/ L'Alto Commissario per i Diritti Umani dell'ONU? Un esperto in 'i...

L'Alto Commissario per i Diritti Umani dell'ONU? Un esperto in 'interventi umanitari'

L'Alto Commissario per i Diritti Umani dell'ONU? Un esperto in 'interventi umanitari'
 

La Repubblica Bolivariana del Venezuela denuncia l'utilizzo strumentale dei diritti umani per fini politici

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

Un rapporto prodotto dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani accusa il Venezuela di “estesi» abusi commessi dalle proprie forze di sicurezza tra aprile e luglio, nella repressione dell’ondata di violenza scatenata dall’opposizione golpista con l’intento di rovesciare il legittimo governo socialista guidato da Nicolas Maduro. 

 

Il governo venezuelano ha immediatamente respinto questo rapporto definendolo «infondato» e «manipolato». 

 

«Una patetica dimostrazione del fatto che questo ufficio e, in particolare, l’Alto Commissario Zeid Ra'ad Al Hussein, hanno deciso di far saltare la democrazia partecipativa e ‘protagonica’ che esiste in Venezuela», si legge in un comunicato diramato da Jorge Valero, ambasciatore venezuelano presso l’ONU a Ginevra. 

 

L’iniziativa dell’organismo internazionale ha trovato la forte condanna anche di Delcy Rodriguez, presidente dell’Assemblea Nazionale Costituente del Venezuela, che denuncia: «L’Alto Commissariato costruisce un falso positivo in Venezuela per giustificare l’intervento imperiale. Il nostro paese può dare lezioni in merito ai diritti umani».

 

Seguita dal ministro degli Esteri Jorge Arreaza: «L’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani accusa senza alcun fondamento il mio paese. Si tratta di un organo politicizzato che lancia accuse senza alcun rigore metodologico e mente. Esigiamo che cessi l’aggressione contro il Venezuela». 

 

Chi dirige l’organismo internazionale «politicizzato»?

 

Alla testa dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani troviamo un esperto di interventismo, sempre al servizio dei soliti noti: il principe giordano Zeid Ra'ad Al Hussein. L’uomo che ha assunto l’onere di tornare a mettere il Venezuela sul banco degli imputati quando sono tutte miseramente fallite le precedenti strategie. Ultime le mosse intraprese da Almagro in seno all’Organizzazione degli Stati Americani.  

 

Zeid Ra'ad Al Hussein è un esponente della dinastia hashemita che governa il Regno di Giordania. Educato nelle più esclusive università europee, ha già ricoperto il ruolo di ambasciatore per il suo paese in Messico, Stati Uniti e ONU. La sua collocazione alla testa dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani dell’ONU è una celebrazione per le élite occidentali, visti i suoi intensi legami con Washington. Come ricorda il portale Mision Verdad. 

 

Nel suo curriculum troviamo la partecipazione attiva a diversi interventi poi culminati in disastri umanitari. Gli anni 90’ lo vedono protagonista nello scenario di guerra dell’ex Jugoslavia come capo della diplomazia di UNPROFOR, Forza di Protezione delle Nazioni Unite, entità che fungeva da agenzia militare alleata della NATO, ufficialmente impegnata per «l’assistenza umanitaria», il «soccorso delle vittime» e la creazione di «zone di sicurezza», in aeroporti e zone di frontiera. 

 

L’uomo perfetto, dunque, per gestire un’eventuale intervento straniero in Venezuela mascherato da aiuti umanitari. A ricordarcelo è il sempre preci Mision Verdad. A tal proposito, il principe giordano, ha esperienza nel montaggio di scenari di intervento alla frontiera. E sappiamo bene che il Venezuela ha una frontiera caldissima con la Colombia, dove sono tra l’altro presenti in maniera massiccia forze paramilitari e soldati statunitensi. 

 

Inoltre, MIsion Verdad ricorda che Zeid Ra'ad Al Hussein è stato rappresentante del Consiglio di Sicurezza per guidare l’ultimo lasso di interventi umanitari dell’ONU in Liberia e Repubblica Democratica del Congo: due nazioni africane segnate da guerre mercenarie per oltre un decennio. Il principe giordano ebbe il compito di legittimare a livello internazionale le sanzioni finanziarie imposte dagli Stati Uniti e dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU come «unica forma valida affinché gli Stati falliti possano uscire dalla loro condizione». 

 

Sono affidabili le fonti su cui si basa il rapporto?

 

Viste le premesse, possiamo fidarci del già citato rapporto? La risposta è no. Come denunciato dai dirigenti venezuelani si tratta di una palese strumentalizzazione dei diritti umani a fini politici. I dati truffaldini presenti nel rapporto provengono infatti da organizzazioni non governative venezuelane come Provea e Foro Penal, finanziate da agenzie statunitensi come NED e USAID al fine di destabilizzare il governo venezuelano. Oltre che da media di opposizione i quali sono soliti sovvertire la realtà a fini politici e ‘investigazioni’ condotte dalla ‘vecchia’ Procura Generale diretta dalla latitante Luisa Ortega, che ha insabbiato diverse situazioni al fine di provocare danno al governo bolivariano.

 

Zeid Ra'ad Al Hussein definisce «politica repressiva» l’azione intrapresa dal governo per contenere il tentativo di rivoluzione colorata e insurrezione armata portata avanti dall’opposizione golpista venezuelana per oltre quattro mesi. 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

La Russia mostra come le truppe statunitensi in Siria "si sentano al sicuro nelle aree controllate dai terroristi"

Le unità delle forze speciali statunitensi "offrono un transito senza impedimenti", attraverso i territori occupati dai terroristi, alle Forze Democratiche Siriane (SDS), sostenute da Washington, secondo il ministero russo della Difesa.

Il Ministero della Difesa russo, oggi, ha pubblicato una serie di foto aeree dei territori dove è presente...
Notizia del:

Inedito di Gianni Minà: intervista a Jack La Motta

La leggenda di Toro Scatenato

di Gianni Minà   “Mi conoscono come il “Toro del Bronx”. La mia vita controversa...
Notizia del:

Di ritorno da Caracas, ecco come il Venezuela risponde alla guerra economica e alle sanzioni

L'AntiDiplomatico intervista Omar Minniti che ha partecipato alle giornate di solidarietà Todos Somos Venezuela. “Diversificazione economica, de-dollarizzazione, autosufficienza alimentare e la cooperazione internazionale con Russia e Cina: le risposte del governo di Caracas che ho visto di prima persona”

Omar Minniti, collaboratore de "L'Antidiplomatico", ha partecipato all'incontro internazionale...
Notizia del:

Due pesi e due misure, Gentiloni e le “questioni interne” degli altri paesi. Il caso Catalogna e quello del Venezuela

Si evince ancora una volta la doppia morale dell’attuale capo del governo italiano

di Fabrizio Verde e Alessandro Bianchi   Interrogato dalla stampa circa la recente crisi scoppiata in...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah: 'Hezbollah non cerca la guerra, però se obbligato lotterà contro Trump'

Il leader della Resistenza libanese afferma che Hezbollah non cerca guerre con nessuno, ma se è forzato affronterà i nemici, chiunque siano.

In un discorso televisivo per l'inizio del mese di Muharram (il primo mese del calendario lunare) ed i rituali...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Erdogan: 'La Turchia schiererà le sue truppe nella provincia siriana di Idlib'

La misura fa parte dei negoziati tra Russia, Turchia e Iran per stabilire la quarta zona di riduzione della tensione, stabilita nella provincia di Idlib.

Il presidente turco Tayyip Erdogan, ha dichiarato, nel corso di in un'intervista alla Reuters, che il suo paese...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Deir Ezzor, l'ISIS combatte solo contro l'esercito siriano, mentre le milizie curde, senza disturbo, conquistano i pozzi di petrolio e gas

Le cosiddette 'forze democratiche siriane', appoggiate dagli USA, avanzano senza nessun disturbo da parte dell'ISIS e conquistano i giacimenti petroliferi ad est di Deir Ezzor, mentre l'esercito siriano ha dovuto affrontare un dura controffensiva dei terroristi.

Le 'forze democratiche siriane', egemonizzate dai curdi e sostenute dagli Stati Uniti hanno praticamente...
Notizia del:

Il monito di Dilma Rousseff: Trump mette in pericolo l'esistenza dell'umanità

L’ex presidente del Brasile ha inoltre denunciato gli attacchi portati dall’inquilino della Casa Bianca a nazioni libere e sovrane come Iran, Cuba e Venezuela

  «Gli atteggiamenti di Trump riportano ai tempi della Guerra Fredda, minacciano le nazioni libere...
Notizia del:

Lavrov all'ONU: «Inaccettabili le minacce al Venezuela»

«È inaccettabile incitare rivolte e minacciare l’utilizzo della forza per ‘democratizzare’ il Venezuela o minare le legittime autorità di qualsiasi paese», ha dichiarato Sergey Lavrov all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

  In risposta all’ultimo delirio del presidente statunitense Trump all’ONU, da noi anche definito...
Notizia del:     Fonte: http://www.middleeasteye.net

'Hezbollah ha schierato in Siria 10.000 combattenti nei pressi del confine israeliano'

Un alto ufficiale del gruppo di resistenza libanese ha affermato che Hezbollah ha schierato circa 10.000 soldati nelle vicinanze del Golan siriano.

Un funzionario del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah), citato dal portale di informazione...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Bombardieri USA sorvolano la Corea Popolare, ma si preferisce parlare d'altro

di Mauro Gemma   Bombardieri USA sorvolano la Corea Popolare, manifestando nel modo più esplicito quali sono le intenzioni più bellicose dell'imperialismo.  Ma da...
Notizia del:

La Russia mostra come le truppe statunitensi in Siria "si sentano al sicuro nelle aree controllate dai terroristi"

Le unità delle forze speciali statunitensi "offrono un transito senza impedimenti", attraverso i territori occupati dai terroristi, alle Forze Democratiche Siriane (SDS), sostenute da Washington, secondo il ministero russo della Difesa.

Il Ministero della Difesa russo, oggi, ha pubblicato una serie di foto aeree dei territori dove è presente...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Il G77 e la Cina condannano le sanzioni ed il blocco economico contro la Siria

Il G77 e la Cina hanno chiesto la revoca immediata delle misure economiche coercitive unilaterali imposte contro la Siria.

I ministri degli esteri dei paesi membri del G77 che riunisce paesi dell'America Latina, Africa e Asia centrale...
Notizia del:

Tulio Hernandez, incitatore d'odio venezuelano, presentato da 'Repubblica' come giornalista perseguitato

Noterete il solito metodo di operare da parte del circuito informativo mainstream sul Venezuela: edulcorare o mistificare il racconto, in pieno stile post-verità, per renderlo funzionale all’operazione volta a demonizzare il paese sudamericano agli occhi dell’opinione pubblica

di Fabrizio Verde   Un articolo apparso sull’edizione napoletana del quotidiano ‘La Repubblica’...
Notizia del:

Rohani: "Piaccia o meno, l'Iran difenderà le popolazioni oppresse dello Yemen, della Siria e della Palestina"

"Nella misura in cui lo riteniamo necessario spingeremo avanti il nostro potere difensivo e militare... non cerchiamo il permesso di nessuno per difendere la nostra terra"

La Repubblica Islamica dell'Iran non smetterà di offrire il suo sostegno ai "popoli oppressi"...
Notizia del:

Cremlino: La situazione in Catalogna è una questione di politica interna della Spagna

  "E' una questione di politica interna della Spagna, non vediamo come sia possibile interferire in nessuna maniera", ha dichiarato il portavoce del Cremlino sulla questione del referendum...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah: 'Hezbollah non cerca la guerra, però se obbligato lotterà contro Trump'

Il leader della Resistenza libanese afferma che Hezbollah non cerca guerre con nessuno, ma se è forzato affronterà i nemici, chiunque siano.

In un discorso televisivo per l'inizio del mese di Muharram (il primo mese del calendario lunare) ed i rituali...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa