/ La Francia ammette: non ci sono prove che l'esercito siriano abbi...

La Francia ammette: non ci sono prove che l'esercito siriano abbia effettuato un attacco con armi chimiche

La Francia ammette: non ci sono prove che l'esercito siriano abbia effettuato un attacco con armi chimiche
 

Il ministro della Difesa francese, Florence Parly, riconosce di non avere prove certe sl presunto uso di gas cloro da parte delle forze siriane e afferma quindi che non si può ancora dire che il paese arabo abbia superato la "linea rossa".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"Abbiamo alcune indicazioni sul possibile uso del cloro (in Siria), ma non abbiamo una conferma assoluta", ha dichiarato ieri il ministro della Difesa francese, Florence Party all'emittente 'France Inter'.
 
Tuttavia, ha dichiarato che la Francia e altri governi stanno lavorando per chiarire gli eventi in Siria, senza specificare i nomi dei governi che sono interessati a conoscere questi eventi.
 
Seguendo le stesse linee, Parly ha fatto riferimento alla posizione del presidente francese Emmanuel Macron, che aveva segnalato nel marzo 2017 che qualsiasi uso di armi chimiche in Siria è considerato come un superamento della "linea rossa", e quindi afferma che a causa del mancanza di certezze su quanto accaduto nel paese arabo, Parigi non è attualmente in grado di dire se "la linea rossa è stata superata".

 
Le Dichiarazioni del ministro francese si verificano mentre il presidente francese ha tenuto lo stesso giorno un colloquio telefonico con il suo omologo russo, Vladimir Putin, in cui Macron ha espresso preoccupazione per quanto riguarda l'eventuale uso di armi chimiche nella regione del Ghouta orientale, zona rurale di Damasco e nella provincia di Idlib.
 
Singolari sono state le precisazioni del Ministro francese, la quale ha sostenuto che la priorità della Francia è combattere l'ISIS, "tutto ciò che diverge da questo obiettivo deve essere bandito". L'Esercito siriano con l'aiuto dell'aviazione russa nella provincia di Idlib combatte contro Hay'at Tahrir al-Sham, gruppo terrorista affiliato ad al Qaeda. In pratica Party ha riconosciuto che in Siria non bisogna combattere al Qaeda. 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: France Inter
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.lantidiplomatico.it/home/dettnews.php on line 339
Nessuna notizia trovata
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Quello che i grandi media non ti raccontano su Ghouta Orientale

I media accusano nuovamente Assad di crimini contro l'umanità e diffondono la posizione dei paesi occidentali, rifiutandosi di prendere in considerazione gli argomenti del governo siriano stesso e di riconoscere la complessità della situazione

Sputnik   Il sobborgo orientale di Ghouta, a est della capitale siriana, ha occupato le prime pagine,...
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa