/ La pena di morte è sempre una infamia e Djalali potrebbe essere d...

La pena di morte è sempre una infamia e Djalali potrebbe essere davvero innocente. Ma...

La pena di morte è sempre una infamia e Djalali potrebbe essere davvero innocente. Ma...
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Francesco Santoianni


È talmente una brava persona”. Sembrerebbe questo essere il mantra su tutti i media mainstream (si veda, ad esempio, qui) di fronte alla condanna a morte, decretata da un tribunale di Teheran, nei confronti del medico iraniano Ahmadreza Djalali - già ricercatore presso una università piemontese- accusato di spionaggio. Un coro che pretende di asserire l’assoluta innocenza di Ahmadreza Djalali e che rischia di far precipitare la situazione.  A meno che non sia proprio questo, quello che si vuole.



Intendiamoci. La pena di morte resta sempre e comunque una infamia e Ahmadreza Djalali potrebbe essere davvero estraneo alle accuse mossegli. Ma non è certo inverosimile che qualche stato occidentale cerchi di carpire i segreti di Teheran utilizzando – a differenza di quanto, verosimilmente, è stato fatto con Jason Rezaian o Amir Mirzai Hekmati - cittadini iraniani. Sarebbe, quindi, il caso – se davvero si vuole salvare la vita di di Ahmadreza Djalali – non trasformare questa faccenda in una ennesima campagna mediatica contro l’Iran, come, ad esempio è stato fatto per Reyhane Jabbari e il suo fantomatico “testamento”.

Del resto – senza tirare in ballo l’arcinoto caso dei coniugi Rosenberg – sono innumerevoli le presunte “spie” scomparse nel nulla in Occidente. Una di queste, assolutamente innocente,  Mordechai Vanunu si è fatto diciotto anni di cella di isolamento in Israele. Ovviamente, nel silenzio pressoché totale dei media.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Candidati al Premio migliore Bufala 2017. Lorenzin: "A Londra, per il morbillo sono morti centinaia di bambini"

  “Premio migliore Bufala del 2017” lanciato da L’Antidiplomatico; in lizza le dieci bufale più strombazzate quest’anno dai media mainstream: Qui il video riassuntivo:   1)...
Notizia del:

L'Unione Europea cerca "debunker" per scoprire le "fake news". Ecco come mandare il curriculum

Una sbalorditiva iniziativa dell’Unione Europea: nell’ambito di un programma della Commissione Europea “contro le notizie false “ istituisce una “Commissione di esperti...
Notizia del:

Studenti diffidate del decalogo "anti bufale" della Boldrini. In gioco c'è il vostro futuro

  Il costo è ancora imprecisato, ma saranno quattro milioni gli studenti italiani costretti a sorbirsi #bastabufale, l’iniziativa della Boldrini sulla quale già ci eravamo soffermati...
Notizia del:

Vaccinazioni obbligatorie. Mai sentito parlare del GAVI?

  Non è solo in Italia che si impongono nuove vaccinazioni obbligatorie. Succede anche negli Stati Uniti, in Francia e lo si sta pianificando in tanti altri paesi europei. Perché? Il...
Notizia del:

"5000". "4000". "1000". Ah no "500" scusate: basta questa domanda a mandare in crisi il Pentagono sulla Siria

Sulla surreale conferenza stampa del super-generale James Jarrard

    Vale la pena di dare una occhiata al video che abbiamo postato qui sotto (sintetizzando con...
Notizia del:

A quei compagni che non condividono il mio non omaggio alla Catalogna

Fa davvero rabbrividire vedere tanti nella “sinistra antagonista” continuare ad inneggiare ad una “indipendenza della Catalogna” che rischia oggi di sfociare in un’altra...
Notizia del:

Prima sostenuti e ora temuti: i "foreign fighters" tagliagola che dalla Siria tornano in Europa

  Davvero improbabile, come afferma Le Figaro, che migliaia di Foreign fighters partiti dalla Francia per andare a combattere in Siria, per un “disguido burocratico” continuassero a ricevere...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa