/ La finta paura del Trump all’Italiana

La finta paura del Trump all’Italiana

La finta paura del Trump all’Italiana
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Nicolò Monti


La vittoria di Donald Trump ha scatenato in tanti ambienti della politica e dei media italiani la paura di un Trump italiano, di un presidente del consiglio autoritario e dittatore. Mettendo da parte le opinioni che ognuno di noi ha su Renzi e su altri premier, possiamo ricordare a tali ambienti che la nostra Costituzione ha sempre difeso il paese dall’autoritarismo e continuerà a farlo, se rimane così com’è. L’esempio più chiaro che possiamo prendere è la legge elettorale, quel proporzionale puro tanto vituperato che garantiva la piena rappresentanza del popolo nelle istituzioni.


Prendete il 1976. In Italia vige il proporzionale puro, un sistema semplice e collaudato. Ai partiti che raggiungono il quoziente per eleggere, in almeno una circoscrizione, vengono assegnati dei seggi. In base poi al numero delle preferenze (3 per ogni elettore) ottenute si eleggevano i deputati che andavo a formare il parlamento. Senza alcun sbarramento nazionale, senza premi di maggioranza. 


Per avere la maggioranza assoluta bisognava prendere il 51% dei voti. Non essendo prevista la formazione di coalizioni doveva essere il singolo partito a prendere i voti per arrivare al 51%, molto difficile quindi governare da soli, ma questa difficoltà non è un caso.

I padri costituenti, reduci da una guerra sanguinaria contro il fascismo, per eliminare ogni pericolo di svolte autoritarie scelsero un sistema che favoriva la rappresentanza del popolo nelle istituzioni. In questo modo i partiti dovevano mettersi d'accordo sui programmi e le proposte, confrontarsi, trattare, dialogare per poi governare. Questo sistema ha garantito uno sviluppo economico e sociale nel paese senza eguali per decenni.


Alla fine della Prima Repubblica, una delle critiche maggiori fu contro la legge elettorale, che, secondo i "nuovi" partiti che stavano nascendo, produceva solo l'inciucio perenne, il ricatto continuo dei piccoli partiti e continue cadute dei governi. Bisognava far fuori i partiti piccoli e garantire la governabilità. Ma torniamo indietro al 1976. Elezioni:







Come si può facilmente notare, l'affluenza è altissima, più del 93%. Da soli la DC e il PCI rappresentavano 26.824.169 cittadini, gli altri partiti che entrarono in parlamento raccolsero in tutto 9.796.395 voti. I cittadini rappresentati nel parlamento della Repubblica erano 36.620.564 suddivisi in 11 partiti. In quella tornata elettorale, come già detto, votarono la quasi totalità degli aventi diritto, ben 37.775.090 su 40.426.658, solo 1.154.526 di cittadini rimasero senza rappresentanza, appena il 3,05%. Questa possiamo tranquillamente chiamarla democrazia parlamentare, dove governabilità e rappresentanza sono garantite e garantita allo stesso modo è la stabilità politica e istituzionale del nostro paese, senza alcun pericolo di derive autoritarie, che eppure sono state tentate ma senza alcun successo (finora).

Facciamo un salto di 40 anni e arriviamo al 2016, dove la parola d’ordine è governabilità a tutti i costi, ma in che modo? Semplice, elaborando leggi elettorali (come l’Italicum) che tolgono rappresentanza a favore della governabilità. Un unico partito che con meno del 30% dei voti validi prende (anche se col ballottaggio) la maggioranza assoluta dei deputati e, se passerà il no al referendum, dei senatori, cosicché la governabilità tanto ambita è fatta e garantita.

Sciorinati tutti i dati, il messaggio è questo: i padri costituenti, nello scrivere la costituzione, avevano la mente proiettata a 50, 100 anni. La legge elettorale proporzionale pura, il bicameralismo perfetto e l’allontanamento di ogni idea di presidenzialismo hanno avuto ed hanno tutt’ora il compito di frenare ogni deriva autoritaria, un vero e proprio meccanismo di auto difesa della democrazia.

Se c’è la paura di un Trump italiano, come tanti giornali paventano, votare no al referendum costituzionale significa scacciare questa paura. Chiediamo poi al parlamento, una legge elettorale proporzionale pura, senza premi di maggioranza, senza sbarramenti, affinché gli ingranaggi di difesa della democrazia tornino a funzionare. Se invece la politica nostrana continuerà sulla strada della mitica governabilità, vorrà dire che la paura di un premier autoritario, uomo solo al comando, è pura menzogna e quindi una volontà politica ben precisa.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah denuncia la guerra mediatica degli USA contro Hezbollah

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza libanese, Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha denunciato la 'guerra mediatica' che gli USA fomentano in Libano e in tutto il Medio Oriente.

In un discorso televisivo, Il Segretario Generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah ha respinto le accuse...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Notizia del:     Fonte: Fox News

I "ribelli", in visita negli USA, chiedono dollari per combattere Siria e Iran

I leader del sedicente 'Esercito siriano libero', ovvero i "ribelli", in visita negli USA, chiederanno a Trump che riprenda i programmi di 'cooperazione', già sospesi lo scorso luglio dall'inquilino della Casa Bianca, per combattere l'esercito siriano, dato il pericolo per la crescente influenza di Russia e Iran in Siria.

I membri del cosiddetto, 'Esercito siriano libero', (ESL, ovvero i "ribelli moderati" che originariamente...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:

Jared Kushner ha ricevuto 30 milioni di dollari da un'azienda israeliana

Kushner avrebbe ricevuto i soldi poco prima del suo primo viaggio in Israele con Trump in qualità di consigliere

da teleSUR   Il genero e consigliere del presidente degli Stati Uniti, Jared Kushner, ha stretto un...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:     Fonte: https://aawsat.com/english - Foto Reuters

Gli Stati Uniti fanno il primo passo per creare uno "stato curdo" in Siria

Gli Stati Uniti hanno annunciato che, nel prossimo futuro, invieranno diplomatici nelel aree sotto il controllo delle forze curde nel nord della Siria, una mossa che sarebbe il primo passo verso il riconoscimento di uno "stato curdo" nel nord della Siria.

Secondo il quotidiano arabo 'Al-Sharq al-Awsat', citando un importante funzionario occidentale, che ha...
Le più recenti da Il Montiano
Notizia del:

Siamo nel paese dove la realtà è capovolta

di Nicolò Monti Siamo nel paese dove nell'ultimo giorno di scuola prima delle feste, uno studente si infortuna in azienda durante l'Alternanza Scuola/Lavoro, dove i supermercati sono...
Notizia del:

Dedicato a te, si proprio a te, che ti senti in diritto di sparare sentenze sul Venezuela

di Nicolò Monti Non è difficile in queste ore leggere dei commenti davvero imbarazzanti sulla situazione in corso in Venezuela. Tutti si sentono in diritto di sparare sentenze, tutti gridano...
Notizia del:

Présidentielle 2017. Di “meno peggio”, si muore.

Nemmeno il tempo di aspettare i risultati delle urne che già gli sconfitti al primo turno di queste presidenziali francesi hanno da subito invitato al voto per Macron, il “meno peggio”,...
Notizia del:

Trump, Reductio ad Sorosum - Reductio ad Hitlerum

di N. Monti L’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca ha scatenato – come ampiamente previsto – un mare di polemiche e reazioni opposte. Il livello di discussione in queste...
Notizia del:

Cara sinistra, non c’è alleanza per la Costituzione senza rottura con l’Unione Europea

di N. Monti Domenica 11 Dicembre, presso il Roma Scout Center, in una sala affollatissima, i comitati per il No ove partecipa la sinistra italiana, oltre che associazioni, movimenti e grandi...
Notizia del:

Basta giochi

di Nicolò Monti Abbiamo passato una bella notte noi tutti che abbiamo votato no, ma da subito dichiarazioni fin troppo sbrigative hanno preso il sopravvento. Tra le richieste, la più gettonata...
Notizia del:

Se cosi' deve essere...

di Nicolò Monti La crisi economica, iniziata nel 2008 negli USA e poi importata in Europa, sembra non finire mai e come se non bastasse ha portato alla luce tutte le grandi contraddizioni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa