/ La Lega araba definisce Hezbollah "terrorista" e denuncia le poli...

La Lega araba definisce Hezbollah "terrorista" e denuncia le politiche di 'aggressione' dell'Iran

La Lega araba definisce Hezbollah terrorista e denuncia le politiche di 'aggressione' dell'Iran
 

La Lega araba continua nel suo declino vergognoso, dominata dai voleri dell'Arabia Saudita.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il comunicato finale dell'incontro straordinario della Lega Araba al Cairo, tenutosi ieri su richiesta di Ryad, non ha sorpreso i libanesi. I ministri arabi hanno descritto il partito della resistenza libanese, Hezbollah, come "terrorista".
 
Solo il Libano e l'Iraq hanno formulato riserve e non hanno appoggiato i punti del comunicato della Lega araba su Hezbollah.
 
Il tono della dichiarazione finale, sembra, comunque, inferiore alle aspettative saudite. Secondo fonti egiziane, citate dal quotidiano Al akhbar libanese, e citate da 'Al Manar', il ministro degli esteri saudita voleva sospendere l'adesione Libano alla Lega Araba e ha chiesto il ritiro dal governo di Hezbollah o almeno la condanna del governo libanese per gli "atti terroristici di Hezbollah ". E perfinire: "Il Cairo ha rifiutato l'esclusione di qualsiasi partito libanese e sanzioni contro il popolo libanese per la scelta dei suoi rappresentanti".
 
In questo contesto, il capo della diplomazia libanese, Gebran Bassil, ha condotto diversi negoziati al fine di evitare la condanna del governo libanese.
 
La Lega denuncia la palese aggressione dell'Iran
 
Per quanto riguarda l'Iran, i ministri sauditi e del Bahrein hanno tenuto discorsi duri, accusando Teheran di destabilizzare la regione.
 
In una dichiarazione finale alla fine dell'incontro, la Lega Araba ha condannato il "fuoco missilistico balistico iraniano fatto dallo Yemen" e ha denunciato la "sfacciata aggressione".
 
Il 4 novembre scorso, l'esercito saudita ha detto di aver intercettato, diretto agli aeroporti di Riyadh, un missile sparato dai combattenti yemeniti di Ansarollah in risposta alle stragi sauditi contro il popolo yemenita. Le autorità saudite affermano che questo missile è di fabbricazione iraniana, fatto Teheran ha negato.
 
La Lega Araba si unisce così alla posizione di Ryad, come ha affermato in precedenza il suo segretario generale Ahmed Aboul Gheit: "le capitali arabe sono nel mirino dei missili balistici di Teheran".
 
Il comunicato finale afferma anche il diritto di Ryad e Manama alla "autodifesa" dei loro territori.
 
Inoltre, si è anche accusato "Hezbollah e la Guardia Rivoluzionaria iraniana di finanziare e addestrare gruppi terroristi in Bahrain" e "fatto assumere ad Hezbollah terrorista, uno dei partner del governo libanese la responsabilità di fornire ai gruppi terroristici in Paesi arabi armi sofisticate e missili balistici.
 
L'Iran, da parte sua, nega di essere all'origine dei problemi nella regione, puntando invece al "ruolo distruttivo" del suo rivale saudita.
 
Il comunicato finale dei ministri degli Esteri arabi ha chiesto anche al con il capo delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, di indagare sulle "violazioni iraniane legate al suo programma di missili balistici e il suo sostegno militare fornito alla milizia terrorista in Yemen ".
 
La dichiarazione ha anche ribadito la sua intenzione di "sospendere i canali televisivi finanziati dall'Iran che trasmettono via satellite nei paesi arabi mentre minacciano la sicurezza regionale."
 
Ryad non resterà a guardare
 
Ieri, l'Arabia Saudita ha avvertito l'Iran che non sarebbe rimasto "a guardare" di fronte alla sua politica "aggressiva" in Medio Oriente.
 
Il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir ha lanciato un vero e proprio attacco all'Iran e ai suoi "agenti", riferendosi al movimento libanese di Hezbollah e Ansarollah nello Yemen.
 
"L'Arabia Saudita non resterà a guardare contro l'aggressione dell'Iran e non risparmia sforzi per difendere la sicurezza nazionale", ha dichiarato Jubeir in un discorso.
 
"Mantenere il silenzio sull'aggressione iraniana attraverso i suoi agenti nella regione non proteggerà la capitale araba dai missili balistici", ha aggiunto.
 
Hezbollah, una "minaccia"
 
Con un tono altrettanto virulento, lo sceicco Khaled bin Ahmad Al-Khalifa, ministro degli Esteri del Bahrein, alleato di Riyadh, ha sostenuto che il Libano è sotto il "controllo totale" di Hezbollah.
 
"Questo partito terrorista non conduce solo operazioni entro i confini del paese, ma attraversa tutti i confini delle nostre nazioni. È una minaccia per la sicurezza nazionale araba ", ha ribadito.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Manar - CNN
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SANA

L'Iran ripudia il piano degli USA di creare un esercito in Siria

L'Iran considera la decisione degli Stati Uniti di formare le cosiddette "forze di sicurezza delle frontiere" nella Siria nord-orientale come una "chiara interferenza" negli affari interni del paese arabo e avverte che questa misura controversa peggiorerà e prolungherà la crisi.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi ha avvertito che l'iniziativa degli Stati...
Notizia del:     Fonte: Fox News

I "ribelli", in visita negli USA, chiedono dollari per combattere Siria e Iran

I leader del sedicente 'Esercito siriano libero', ovvero i "ribelli", in visita negli USA, chiederanno a Trump che riprenda i programmi di 'cooperazione', già sospesi lo scorso luglio dall'inquilino della Casa Bianca, per combattere l'esercito siriano, dato il pericolo per la crescente influenza di Russia e Iran in Siria.

I membri del cosiddetto, 'Esercito siriano libero', (ESL, ovvero i "ribelli moderati" che originariamente...
Notizia del:     Fonte: RT

Putin: La Russia sa chi ha organizzato gli attacchi alle sue basi in Siria. E non è la Turchia

I recenti attacchi alla base aerea russa di Khmeimim in Siria sono stati una provocazione volta a minare le relazioni del paese con i suoi partner, Turchia e Iran, e la soluzione pacifica della crisi siriana, ha dichiarato Vladimir Putin.

"Erano provocazioni volte a interrompere gli accordi precedenti, in primo luogo. In secondo luogo,...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar - Daily Sabah

L'Esercito siriano avanza contro i terroristi a Idlib e la Turchia convoca per protesta gli ambasciatori di Russia e Iran

Il ministero degli Esteri turco ha convocato gli ambasciatori di Russia e Iran sostenendo che le forze del governo siriano hanno "violato il cessate il fuoco nella zona di riduzione della tensione a Idlib."

L'Esercito siriano avanza contro i terroristi a Idlib nella liberazione della città e la Turchia convoca...
Notizia del:     Fonte: Al Masirah

(Video) La Difesa aerea yemenita abbatte un F-15 saudita

Il movimento popolare yemenita Ansarollah ha pubblicato ieri un video che mostra come la sua difesa antiaerea abbia abbattuto un aereo da guerra della cosiddetta coalizione, guidata dall'Arabia Saudita, nel cielo di Sana'a, la capitale dello Yemen.

In un video trasmesso sul canale arabo della televisione di stato yemenita 'Al Masirah', è possibile...
Notizia del:     Fonte: http://www.raialyoum.com - Al mayadeen

Nasrallah sorprenderà di nuovo Israele

La prima settimana dell'anno è stata ricca di eventi. Israele si è illuso che le proteste in alcune città iraniane, si tramutassero nell'inizio di una "rivoluzione colorata".

In Israele, l'euforia ha così rapidamente preso piede nella classe dirigente che il primo ministro...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran identifica l'organizzatore chiave delle proteste: Un ex agente CIA

Un triangolo formato dagli Stati Uniti, l'Arabia Saudita e regime israeliano per quattro anni consecutivi ha cospirato per provocare caos e disordini in Iran, il fattore principale è stato identificato dal procuratore generale del paese persiano.

"Il mentore principale di questo piano era uno statunitense di nome Michael Andrea, ex agente dell'antiterrorismo...
Notizia del:     Fonte: https://usun.state.gov

Gli USA mettono in guardia, ovvero minacciano, sul possibile sviluppo di uno scenario in Iran come quello in Siria

Washington ha espresso preoccupazione per la repressione delle proteste in Iran, mentre Mosca vede nell'azione statunitense un tentativo di destabilizzare l'accordo nucleare firmato con il paese persiano.

L'ambasciatrice degli Stati Uniti all'ONU, Nikki Haley, in una dichiarazione che sembra più una...
Notizia del:

Il Venezuela esprime solidarietà alla Repubblica Islamica dell'Iran e condanna le ingerenze di Usa e Israele

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, ribadendo il suo sincero sentimento di solidarietà nei confronti della Repubblica Islamica dell'Iran si augura che il popolo e il governo del paese fratello possano continuare a costruire e rafforzare il proprio modello di paese sovrano senza l'intervento di alcun potere straniero

da AVN   La Repubblica Bolivariana del Venezuela condanna gli atti di violenza che si sono verificati...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:

VIDEO: La Corea del Nord presenta con un museo le atrocità degli Stati Uniti dal 1950 al 1953

Un centro espositivo espone a Pyongyang dipinti con le torture di donne e assassini di bambini praticati dagli Stati Uniti durante la guerra di Corea

Mentre la guerra fredda tra Washigton e Pyongyang si sviluppa con toni sempre più accesi, il paese asiatico...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "Il 4 marzo voterò il Movimento Cinque Stelle. E' l'unico modo per porre fine al regime piddino-berlusconiano"

di Francesco Erspamer* Sono convinto che in Italia l’unico modo per fermare la decadenza economica, morale e sociale sia porre fine al regime piddino-berlusconiano e all’intera casta...
Notizia del:

LA RUSSIA INVITA UFFICIALMENTE L’EGITTO AI COLLOQUI DI PACE SULLA SIRIA

Il governo egiziano ha ricevuto un invito ufficiale da parte del governo russo per partecipare ai colloqui di pace che si terranno nella località di Sochi a fine gennaio 2018.  Lo ha comunicato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa