/ La Nuova Via della Seta cinese "laboratorio" per il futuro del tr...

La Nuova Via della Seta cinese "laboratorio" per il futuro del trasporto

La Nuova Via della Seta cinese laboratorio per il futuro del trasporto
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Diego Angelo Bertozzi


Jonathan Hillman (Center for Strategic International Studies di Washington) evidenzia come tutta l’iniziativa cinese, possa configurarsi come un “laboratorio per le nuove idee sul trasporto” e generare quindi a livello globale una “rinascita” nell’innovazione del settore, nello stesso modo nel quale “la bussola e il cammello domestico hanno facilitato una maggiore mobilità nei tempi antichi, tutte queste innovazioni hanno il potenziale per rimodellare il panorama economico di oggi". Gli esempi in questo senso non mancano a partire dalla soluzione trovata da Ronald Kleijwegt, direttore della logistica globale di HP, in collaborazione con la compagnia di logistica Unit 45: avendo spostato gli stabilimenti dalla costiera Shenzen all’interna megalopoli di Chongqing, lungo la linea ferroviaria diretta a Duisburg in Germania – 9mila chilometri per 2 settimane di viaggio - sono comparsi vagoni container completamente automatizzati e a temperatura controllata a distanza tramite Gps, in grado di attraversare regioni nelle quali il termometro oscilla tra i 40° C in estate e i -45° in inverno. 



Più innovativa ancora è di certo la tecnologia legata ai sistemi “hyperloop” in grado di “sparare” merci lungo un tubo ad oltre 500 km/h: la statunitense Hyperloop One e la russa Caspian Venture Capital hanno collaborato a uno studio di fattibilità di un hiperloop di 65 chilometri tra il porto russo di Zarubino e la zona logistica di Hunchun in Cina che, se realizzato, trasporterebbe merci pari a 1,3 milioni di Teu all’anno generando un risparmio di 250 milioni di dollari all’anno, oltre che indubbi vantaggi in tempo e flessibilità visto che un container potrebbe essere inviato nel momento stesso nel quale viene ricevuto, senza dover aspettare che un treno venga caricato con altri container. C’è poi la China Aerospace Science and Industry Corporation (Casic) che sta progettando lo sviluppo di un treno che combini le caratteristiche di un jet supersonico con quelle di un treno ad alta velocità, viaggiando lungo un tubo sigillato e a levitazione magnetica così da “volare” a 1.000 km/h. Secondo la Casic stessa la tecnologia sarà implementata gradualmente passando prima tra alcune città regionali cinesi a questa velocità per poi collegare quelle più grandi a 2.000 km/h e, infine, raggiungere i 4.000 lungo i corridoi continentali della nuova via della seta.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Tianxia
Notizia del:

Perché la Nuova via della Seta cinese non è il Piano Marshall 2.0

di Diego Angelo Bertozzi* per Marx21.it Diventa ormai sempre più difficile sostenere una tesi molto diffusa, soprattutto in Occidente, secondo la quale con la Belt and Road...
Notizia del:

Aziende statali cinesi: la "cura" pare funzionare

Nel 2017 i profitti totale delle imprese di proprietà dal governo centrale della Cina sono aumentati del 15,2% per una cifra pari a 1,4 trilioni di yuan (217,5 miliardi di dollari). Si tratta...
Notizia del:

Obiettivi nucleari e negoziati: Kim, altro che pazzia!

di Diego Angelo Bertozzi Lo si sosteneva da tempo ed era pure "razionalmente" intuibile: una volta raggiunti (anche se in parte) i propri obiettivi nucleari per garantire la messa in sicurezza...
Notizia del:

La posizione della Cina sulle manifestazioni in Iran

Mentre Trump spinge per il cambiamento di regime in Iran ("Il grande popolo iraniano è stato represso per molti anni. Sono affamati di cibo di libertà. Insieme ai diritti umani, anche...
Notizia del:

Pechino verso un nuovo 'soft power'?

  di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it La Cina “globale” ha prestato sempre più attenzione alla sua immagine, alla diffusione e alla promozione della propria cultura,...
Notizia del:

CINA E QUESTIONE PALESTINESE

di Diego Angelo Bertozzi  La decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, oltre ad affossare le speranze di vedere riconosciuta la Palestina (o meglio: l'insieme...
Notizia del:

L'incontro Trump-Xi e il soft power cinese

Il "soft power" secondo molti rappresenterebbe il tallone d'Achille della Cina popolare. Una mancanza che le impedirebbe di essere da ogni punto di vista una potenza globale. Vero o meno,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa