/ La reazione dei social alla grave provocazione della ministra isr...

La reazione dei social alla grave provocazione della ministra israeliana a Cannes

La reazione dei social alla grave provocazione della ministra israeliana a Cannes
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Mercoledì il ministro israeliano della Cultura e dello Sport, Miri Regev ha partecipato all'inaugurazione del festival di Cannes con un abito disegnato apposta per lei da Aviad Arik Herman. Il vestito presenta un corpetto color oro ed una gonna bianca con la vista di Gerusalemme. Visibili e riconoscibili il Muro occidentale, la Torre di Davide, la Cupola della Roccia ed il centro moderno della città.



La scelta è una dichiarazione politica esplicita. Secondo un comunicato stampa il ministro "voleva che il vestito esprimesse nel suo spirito la bellezza di Gerusalemme, in onore del 50 ° anniversario della sua liberazione e di unificazione".

"Sono orgogliosa di festeggiare questa data storica attraverso l'arte e la moda e sono felice che questo lavoro del designer israeliano Aviad Herman sia così commovente ed onori lo splendido stato della nostra eterna capitale Gerusalemme".

Tuttavia, mentre Israele rivendica sovranità su tutta la città, la maggior parte della comunità internazionale, così come i palestinesi, considera l&# 39;est della città occupata illegalmente da Israele.
 
I social media inevitabilmente hanno risposto alla scelta di abbigliamento di Regev e molti utenti hanno fornito le proprie idee photoshoppate di ciò che avrebbe essere stampato sul suo abito.



 

Fonti : Haaretz
            Jerusalem Post
            The Guardian
           Times of Israel


Paola Di Lullo
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da La mia Gaza
Notizia del:

Palestina occupata. Venerdì rosso...sangue

di Paola Di Lullo   Dieci giorni e due venerdì "della rabbia". Tanto è trascorso dalla dichiarazione unilaterale e priva di legittimità di Donald Trump di riconoscere...
Notizia del:     Fonte: Ynet News

Gaza stanotte, più di 20 bombardamenti in mezz'ora

di Paola Di Lullo Più di venti bombardamenti in circa mezz'ora, dopo il lancio di 4 razzi dalla Striscia verso i Territori del '48. Due di essi sarebbero stati abbattuti dall'Iron...
Notizia del:

Ministero della salute palestinese, primo bollettino su nuova Intifada: 1114 feriti e 4 morti

Bombardamenti sulla Striscia di Gaza si sono ripetuti in serata e durante la notte, da Beit Lahiya a Khan Younis. 25 i feriti, tra cui 6 bambini, di cui uno in gravi condizioni.

di Paola Di Lullo Il ministero della salute palestinese ha fornito i dati degli scontri e dei bombardamenti...
Notizia del:

Nuova Intifada palestinese per difendere Gerusalemme

di Paola Di Lullo   È una giornata densa di avvenimenti, questa. Dalle proteste di Tunisi, Beirut, Malesia, Marocco, Egitto, alle dichiarazioni di Turchia, Cina Venezuela, Cuba, Bolivia,...
Notizia del:

Ci hanno impedito di abbracciare Leila, non ci impediranno di ascoltare la sua voce e quella di tutti i popoli oppressi

Napoli non si piega al nazismo. Non lo fece nemmeno quando, unica città in Italia, in quattro giorni cacciò via i nazisti tedeschi, nel 1943. "Adesso vi facciamo vedere noi chi sono...
Notizia del:

Giro d'Italia nella Palestina occupata. Israele sbraita e RCS/La Gazzetta dello Sport esegue subito

Israele ora ringrazia. Gli ultimi brandelli di dignità italiana no

di Paola Di Lullo   Dunque, Israele non ha fatto nemmeno in tempo a protestare e minacciare il blocco...
Notizia del:

Leila Khaled in Italia non può entrare. Gentiloni si piega al volere di Israele (come sempre)

"Quanto accaduto è inconcepibile, ingiustificabile, vergognoso, disgustoso, dittatoriale. Quanto accaduto non è degno di un paese democratico."

di Paola Di Lullo  E così, alla fine, il governo italiano si è piegato ad Israele....
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa