/ Le Nazioni Unite votano a larghissima maggioranza (128 Vs 9) cont...

Le Nazioni Unite votano a larghissima maggioranza (128 Vs 9) contro gli USA: la decisione su Gerusalemme è nulla

Le Nazioni Unite votano a larghissima maggioranza (128 Vs 9) contro gli USA: la decisione su Gerusalemme è nulla
 

Ecco chi sono i sette paesi che hanno votato contro insieme a Israele e Usa

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione sullo status di Gerusalemme (Al-Quds) che considera nulla e non valida la misura del presidente degli Stati Uniti di spostare la sua ambasciata nella città, contraddicendo le precedenti risoluzioni dell'organismo.



La stragrande maggioranza dei 193 stati membri delle Nazioni Unite (ONU) hanno votato a favore della risoluzione presentata dalla Turchia e dallo Yemen. La votazione ha avuto solo 9 voti contrari.
 

LEGGI:  Bulli e pupe: tutto quello che devi sapere sul voto Onu di oggi su Gerusalemme



Anche oggi gli Stati Uniti hanno continuato con le minacce dirette al resto del mondo. L'Ambasciatrice Haley ha preso la parola per dichiarare come il suo paese "ricorderà questo giorno come quello in cui ha subito un attacco dall'Assemblea generale per il solo fatto di esercitare un suo diritto come stato sovrano. Ricorderemo tutto questo quando tanti paesi ci chiameranno, come fanno spesso, per chiedere soldi".  




Hanno votato contro la risoluzione Guatemala, Honduras (in pieno neo colpo di stato), Isole Marshall, Micronesia, Nauru, Palau e Togo. Oltre a Stati Uniti e Israele chiaramente.


Tra gli astenuti spicca il blocco filo Usa nell'America Latina - l'Argentina di Macri, il Messico di Pena Nieto, la Colombia di Santos e il Paraguay - oltre al Canada del "liberal" Tradeau chiaramente. Interessante anche il fatto che l'Unione Europea per l'ennesima volta esce profondamente spaccata dalla votazione con Croazia, Repubblica ceca, Ungheria e Polonia che si astengono. Il blocco dell'est Europa si conferma estremamente fedele ai dettami di Washington, sintomo di una battaglia sempre più aspra all'interno del blocco.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Guerra alle Fake news, ovvero libertà di censura

Riceviamo da un nostro lettore e pubblichiamo molto volentieri di Lorenzo Ferrazzano É di questi giorni la notizia, riportata da tutti i giornali, che Mark Zuckerberg, AD di Facebook,...
Notizia del:

Frasi shock di Tillerson riprese dal WP. "I morti in Corea del nord dimostrano che le sanzioni stanno funzionando"

"Gli indici di fame e di morte in Corea del Nord sono un segno che la strategia di diplomazia degli Stati Uniti sta funzionando". Lo ha detto il segretario di Stato, Rex Tillerson, in una conversazione...
Notizia del:

Usa, ordigno finto in aeroporto per un reality show. Arrestati i membri della troupe

Secondo quello che riporta oggi l'emittente nordamericana ABC, una troupe televisiva è stata arrestata nella giornata di ieri nel tentativo di far passare materiale sospetto con "tutto...
Notizia del:

Elezioni presidenziali in Russia. Pavel Grudinin e il “socialismo scandinavo” del candidato del PCFR

di Fabrizio Poggi*   Due settimane dopo le elezioni parlamentari italiane, si svolgeranno in Russia quelle presidenziali. Diversi osservatori sostengono che la data del 18 marzo non sia stata...
Notizia del:

Colombia, il paese dove gli omicidi politici non fanno mai notizia

di Geraldina Colotti* Giovedi, è stato ammazzato a Cordoba (in Colombia) il dirigente contadino Plinio Pulgarin, esponente del movimento Marcha Patriotica. Nei giorni precedenti erano...
Notizia del:

“Ingiustizie di secoli, questa Messa è per chi ha sofferto". Il Papa con i Mapuche

di Patrizia Larese - 18 gennaio 2018   Nel secondo giorno del suo viaggio in Cile il Papa è giunto a Temuco, capitale dell’Araucania, a circa 600 chilometri da Santiago. Ha...
Notizia del:

In nome del dio profitto, quanti morti ancora nel mondo del lavoro?

“E mentre non si fa altro che chiedere riduzione del costo del lavoro, troppe volte quei risparmi già vengono fatti, ma scommettendo sulla vita dei lavoratori.

di Stefano Barbieri per Marx21.it Altri morti sul lavoro, stavolta nella produttivissima Milano,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa