/ La pena di morte è sempre una infamia e Djalali potrebbe essere d...

La pena di morte è sempre una infamia e Djalali potrebbe essere davvero innocente. Ma...

La pena di morte è sempre una infamia e Djalali potrebbe essere davvero innocente. Ma...
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Francesco Santoianni


È talmente una brava persona”. Sembrerebbe questo essere il mantra su tutti i media mainstream (si veda, ad esempio, qui) di fronte alla condanna a morte, decretata da un tribunale di Teheran, nei confronti del medico iraniano Ahmadreza Djalali - già ricercatore presso una università piemontese- accusato di spionaggio. Un coro che pretende di asserire l’assoluta innocenza di Ahmadreza Djalali e che rischia di far precipitare la situazione.  A meno che non sia proprio questo, quello che si vuole.



Intendiamoci. La pena di morte resta sempre e comunque una infamia e Ahmadreza Djalali potrebbe essere davvero estraneo alle accuse mossegli. Ma non è certo inverosimile che qualche stato occidentale cerchi di carpire i segreti di Teheran utilizzando – a differenza di quanto, verosimilmente, è stato fatto con Jason Rezaian o Amir Mirzai Hekmati - cittadini iraniani. Sarebbe, quindi, il caso – se davvero si vuole salvare la vita di di Ahmadreza Djalali – non trasformare questa faccenda in una ennesima campagna mediatica contro l’Iran, come, ad esempio è stato fatto per Reyhane Jabbari e il suo fantomatico “testamento”.

Del resto – senza tirare in ballo l’arcinoto caso dei coniugi Rosenberg – sono innumerevoli le presunte “spie” scomparse nel nulla in Occidente. Una di queste, assolutamente innocente,  Mordechai Vanunu si è fatto diciotto anni di cella di isolamento in Israele. Ovviamente, nel silenzio pressoché totale dei media.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Incredibile video-propaganda di Avaaz (ONG Usa). E questa non è interferenza nelle elezioni?

Un incredibile “video antifascista” di Avaaz. Si badi bene: non un video di un qualche comitato ospitato da Avaaz (anche se il look trasandato del filmato vorrebbe farlo credere), ma un video...
Notizia del:

Perché i media che hanno dato lustro alla sceneggiata di Netanyahu non rispondono a questa semplice domanda?

Strano che tra i tanti media, che hanno dato lustro alla sceneggiata di Netanyahu, nessuno si sia chiesto se ora Israele abbatterà anche gli innumerevoli satelliti russi che, al pari di quelli...
Notizia del:

Potere al Popolo e la Siria: schiumano di rabbia...

Schiumano di rabbia sulla Rete (non metto link per non dare ad essi pubblicità) gli inveterati sostenitori dei “ribelli siriani” bersagliando di insulti la candidata di Potere al Popolo...
Notizia del:

Siamo proprio sicuri che il neofascismo si sconfigga così?

di Francesco Santoianni   Brillante operazione delle Forze dell’Ordine. A poche ora dal suo post su Facebook (un fotomontaggio della Boldrini decapitata, davvero riprovevole, ma per...
Notizia del:

La bufala di Putin e "l'atomica maremoto": La nuova frontiera del complottismo di Repubblica e Corriere

  Dilaga su tutti i media (in primis Repubblica e Il Corriere) la bufala dell’”atomica maremoto” che sarebbe stata approntata dai Russi per colpire, tramite una esplosione nucleare...
Notizia del:

Lo studio di Reuters e Oxford University che ridicolizza i "debunker" della Boldrini

Campagne elettorali minacciate da fake news? E' una Fake news

  Campagne elettorali minacciate da fake news? Complotti di tenebrose potenze straniere “attestati”,...
Notizia del:

"Uomo morde cane". La Corea del Nord pubblica il rapporto sulla violazione dei diritti umani in Europa

Uomo morde cane? Questa si che è una notizia!  La Corea del Nord va al contrattacco e pubblica il Rapporto del suo Istituto per i Diritti Umani dedicato all’Europa: nessuna (rediviva)...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa