/ La scomparsa dei fatti: dov'è finita la catastrofe neoliberista i...

La scomparsa dei fatti: dov'è finita la catastrofe neoliberista in Argentina?

La scomparsa dei fatti: dov'è finita la catastrofe neoliberista in Argentina?
 

Nel tempo della post-verità i media mainstream scelgono i paesi da mettere all'indice come nel caso del Venezuela bolivariano, mentre gli amici neoliberisti come Macri in Argentina sono esenti da critiche

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

C’è un grande assente nelle notizie provenienti dall’America Latina: si tratta del catastrofico bilancio frutto dell’applicazione del liberismo più selvaggio, per un anno, in Argentina. 

 

Tutto ha avuto inizio quando alle elezioni ha vinto per un pugno di voti Mauricio Macri, avendo la meglio sul candidato espressione del kirchnerismo Daniel Scioli. L’imprenditore di origini italiane ha prevalso sull’avversario utilizzando una narrazione mendace: in campagna elettorale ha quasi esclusivamente parlato di maggiore efficienza e lotta a presunti ‘sprechi’. Una volta eletto, alla prova concreta dei fatti il discorso è stato molto diverso.

 

In un anno al potere, Mauricio Macri, presenta un bilancio che si può definire con un solo termine: catastrofico. Le principali tariffe, ossia acqua, energia elettrica e gas hanno subito forti rincari che vanno dal 200% al 2000%. L’inflazione ha fatto registrare un’impennata che l’ha portata al 50%, mentre la moneta nazionale, il Peso, si è svalutato del 40%. 

 

La politica di austerità selvaggia imposta dal regime macrista ha avuto un impatto drammatico sulle classi popolari, la vita economica e lo sviluppo del commercio. Secondo la Chiesa Cattolica 1,4 milioni di argentini sono scesi sotto la soglia di povertà. Nella capitale Buenos Aires, il tasso di povertà è passato dal 20% al 33%. Secondo dati resi noti dall’Istituto Nazionale di Statistica e Censimento (INEC), il 32% vive in povertà - quindi parliamo di 8,7 milioni di persone - mentre 1,3 milioni di persone, il 6,3% degli argentini, vive in condizioni di povertà estrema. 

 

Non va meglio dal punto di vista del lavoro, nell’ultimo anno sotto la gestione Macri, si sono verificati bel 200.000 licenziamenti. Un’ondata che sembra non conoscere fine. 

 

Senza dimenticare la decisione del governo di permettere alle imprese produttrici di aumentare del 6% il prezzo della quota mensile a partire dal 1 di febbraio. Aumento che va ad aggiungersi al 9% già decretato nello scorso agosto. 

 

Il risultato delle politiche applicate da un governo neoliberista fino al midollo e composto in larga parte da uomini provenienti dalle fila di multinazionali è sotto gli occhi di tutti, tranne che della stampa mainstream, evidentemente troppo impegnata a diffamare il socialismo bolivariano che resiste nonostante i colpi sempre più forti portati da un’implacabile guerra economica. Una stampa che ‘distratta’ da improbabili ingerenze russe su elezioni e referendum in giro per il mondo, finge di non vedere le sofferenze che patisce il popolo argentino. 

 

Secondo quanto rivelato dall’Istituto di Statistica e Censimento dell’Argentina (INDEC) le disuguaglianze sociali sono letteralmente esplose. Il 10% della popolazione più ricca ha ottenuto entrate di 25,6 superiori rispetto al 10% di popolazione più povera. 

 

Gli argentini più poveri vivono con 1.370 pesos (85 dollari) al mese, mentre i più ricchi possono godere di 34.998 pesos (2.173 dollari). Viene da chiedersi dove sono quegli stessi media e opinionisti vari sempre pronti a fustigare il Venezuela bolivariano che ha provveduto ad aumentare del 50% salari e pensioni per difendere il reddito dei lavoratori da guerra economica e inflazione indotta

L’Argentina ha chiuso l’anno 2016 con una caduta del 3,8% del PIL nel terzo trimestre, mentre l’attività industriale ha subito una contrazione del 4,1%. 

 

Il tutto avviene mentre il presidente Mauricio Macri che in campagna elettorale aveva promesso di portare il livello di povertà in Argentina a zero, si rimangia la promessa dicendo che questo è impossibile. 

 

A chi afferma, con evidente disonestà intellettuale, che il socialismo ha portato il Venezuela allo sfascio, bisognerebbe chiedere il neoliberismo selvaggio dove sta conducendo l’Argentina? La risposta è facile: allo stesso drammatico punto dove si trovò agli albori del nuovo secolo.  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Partiamo dai fatti più...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Venezuela, Roy Chaderton: la destra vuole restaurare il neoliberismo

Il diplomatico venezuelano intervistato dall'emittente Vtv

  L’ex ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela presso l’Organizzazione degli...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Evo Morales: Il petrolio è la ragione principale per l'attacco alla Siria e le minacce al Venezuela

Il presidente de Bolivia, Evo Morales, ha denunciato sul suo account Twitter che l'attacco militare degli Stati Uniti contro la Siria e le minacce contro il Venezuela hanno lo scopo di appropriarsi del una risorsa naturale esistente in entrambi i paesi.

Il presidente boliviano Evo Morales  ha condannato i pretesti sulla presunta esistenza di armi chimiche...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

OSA, la denuncia di Evo Morales: «Si è trasformata in un Ministero delle Colonie»

«L’OSA si è di nuovo trasformata in Ministero delle Colonie.» Viene attuato un golpe istituzionale per impedire alla Bolivia di assumere l’esercizio della presidenza di turno», questo è quanto dichiarato da Evo Morales

  Attraverso il proprio account Twitter, il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha denunciato che l’Organizzazione...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Pablo Sepúlveda Allende: "La rivoluzione bolivariana deve prepararsi a qualsiasi scenario"

Il nipote del Presidente cileno Salvador Allende, morto l'11 settembre del 1973, in un colpo di stato ordito dagli USA e attuato dal generale Augusto Pinochet, da alcuni anni in Venezuela, in un'intervista ad Al-Mayadeen, sostiene che è necessario creare un nuovo corso per l'economia venezuelana, creando una propria industria, oltre a sradicare la corruzione dentro e fuori il PSUV e rafforzare il potere popolare per preparasi a qualsiasi scenario.

Link dell'intervista realizzata per 'al Mayadeen' dall'analista internazionale Yerko Ortega.   Pablo...
Notizia del:

Macri e la nuova Argentina: licenziamenti di massa e miliardi di dollari in armi Usa.

di Geraldina Colotti* - il Manifesto   «Se abbiamo sconfitto la dittatura, ce la faremo anche contro questo governo». Così Nora Cortiñas, leader delle Madres de...
Notizia del:

I silenzi assordanti di Almagro all'interno dell'Osa

Il Segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (OSA), Luis Almagro, ha chiesto l'applicazione della Carta democratica e l'espulsione dall'organizzazione internazionale...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Maduro: l'essere umano dev'essere il centro dell'economia venezuelana

  «Siamo impegnati nella costruzione di un’economia che produca ricchezza e che sostenga la crescita dell’uguaglianza, il benessere e lo sviluppo sociale integrale di tutta la nazione;...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela: domenica popolo in piazza contro l'interventismo statunitense

da italia.embajada.gob.ve   Caracas, 21 marzo 2017 (MPPRE) - Di fronte ai piani interventisti del Dipartimento di Stato degli USA, il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás...
Notizia del:

Argentina, Macri compara la lotta sindacale degli insegnanti a Hiroshima!

In un davvero incredibile post su Facebook, il Presidente argentino Mauricio Macri ha fatto un parallelo tra lo sciopero degli insegnanti dell'Argentina.... a Hiroshima. Dopo un primo anno...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Più realisti del Re. La Stampa di Torino sul Venezuela rilancia perfino le fake news smentite dall'opposizione

Ancora mistificazione del mainstream italiano per gettare fango sul governo bolivariano

di Fabrizio Verde   «Verso l’ora del tramonto, la piazza Altamira è illuminata solo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Storico sciopero generale in Brasile, Dilma Rousseff: «La lotta è appena cominciata»

Uno sciopero che è stato proclamato contro le misure neoliberiste implementate dal governo non eletto guidato da Michel Temer

di Fabrizio Verde   «La lotta per un avvenire migliore per tutti i brasiliani è appena...
Notizia del:     Fonte: http://lta.reuters.com/

Venezuela: Reuters ammette violenza dell'opposizione

I corrispondenti dell'agenzia internazionale raccontano le violenze organizzate dall'opposizione venezuelana

  I fatti hanno la testa dura. Una menzogna non può essere reiterata per troppo tempo senza correre...
Notizia del:

Venezuela: la disinformazione di Repubblica attraverso 'l'inviato' residente a Miami

La protesta via Twitter dell'Ambasciata in Italia della Repubblica Bolivariana del Venezuela

di Fabrizio Verde   L’America Latina, con Cuba e Venezuela in testa, è da sempre uno dei...
Notizia del:

Il Venezuela rompe con l'OSA, Maduro: «Almagro vergogna dell'America Latina»

Maduro ha ricordato che nelle ultime settimane sono state violate numerose norme interne dell’organizzazione e prese decisioni fraudolente

  «Hanno rotto ogni schema di convivenza (…) con un segretario Generale manovrato, svergognato,...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela: intervento del Ministro degli Esteri Delcy Rodríguez

  REPUBBLICA BOLIVARIANA DEL VENEZUELA MINISTERO DEL POTERE POPOLARE PER GLI AFFARI ESTERI TRASCRIZIONE DELL'INTERVENTO DEL MINISTRO DEGLI ESTERI DELCY RODRÍGUEZ Buon...
Notizia del:

Manipolazione mediatica in Venezuela: il giovane nudo alla manifestazione confessa che si è trattato di uno show premeditato

L’opposizione ha organizzato - nel mezzo delle violenze - veri e propri show evocativi di immagini che sono passate alla storia

  La guerra non convenzionale scatenata contro il Venezuela si sviluppa su vari livelli. Tra questi viene...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa