/ La reazione dei social alla grave provocazione della ministra isr...

La reazione dei social alla grave provocazione della ministra israeliana a Cannes

La reazione dei social alla grave provocazione della ministra israeliana a Cannes
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Mercoledì il ministro israeliano della Cultura e dello Sport, Miri Regev ha partecipato all'inaugurazione del festival di Cannes con un abito disegnato apposta per lei da Aviad Arik Herman. Il vestito presenta un corpetto color oro ed una gonna bianca con la vista di Gerusalemme. Visibili e riconoscibili il Muro occidentale, la Torre di Davide, la Cupola della Roccia ed il centro moderno della città.



La scelta è una dichiarazione politica esplicita. Secondo un comunicato stampa il ministro "voleva che il vestito esprimesse nel suo spirito la bellezza di Gerusalemme, in onore del 50 ° anniversario della sua liberazione e di unificazione".

"Sono orgogliosa di festeggiare questa data storica attraverso l'arte e la moda e sono felice che questo lavoro del designer israeliano Aviad Herman sia così commovente ed onori lo splendido stato della nostra eterna capitale Gerusalemme".

Tuttavia, mentre Israele rivendica sovranità su tutta la città, la maggior parte della comunità internazionale, così come i palestinesi, considera l&# 39;est della città occupata illegalmente da Israele.
 
I social media inevitabilmente hanno risposto alla scelta di abbigliamento di Regev e molti utenti hanno fornito le proprie idee photoshoppate di ciò che avrebbe essere stampato sul suo abito.



 

Fonti : Haaretz
            Jerusalem Post
            The Guardian
           Times of Israel


Paola Di Lullo
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da La mia Gaza
Notizia del:

E' libera Shereen Al-Issawi, nelle carceri del regime di Israele per 43 settimane senza un processo

di Paola Di Lullo È stata liberata ieri, Shereen Al-Issawi, dopo 43 settimane nelle carceri israeliane. Il suo destino è legato a doppio filo a quello del fratello Samer, a Gilad...
Notizia del:

Campi profughi palestinesi in Libano, vi racconto quello che ho visto

Sebbene ogni campo abbia la sua storia, le condizioni dei campi e quindi delle persone che vi dimorano, con qualche minima differenza, sono le medesime

di Paola Di Lullo   Burj El Barajneh, Chatila, Nahr El Bared, Ein El Helwe, Al Jalil Balbak. Sono...
Notizia del:

Da bambina gli sterminarono la famiglia, la storia di Shahira: Israele ha distrutto i suoi sogni, non le sue speranze

di Paola Di Lullo Beirut, 18 settembre 2017 Shahira è una donna forte, trasuda resistenza, chiede giustizia, non intende rassegnarsi né arretrare. Israele ha distrutto i suoi...
Notizia del:

I palestinesi ci chiedono di ricordare. Al via la missione italiana in Libano

di Paola Di Lullo BEIRUT. È partita ieri per Beirut la delegazione italiana composta da 27 persone, organizzata dalle Associazioni "Per non dimenticare Sabra e Chatila" e "Con...
Notizia del:

La comunità ebraica ordina... niente parco dedicato alla memoria di Arafat

Per la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello “dedicare un parco a Yasser Arafat è offensivo e antistorico”

di Paola Di Lullo   Nel silenzio, o quasi, di un’estate torrida, la comunità ebraica romana...
Notizia del:

A Gerusalemme è bollettino di guerra. Il regime di Israele uccide 3 palestinesi

di Paola Di Lullo È un bollettino di guerra quello che arriva da Gerusalemme, oggi. 3000 gli agenti schierati da Israele, almeno 113 i feriti, palestinesi, e tre i morti, sempre palestinesi. Ma...
Notizia del:

Gerusalemme, un venerdì di sangue come tanti

di Paola Di Lullo   Venerdì, giorno di riposo e di preghiera per tutti i musulmani. A Gerusalemme Est, non è un venerdì come gli altri. O forse sì. Intorno alle...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa