/ "La popolazione è con il governo di Damasco". Il partito comunist...

"La popolazione è con il governo di Damasco". Il partito comunista siriano su Afrin

La popolazione è con il governo di Damasco. Il partito comunista siriano su Afrin
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Sibialiria


Il 22 gennaio 2018, il Partito comunista unificato della Siria denunciava l’aggressione nella regione di Afrin da parte di Erdogan e dei suoi alleati, il cosiddetto Esercito siriano libero. Il comunicato chiedeva anche “al nostro popolo ad Afrin di far fronte all’aggressione in modo coordinato con lo Stato siriano, nel contesto degli sforzi per mantenere l’indipendenza, la sovranità e l’unità della Siria, della sua terra e di tutto il suo popolo”.
 

Il Partito comunista unificato ha attivisti e iscritti nella regione di Afrin. Salam Abdallah, dirigente del Partito, da Damasco è in contatto diretto con loro e li incontrerà fra pochi giorni. Intanto ci ha mandato alcune note. Ecco quel che scrive.
 

Erdogan vuole cambiare l’equilibrio delle forze nell’area. Aveva puntato sui gruppi terroristi a Idlib ma con l’avanzata dell’esercito siriano la situazione è cambiata. D’altra parte i curdi hanno fatto molti errori. Erdogan usa questo periodo, nel quale i russi non sono soddisfatti del comportamento delle cosiddette Syrian Democratic Forces.  I nostri militanti nell’area sono in grande maggioranza di etnia curda e chiedono che l’esercito siriano possa entrare nell’area per proteggere la popolazione, dal momento che le milizie curde non sono in grado di farlo. I curdi non possono fare uno Stato stabile che stia in piedi da solo. Abbiamo molte critiche nei confronti delle milizie curde perché sono scioviniste e noi respingiamo lo sciovinismo, facendo appello all’unità fra tutti i siriani, arabi, curdi, turkmeni…Non possiamo biasimare i curdi che sotto certi punti di vista in passato hanno avuto vari problemi,  il che ha aiutato il movimento sciovinista ad andare avanti nella società curda”.

 
 

“Allo stato attuale, occorre muoversi con saggezza. Alcuni nostri attivisti ad Afrin volevano alzare la bandiera siriana, ma abbiamo detto che non è il momento. Ma continuiamo a muoverci per l’unità”.

 

Aggiornamento da Salam Abdallah, dirigente del Partito comunista siriano unificato, 12 febbraio 2017
 

Ho ricevuto un altro messaggio da uno dei compagni ad Afrin. Ha ribadito che la maggioranza della popolazione di Afrin vorrebbe che le forze governative entrassero nell’area per proteggerla contro gli attacchi della Turchia e dei suoi alleati sul terreno. Il compagno sostiene che anche le amministrazioni locali vorrebbero questo. Ma l’amministrazione militare curda è contro l’ingresso dell’esercito siriano.
 

La maggioranza della popolazione non è d’accordo con le cosiddette “Forze democratiche siriane” ma non può certo reagire.


Ecco perché l’esercito siriano non entra nell’area.


Il compagno è di Ginderes e spiega che la situazione è molto difficile in quell’area. C’è una escalation degli attacchi turchi, si bombarda sempre più pesantemente… la popolazione è in pericolo. Nell’attacco contro Africa, la Turchia ha come alleati sul campo il cosiddetto Esercito siriano libero e il Turkistan Islamic Party.


Ecco la situazione ora. La popolazione è con il governo e vorrebbe la presenza dell’esercito siriano e così le amministrazioni locali. Ma la leadership militare è contro. La leadership militare è nelle mani di curdi turchi e iraniani che sono contro la presenza dell’esercito siriano e contro il governo siriano”.

 

A cura di M.C.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: RT

La Russia esorta alla cessazione delle "ambizioni occupanti" degli Stati Uniti in Siria

Mosca esorta gli Stati Uniti a smettere di fare minacce irresponsabili contro la Siria, attraverso l'inviato speciale della Russia all'ONU, Vasili Nebenzia, durante la riunione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

"L'obiettivo di lottare contro terroristi non deve essere una cortina fumogena per realizzare questi...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Nasrallah: Gli Stati Uniti continuano a complottare contro l'Asse della Resistenza

Nasrallah ha insistito sulla necessità di sostenere la Resistenza per contrastare i complotti degli interni ed esterni.

Il Segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah, ha avvertito che gli Stati Uniti, dopo aver fallito...
Notizia del:     Fonte: http://eng.mil.ru

"I terroristi bloccano l'invio di aiuti ai civili nel Ghouta Orientale"

Le azioni dei gruppi armati in Siria ostacolano il processo di pace e provocano misure reciproche da parte delle forze governative, si legge nella dichiarazione del ministero della Difesa russo.

I leader dei gruppi terroristici Jaysh Al-Islam e Jabhat Al-Nusra aggravano deliberatamente la situazione a Ghouta...
Notizia del:

Quello che i grandi media non ti raccontano su Ghouta Orientale

I media accusano nuovamente Assad di crimini contro l'umanità e diffondono la posizione dei paesi occidentali, rifiutandosi di prendere in considerazione gli argomenti del governo siriano stesso e di riconoscere la complessità della situazione

Sputnik   Il sobborgo orientale di Ghouta, a est della capitale siriana, ha occupato le prime pagine,...
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa