/ L'alternanza scuola lavoro è un crimine sociale che bisogna cance...

L'alternanza scuola lavoro è un crimine sociale che bisogna cancellare

L'alternanza scuola lavoro è un crimine sociale che bisogna cancellare
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Giorgio Cremaschi

Un odioso fatto di cronaca criminale, gli abusi sessuali di un imprenditore brianzolo su studentesse minorenni a lui affidate per l'alternanza scuola lavoro, ha di nuovo per un momento acceso i riflettori su questo strumento cardine de La buona scuola. 
Naturalmente tutti i benpensanti si sono affrettati a chiarire la eccezionalità del delitto, accusando di bieche speculazioni populiste chiunque abbia accostato la violenza sessuale al meccanismo stesso dell'alternanza scuola lavoro. 


Certo, speriamo questo sia un caso limite e unico, ma resta il fatto che grazie alla controriforma scolastica di Renzi centinaia di migliaia di studenti sono gettati nel lavoro senza alcuna tutela e senza alcuna retribuzione. Già questo è criminale in sé, che poi a questo abuso di fondo se ne aggiungano altri, assai più gravi, non cambia la sostanza. L'alternanza scuola lavoro fotografa, esalta, accresce il degrado della scuola pubblica e del mercato e delle condizioni del lavoro nell'Italia di oggi.
Non sono contrario al principio che gli studenti facciano esperienze lavorative, ma sono ferocemente avverso a che le facciano da schiavi. 


Una seria alternanza scuola lavoro richiederebbe una specifica formazione dal lato della scuola, con docenti addetti a seguire tutto il percorso degli studenti. La formazione dovrebbe naturalmente riguardare anche tutte le leggi ed i contratti che dovrebbero essere applicati là dove si va a lavorare. E per le ore di lavoro si dovrebbe ricevere la retribuzione prevista per i lavoratori appena assunti. La scuola cioè dovrebbe seguire l'aspetto educativo e formativo dell'esperienza di lavoro e l'impresa dovrebbe garantire il suo carattere di apprendimento, riconoscendo piena dignità alla prestazione offerta dallo studente. Nulla di tutto questo è minimamente previsto dalla legge attuale. Per un numero molto alto di ore, da 200 a 400, gli studenti sono appaltati ad istituti pubblici o aziende private e lasciati lì a lavorare gratis. Solo in casi estremi l'autorità scolastica interviene, come ha documentato La Stampa su un caso di supersfruttameto di ragazzi nella provincia di Torino.


Cosa imparano allora gli studenti? Che il lavoro è ubbidire, lavorare senza essere pagati, non avere diritti, eseguire mansioni stupide o faticose senza lamentarsi. E che la scuola rispetto al mondo del lavoro non serve a niente e non conta nulla. Questa è la sola funzione formativa dell'alternanza scuola lavoro prevista da La buona scuola: abituare i giovani a non avere diritti e ad arrangiarsi nel peggio della società. In perfetta coerenza con il jobsact, con la privatizzazione dell'istruzione, con la sottomissione alle leggi del mercato di tutti i principi della nostra Costituzione. Quella dell'alternanza scuola lavoro è quindi una educazione alla rovescio; e i governi e i ministri che la sostengono dovrebbero essere condannati come diseducatori e corruttori morali. Cancellare questo crimine sociale, fonte di altri crimini, è un puro atto di civiltà democratica.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: teleSUR

'Jobs Act' e ridefinizione schiavitù: i sindacati brasiliani denunciano Temer alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani

Il governo neoliberista si difende citando ad esempio leggi sul lavoro approvate in Italia e Francia

  La riforma del lavoro imposta in Brasile dal golpista Michel Temer, ha significato una regressione per...
Notizia del:     Fonte: http://www.avn.info.ve/

La solidarietà del governo venezuelano ai familiari dei 43 studenti desaparecidos di Ayotzinapa

A nome del governo venezuelano e del presidente Nicolas Maduro, Delcy Rodriguez ha riconfermato vicinanza ai familiari delle vittime, abbandonati al proprio destino dalla giustizia e dal governo messicano

  Il governo venezuelano ha ribadito la propria vicinanza ai familiari dei 43 studenti desaparecidos di Ayotzinapa,...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

I pericoli della flexicurity: cronaca di un disastro annunciato

La precarizzazione del lavoro in Spagna prodotto della riforma normativa 'flessibilizzatrice' ha ridotto in maniera importante la qualità del lavoro

di Adoración Guamán - teleSUR   Già da diverse decadi le norme che regolano...
Notizia del:     Fonte: http://vocidallestero.it/

Craig Roberts: la dichiarazione di guerra di Trump all'establishment

Se si può dire la verità, il Presidente Trump ha dichiarato guerra a se stesso, una guerra per lui molto più pericolosa che se avesse dichiarato guerra alla Russia o alla Cina

  di Paul Craig Roberts - vocidallestero.it Il breve discorso inaugurale del presidente Trump è...
Notizia del:

Con le donne e gli uomini di Almaviva, in lotta contro tre tradimenti

di Giorgio Cremaschi   A Roma manifestano le tante, tante donne e gli uomini licenziati in tronco da Almaviva. Sono oltre 1600, ma altri ancora ne verranno se non verrà fermata la macchina...
Notizia del:

Donald Trump nel discorso inaugurale promette di sradicare il terrorismo radicale islamico

Nel suo discorso ha promesso di dare il governo di nuovo al popolo

  Donald Trump ha giurato come 45° presidente degli Stati Uniti d’America. Nel suo discorso, durato...
Notizia del:

Articolo 18: la Corte a difesa del Jobs Act e del palazzo

Ci scandalizzano ma non debbono sorprenderci

di Giorgio Cremaschi   La sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato il referendum sull'articolo...
Notizia del:

POLETTI CONFERMA IL TAGLIO ALLE PENSIONI DI REVERSIBILITÀ

di Giorgio Cremaschi La smentita del ministro del lavoro (?) all'allarme diffuso dai sindacati sul taglio delle pensioni di reversibilità in realtà lo conferma pienamente. Il...
Notizia del:

In Grecia un datore di lavoro chiede ad una sua impiegata di abortire

In un paese dove il Jobs Act è realtà da oltre tre anni, il mondo del lavoro ha perso ogni diritto

  Nella Grecia sotto commissariamento della Troika può accadere che una lavoratrice di una...
Notizia del:

Lavoro minorile, Samsung e tante belle parole

"I segreti inconfessabili dei nostri smartphone", Cash Investigation

La situazione non migliora per il colosso coreano Samsung, scrive Olivier Petijean sulla rivista francese Basta!....
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

"Le cose nel mondo del lavoro si sono rimesse in moto. Ed è solo l'inizio."

USB primo sindacato alla GD di Bologna

di Giorgio Cremaschi  La fabbrica metalmeccanica GD di Bologna, quasi 1500 dipendenti, è stata...
Notizia del:

Difesa comune europea: l'UE vuole portare i popoli alla guerra contro la Russia

di Giorgio Cremaschi In politica progetti disastrosi e criminali a volte nascono come idee di finto buonsenso. La firma del trattato di difesa europea da parte di 23 paesi, non tutti i 27 stati...
Notizia del:

L'Armata Branca(ccio)leone

  di Giorgio Cremaschi   Se i suoi promotori Anna Falcone e Tomaso Montanari, invece che inseguire i giri di valzer della sinistra di palazzo, avessero provato a mettersi in...
Notizia del:

Ai cretini che: "scioperano di venerdì per fare il ponte"

di Giorgio Cremaschi I primi segnali sullo sciopero generale proclamato da USB COBAS UNICOBAS sono molto buoni. Trasporti bloccati in tutto il paese e tante adesioni nel lavoro pubblico come in...
Notizia del:

100 anni e non li dimostra

di Giorgio Cremaschi  La Rivoluzione d'Ottobre è la più importante rivoluzione dell'epoca moderna. Finora almeno, aggiungo con un moto di ottimismo.   Il 25...
Notizia del:

Braccianti di Rignano: il coraggio dei braccianti, la vergogna dell'Italia

  di Giorgio Cremaschi    Coraggio, diritti, dignità, scandisce a pugno chiuso Aboubakar Soumahoro, per tutti Abou, mentre inizia il suo intervento in una sala di Foggia,...
Notizia del:

Ora è ufficiale: i salari stanno calando. Solo con la lotta di classe potranno riprendersi

Cremaschi: "La ripresa riguarda solo i guadagni dei padroni, se vogliamo che tocchi anche i salari il lavoro deve riappropriarsi della lotta di classe. Che da trent'anni è monopolio dei ricchi. Questa la verità da portare in sciopero il 10 e in manifestazione a Roma l'11 novembre."

di Giorgio Cremaschi L'Osservatorio Jobpricing, un centro studi non certamente sovversivo che comunica...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa