/ Jeremy Corbyn, un vecchio amico dell'America Latina

Jeremy Corbyn, un vecchio amico dell'America Latina

Jeremy Corbyn, un vecchio amico dell'America Latina
 

Corbyn ha anche sostenuto i tentativi della Bolivia e del Venezuela di attuare politiche indipendenti e di tipo socialista

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


da teleSUR
 

L’Occidente ha atteso con ansia i risultati delle elezioni generali nel Regno Unito, dove si affrontavano il Labour Party guidato da Jeremy Corbyn e il il Partito Conservatore del Primo Ministro Theresa May. Alcuni osservatori sperano che una vittoria di Corbyn, possa segnare un cambiamento nella politica del Regno Unito. 

 

Dalla sorprendente ascesa di Corbyn alla guida del Labour Party una volta governato da Tony Blair e dalla sua cricca neoliberista statunitense, il leader radicale è stato recentemente attaccato  in maniera implacabile per le sue prese di posizione contro le armi atomiche e la solidarietà espressa al popolo palestinese contro il colonialismo israeliano, per la sua opposizione all’apartheid in Sudafrica e, conseguentemente, insinuando presunti legami con «estremisti» e presunti «terroristi». 

 

Mentre è stato definito l’equivalente britannico del senatore liberale del Vermont Bernie Sanders, la comparazione non rende giustizia alle posizioni progressiste del politico britannico. 

 

Jeremy Corbyn si è dimostrato portatore di un’attitudine progressista che risulta inaccettabile a molti nel Regno Unito, dove le figure del governo britannico e i benestanti lavoratori condividono un atteggiamento coloniale verso il ‘Global South’ radicato in un'identità che molti caratterizzano come essenzialmente ‘imperialista’. Il Partito Laburista non è mai stato molto differente, il partito ha storicamente appoggiato la repressione anti-coloniale in Birmania, India, Iraq, Nigeria e Palestina, facendosi portatore di un atteggiamento pro-guerra e pro-Usa. 

 

Ciononostante, Corbyn ha cercato di portare avanti una posizione diversa, bollando come illegale la guerra condotta da Usa e Regno Unito contro l’Iraq, presiedendo la Stop the War Coalition mentre trovava ispirazione nei movimenti progressisti dell’America Latina da giovane, così come negli stati scandinavi che oggi ammira. Per Corbyn, questi esempi rappresentano «valori fondamentali». 

 

«Sono stato per la prima volta in America Latina quando avevo 18 anni, in Brasile, Uruguay, Argentina, Cile» ha spiegato Corbyn. «Sono rimasto affascinato dalla storia, dalla storia pre-ispanica, dalle culture indigene e dalle lingue indigene».

 

All'epoca ha sostenuto il governo del Fronte Popolare di Salvador Allende in Cile, che lasciò un'impressione profonda sul movimento britannico dei lavoratori e su Corbyn stesso, mostrando i pericoli dell'ostilità degli Stati Uniti verso i movimenti popolari nel Sud Globale. Dopo l'11 settembre del 1973, con Allende rovesciato dalla CIA  e il successivo consolidamento della giunta militare del dittatore Augusto Pinochet, Corbyn insieme a tanti britannici prestò aiuto ai rifugiati politici che cercavano rifugio nel Regno Unito. 

 

Corbyn, che parla uno spagnolo fluente, ha passato gli anni '80 a sostenere la solidarietà con il Cile, l'Argentina, il Nicaragua, Cuba, El Salvador e tante altre lotte per la democrazia, la giustizia e i diritti umani in America Latina.

 

Corbyn ha anche sostenuto i tentativi della Bolivia e del Venezuela di attuare politiche indipendenti in diverse occasioni, difendendo il loro diritto di esercitare la sovranità attraverso politiche economiche di tipo socialista come la nazionalizzazione delle industrie e dei servizi.

 

Nel 2015, Corbyn è stato relatore principale in occasione di una manifestazione a sostegno del Venezuela dove veniva chiesto agli Stati Uniti di porre fine alle sanzioni contro il Venezuela, affermando che l'America Latina ha bisogno di «solidarietà ... non di una dipendenza dagli USA». Ha inoltre evidenziato i risultati del paese nell’assicurare alloggi alla popolazione, nell’assistenza sanitaria e istruzione per i poveri, mentre veniva aumentata la statura del Venezuela negli affari globali. 

 

Nel maggio del 2016, Corbyn ha tenuto un discorso dove ha mostrato preoccupazione per lo stato della democrazia in Brasile, dove le forze di destra stavano cercando di rovesciare la presidente eletta Dilma Rousseff attraverso un colpo di stato parlamentare.

 

Per queste ragioni, nelle ultime settimane la stampa britannica ha lanciato titoli allarmistici dove si afferma che Corbyn vuole una ‘Gran Bretagna venezuelana’ o che spera di far sprofondare il Regno Unito in un «caos indotto dal socialismo», occultando l'incredibile pressione affrontata dalla Repubblica Bolivariana del Venezuela osteggiata dai capitali occidentali e dalle istituzioni finanziarie.

 

(Traduzione dall’inglese per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Evo Morales 'profondamente preoccupato' dal razzismo degli Stati Uniti

"Oggi vediamo con profonda preoccupazione come si sta diffondendo il razzismo negli Stati Uniti"

  Il presidente boliviano Evo Morales ha invitato il suo omologo statunitense Donald Trump a invertire la...
Notizia del:

A 59 anni, la Rivoluzione Cubana mantiene la sua vitalità

La Rivoluzione Cubana celebra il suo 59° anniversario. Un processo storico che ha cambiato il destino del popolo cubano e dell'America Latina

da teleSUR   Con l'entrata vittoriosa dei rivoluzionari il 1° gennaio 1959 a Santiago de Cuba,...
Notizia del:     Fonte: Pagina12

Argentina, Macri brinda alla repressione: «Chi lancia una pietra è disposto a uccidere»

  Dopo la dura repressione, la criminalizzazione. L’aria natalizia del saluto agli impiegati e i giornalisti presso il Palazzo del Governo, non ammorbidisce la posizione di Mauricio Macri....
Notizia del:     Fonte: http://www.portalalba.org

L'ALBA respinge la decisione unilaterale degli Stati Uniti su Gerusalemme

L'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA) alza la sua voce contro la recente decisione statunitense sulla città di Al-Quds - Gerusalemme.

In una dichiarazione dopo l'incontro dei ministri degli esteri e dei capi delle delegazioni dell'ALBA,...
Notizia del:

Venezuela: perché il chavismo è tornato alla vittoria?

di Marco Teruggi - teleSUR   Il chavismo ha conquistato la sua terza vittoria elettorale in meno di quattro mesi. Nuovamente, in maniera schiacciante. Le prime furono le elezioni per l'Assemblea...
Notizia del:

Venezuela, una "dittatura" che celebra tre elezioni in un anno

da Mision Verdad   Il 30 luglio di quest'anno si sono svolte le elezioni per l'Assemblea nazionale costituente (ANC) con una partecipazione di 8 milioni e 89 mila elettori, che rappresentano...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Governo del Venezuela condanna la decisione arbitraria degli Stati Uniti di riconoscere la città di Gerusalemme come capitale di Israele

La città è occupata illegalmente da Israele

  Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, in nome del popolo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

La lezione di 'Pepe' Mujica: la vita umana non può ridursi a lavorare, pagare le bollette e accumulare debiti

«L’unica cosa che non si può comprare è la vita. La vita si consuma. Ed è da miserabili consumare la vita per perdere la libertà»

  «La vita umana non può ridursi - come impone il capitalismo - a lavorare, a pagare le bollette...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Lula ai popoli latinoamericani: «Sconfiggeremo ancora una volta il neoliberismo»

«In tutti i nostri paesi abbiamo già sconfitto il progetto neoliberista una volta e non ho dubbi che saremo in grado di sconfiggerlo di nuovo», ha dichiarato il leader brasiliano ai latinoamericani riuniti a Montevideo

  «Fuori Macri!» e «Fuori Temer!», questi sono stati due degli slogan maggiormente...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa