei soviet dell'URSS, nel corso del quale i rappresentanti di RSFSR, USSR, BSSR e Federazione...
Notizia del:

Gli Stati Uniti stanno finalmente perdendo il loro peso globale?

Gli Stati Uniti hanno perso il loro peso? E cosa sarà delle minacce di Nikki Haley?

di Dr. Arshad M. Khan - Modern Diplomacy    I delegati alle Nazioni Unite vengono generalmente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa