/ La scomparsa dei fatti: dov'è finita la catastrofe neoliberista i...

La scomparsa dei fatti: dov'è finita la catastrofe neoliberista in Argentina?

La scomparsa dei fatti: dov'è finita la catastrofe neoliberista in Argentina?
 

Nel tempo della post-verità i media mainstream scelgono i paesi da mettere all'indice come nel caso del Venezuela bolivariano, mentre gli amici neoliberisti come Macri in Argentina sono esenti da critiche

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

C’è un grande assente nelle notizie provenienti dall’America Latina: si tratta del catastrofico bilancio frutto dell’applicazione del liberismo più selvaggio, per un anno, in Argentina. 

 

Tutto ha avuto inizio quando alle elezioni ha vinto per un pugno di voti Mauricio Macri, avendo la meglio sul candidato espressione del kirchnerismo Daniel Scioli. L’imprenditore di origini italiane ha prevalso sull’avversario utilizzando una narrazione mendace: in campagna elettorale ha quasi esclusivamente parlato di maggiore efficienza e lotta a presunti ‘sprechi’. Una volta eletto, alla prova concreta dei fatti il discorso è stato molto diverso.

 

In un anno al potere, Mauricio Macri, presenta un bilancio che si può definire con un solo termine: catastrofico. Le principali tariffe, ossia acqua, energia elettrica e gas hanno subito forti rincari che vanno dal 200% al 2000%. L’inflazione ha fatto registrare un’impennata che l’ha portata al 50%, mentre la moneta nazionale, il Peso, si è svalutato del 40%. 

 

La politica di austerità selvaggia imposta dal regime macrista ha avuto un impatto drammatico sulle classi popolari, la vita economica e lo sviluppo del commercio. Secondo la Chiesa Cattolica 1,4 milioni di argentini sono scesi sotto la soglia di povertà. Nella capitale Buenos Aires, il tasso di povertà è passato dal 20% al 33%. Secondo dati resi noti dall’Istituto Nazionale di Statistica e Censimento (INEC), il 32% vive in povertà - quindi parliamo di 8,7 milioni di persone - mentre 1,3 milioni di persone, il 6,3% degli argentini, vive in condizioni di povertà estrema. 

 

Non va meglio dal punto di vista del lavoro, nell’ultimo anno sotto la gestione Macri, si sono verificati bel 200.000 licenziamenti. Un’ondata che sembra non conoscere fine. 

 

Senza dimenticare la decisione del governo di permettere alle imprese produttrici di aumentare del 6% il prezzo della quota mensile a partire dal 1 di febbraio. Aumento che va ad aggiungersi al 9% già decretato nello scorso agosto. 

 

Il risultato delle politiche applicate da un governo neoliberista fino al midollo e composto in larga parte da uomini provenienti dalle fila di multinazionali è sotto gli occhi di tutti, tranne che della stampa mainstream, evidentemente troppo impegnata a diffamare il socialismo bolivariano che resiste nonostante i colpi sempre più forti portati da un’implacabile guerra economica. Una stampa che ‘distratta’ da improbabili ingerenze russe su elezioni e referendum in giro per il mondo, finge di non vedere le sofferenze che patisce il popolo argentino. 

 

Secondo quanto rivelato dall’Istituto di Statistica e Censimento dell’Argentina (INDEC) le disuguaglianze sociali sono letteralmente esplose. Il 10% della popolazione più ricca ha ottenuto entrate di 25,6 superiori rispetto al 10% di popolazione più povera. 

 

Gli argentini più poveri vivono con 1.370 pesos (85 dollari) al mese, mentre i più ricchi possono godere di 34.998 pesos (2.173 dollari). Viene da chiedersi dove sono quegli stessi media e opinionisti vari sempre pronti a fustigare il Venezuela bolivariano che ha provveduto ad aumentare del 50% salari e pensioni per difendere il reddito dei lavoratori da guerra economica e inflazione indotta

L’Argentina ha chiuso l’anno 2016 con una caduta del 3,8% del PIL nel terzo trimestre, mentre l’attività industriale ha subito una contrazione del 4,1%. 

 

Il tutto avviene mentre il presidente Mauricio Macri che in campagna elettorale aveva promesso di portare il livello di povertà in Argentina a zero, si rimangia la promessa dicendo che questo è impossibile. 

 

A chi afferma, con evidente disonestà intellettuale, che il socialismo ha portato il Venezuela allo sfascio, bisognerebbe chiedere il neoliberismo selvaggio dove sta conducendo l’Argentina? La risposta è facile: allo stesso drammatico punto dove si trovò agli albori del nuovo secolo.  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Venezuela, due candidati dell'opposizione riconoscono risultati delle elezioni

Henri Falcon e Laidy Gomez, il primo sconfitto mentre l'altra eletta, ammettono la vittoria del chavismo e riconoscono la regolarità del processo elettorale

  Mentre in Italia i media mainstream tentano di accreditare una poco credibile narrazione su brogli che...
Notizia del:

Il chavismo è maggioranza in Venezuela

La Rivoluzione Bolivariana ama votare. Dimostra ancora una volta che il suo cammino transita obbligatoriamente per il percorso elettorale. Condizione necessaria ma non sufficiente. La democrazia per il chavismo è molto più che il mero atto di votare

di Alfredo Serrano Mancilla - Publico   Nuovo appuntamento elettorale in Venezuela. Sì, avete...
Notizia del:

Il segretario dell'ALBA-TCP esalta la vocazione democratica del Venezuela

«Oggi i venezuelani hanno un appuntamento con la democrazia (…) Hanno l’opportunità di esercitare la propria sovranità, prendere decisioni ed eleggere i propri rappresentanti», ha dichiarato ai microfoni di teleSUR

  Il Segretario Esecutivo dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nuestra America (ALBA-TCP),...
Notizia del:

L'economista argentino Kicillof: il neoliberismo cerca di spaccare l'America Latina

L'ex ministro dell'Economia argentino denuncia la gestione Macri: «Il primo anno è stato disastroso, si è registrato un peggioramento in tutti gli indicatori economici»

  «Il neoliberismo ha una strategia per l'America Latina, che ha a che fare con il libero mercato,...
Notizia del:

TeleSUR intervista Richard Gott (ex corrispondente del 'The Guardian') in Bolivia quando il Che fu assassinato dalla CIA

«L'eredità del Che è quella di un uomo che ha abbandonato tutti i suoi successi e beni materiali per promuovere le sue idee sulla rivoluzione socialista. Sebbene non abbia avuto successo immediato, il popolo continuerà a sollevare la sua bandiera rivoluzionaria»

da teleSUR   Richard Gott è un giornalista britannico, storico ed ex corrispondente dall’America...
Notizia del:

L'omaggio di Evo Morales al Che: «Oggi più necessario che mai»

Morales ha dichiarato che «il miglior omaggio è continuare la lotta antimperialista»

  In chiusura della quattro giorni di attività dedicata alla memoria di Ernesto ‘Che’...
Notizia del:

In Italia scoppia la guerra tra poveri per la casa. Si guardi l'esempio venezuelano

Attraverso la Gran Mision Vivienda Venezuela il governo bolivariano si appresta a consegnare l'alloggio popolare numero 1 milione 794 mila 046 dal 2011 ad oggi

di Fabrizio Verde   In Italia c’è un esercito di disperati le cui fila si ingrossano giorno...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

L'uragano Maria devasta Porto Rico. Trump rifiuta gli aiuti offerti da Venezuela e Cuba

«La situazione qui a Porto Rico è terribile», ha dichiarato Case Harrity, un rappresentante locale di Save the Children

  L’uragano Maria ha attraversato il territorio di Porto Rico lasciando i suoi effetti devastanti....
Notizia del:

Gentiloni sulla Catalogna: «Rispetto della Costituzione spagnola». E quella venezuelana?

Il Presidente del consiglio dei ministri ha evidenziato nuovamente la sua doppia morale

di Fabrizio Verde   «Gli eventi di ieri hanno attraversato la discussione di oggi, io mi limito...
Notizia del:

Referendum Catalogna, Maduro attacca Rajoy: «Chi è il dittatore? Mariano Rajoy ha optato per il sangue, il manganello, la repressione, contro un popolo nobile»

Maduro dopo aver espresso la sua «solidarietà al popolo della Catalogna», ha denunciato di aver osservato con sgomento «immagini commoventi», viste in Spagna solo «durante l’epoca franchista»

  «Rajoy deve rispondere al mondo per quello che ha fatto al popolo catalano», così si...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli USA di non riconoscere la volontà del popolo venezuelano

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, riaffermando il suo stato indipendente e sovrano, condanna con forza le minacce del Governo del Presidente Donald Trump

La Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli Stati Uniti...
Notizia del:

Venezuela, l’ennesima lezione di democrazia e sovranità al morente occidente

Il presidente Nicolas Maduro ha sottolineato che «il chavismo ha ripreso il cammino della vittoria in un momento molto difficile»

di Fabrizio Verde   Nel bel mezzo di un assedio internazionale dove le sanzioni economiche vanno ad...
Notizia del:

Salim Lamrani - Che Guevara, apostolo degli oppressi

di Salim Lamrani - aporrea Università de La Réunion (traduzione di Francesco Monterisi) Il cinquantesimo anniversario dell'assassinio del Che in Bolivia, il 9 ottobre 1967,...
Notizia del:

IL SEQUESTRO DI MILAGRO SALA: L'ATTIVISTA TORNA IN CARCERE IN ARGENTINA

La deputata indigena, prigioniera politica di Macri, ha pagato il suo impegno per il desparecido Santiago Maldonado. E' stata sequestrata in pigiama alle 7 di mattina dalle forze speciali argentine

di Geraldina Colotti  Milagro Sala è di nuovo in carcere. La deputata indigena, dirigente della...
Notizia del:

Il Venezuela destinerà il 72,5% del proprio bilancio alle politiche sociali

In occasione della firma del primo contratto nazionale collettivo del settore salute, Maduro, ha inoltre specificato che le risorse serviranno a garantire i più alti standard in ambiti quali salute, educazione, casa, alimentazione e tempo libero

di Fabrizio Verde   La Repubblica Bolivariana del Venezuela destinerà il 72,5% del proprio bilancio...
Notizia del:

Patricio Montesinos - Che e Fidel: eterni combattenti contro il blocco USA a Cuba

di Patricio Montesinos - Cubadebate  (Traduzione di Francesco Monterisi) Anche senza essere fisicamente tra noi, il Guerrigliero Eroico, Ernesto Che Guevara, ed il leader storico della...
Notizia del:

Ángel Guerra Cabrera: "Senza il Che, un indio non sarebbe mai giunto alla presidenza della Bolivia"

di Ángel Guerra Cabrera - Telesur  L'accampamento di migliaia di persone, principalmente giovani, di tutto il mondo, in Vallegrande, Bolivia, molto vicino al luogo dove Che Guevara...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa