/ Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Le prove della guerra economica contro il Venezuela
 

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG
 

Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales si addice alla perfezione a chi continua a ignorare l’aggressione economica che sta soffrendo il Venezuela negli ultimi anni. Si può legittimamente essere a favore o contro le decisioni economiche prese dal presidente Nicolás Maduro. Ogni dibattito in campo economico è il benvenuto. Tuttavia, disconoscere l’insieme di azioni orchestrate da più ambiti contro l’economia venezuelana annulla qualsiasi tipo di analisi. Ignorare le multiple aggressioni che il Venezuela sta affrontando in materia economica rappresenta un atto di deliberata irresponsabilità. Il risultato, inoltre, sarebbe parziale e limitato. Come analizzare l'economia messicana senza considerare che ha gli Stati Uniti come paese confinante al nord. O supporre che un paese abbia sbocco al mare nonostante questo in realtà non ci sia. Come dovrebbe essere letto uno studio o una proposta basata su premesse false, inesistenti, che eclissano buona parte di ciò che accade?

 

Corretto è invece avere una visione integrale per una diagnosi accurata, e su questa basare le raccomandazioni che ognuno ritiene appropriate. Nessuna delle prove presentate dovrebbe a partire da adesso essere considerata alla stregua di una scusa per nascondere altri squilibri strutturali dell’economia venezuelana. In questo articolo di vuole dimostrare con prove evidenti che l’economia venezuelana non è uguale a nessun’altra. Per molte ragioni geopolitiche, è soggetta a vessazioni costanti che è obbligatorio conoscere nel dettaglio. Ecco un elenco di prove irrefutabili: 

 

1. Il rischio paese (RP) assegnato dalle agenzie di rating incompatibile con il rispetto dei pagamenti del debito estero da parte del Venezuela. Negli ultimi quattro anni la Repubblica ha onorato gli impegni di pagamento per un totale di 73.359 milioni di dollari. Mentre il rischio paese continua a salire. Per ben 32 volte negli ultimi 14 anni il rischio paese del Venezuela è salito nonostante gli aumenti del prezzo del petrolio. Attualmente, il rischio paese, assegnato da JP Morgan (EMBI +), si trova a 4.820 punti, cioè 38 volte di più di quello che viene assegnato al Cile, nonostante il fatto che questo paese abbia un rapporto debito / PIL simile a quello del Venezuela. 

 

2. La parola "default" è utilizzata contro il Venezuela indipendentemente dal suo significato. Due esempi recenti pur avendo rispettato il pagamento del debito estero: a) Fitch Ratings ha dichiarato che il Venezuela si trova in “Default Selettivo”; b) Standard & Poors ha abbassato il rating da CC/C a SD/D (default selettivo). Ma questo viene da lontano. Un altro esempio meno recente: nel febbraio 2016 Bloomberg affermava che il Venezuela aveva una probabilità del 76% di entrare in default ne giro di un anno. Ci sarebbero migliaia e migliaia di altre testimonianze che confermano come le valutazioni contro il Venezuela non seguono alcun criterio di razionalità economica. 

 

3. Donald Trump ha emesso un ordine esecutivo (basato su un precedente decreto di Obama) contro l'economia venezuelana. È sufficiente leggerlo in dettaglio per rendersi conto che si tratta di un esplicito boicottaggio con l'intenzione di impedire il relazionarsi del Venezuela con partner statunitensi privati, limitando nel contempo il rispetto dei pagamenti del debito estero e le possibilità di rifinanziare lo stesso.

 

4. Una gran parte del sistema finanziario internazionale è arrivata negli ultimi anni a promuovere uno schema di blocco per le operazioni finanziarie del Venezuela; limitando le azioni di molteplici istituzioni nazionali (pubbliche e private) per eseguire pagamenti a fornitori, ricevere pagamenti, eseguire transazioni, gestire portafogli di investimento, adempiere a obblighi finanziari e accedere a fonti di finanziamento internazionali. Vi sono state cancellazioni unilaterali di contratti bancari corrispondenti contro il Venezuela (Citibank, Comerzbank, Deutsche Bank). Da luglio 2017, l'agente di pagamento delle obbligazioni emesse da PDVSA, Delaware, ha riferito che la sua banca corrispondente (PNC Bank) negli Stati Uniti ha rifiutato di ricevere fondi dalla compagnia petrolifera statale. Da parte sua, Novo Banco (Portogallo) ha notificato nell'agosto 2017 l'impossibilità di effettuare operazioni in dollari da parte di istituzioni pubbliche venezuelane a causa del blocco degli intermediari. La società Euroclear, incaricata della custodia di una parte significativa delle obbligazioni venezuelane, mantiene importanti operazioni di transazione di obbligazioni nel processo di "Revisione"; a causa dalle pressioni dell'OFAC (oltre 1,2 miliardi di dollari). La banca alleata del Venezuela, Bank of China Frankfurt, non è stata in grado di eseguire un'operazione destinata al pagamento di impegni con la società mineraria canadese Gold Reserve per 15 milioni di dollari.

 

5. Ci sono stati blocchi per il pagamento di cibo e altri beni di base. Ad esempio, nella terza settimana di novembre, sono state rifiutate più di 23 operazioni di pagamento per 39 milioni di dollari in prodotti alimentari, in quanto le banche intermediarie dei fornitori non hanno voluto accettare risorse dal Venezuela. Situazioni simili si sono verificate negli acquisti per il Natale, medicine (insulina, farmaci contro la malaria e il paludismo), semi, trasporto di atleti venezuelani (la banca di Wells Fargo ha impedito l'operazione), comunicazione (la banca olandese Rabobank ha negato il pagamento per l'operatività di Telesur sostenendo che la parte ordinante era stata sanzionata dall'OFAC).

 

6. L'evoluzione del tasso di cambio "parallelo" illegale non possiede alcun "parallelismo" con nessuna variabile macroeconomica. Il valore di questo tipo di cambio si è moltiplicato 1.410 volte dall’agosto 2014 ad oggi; mentre la quantità di banconote e monete moltiplicata per 43; la quantità di liquidità moltiplicata per 64; e il tasso di cambio implicito per 141. Neppure l'ortodossia neoclassica serve a spiegare il comportamento di quest'arma politica di distruzione economica, usata per indurre un aumento sproporzionato dell'inflazione.

 

Potremmo aggiungere a questa lista di prove tutti i tentativi del Mercosur di isolare il Venezuela; e le sanzioni dell'Unione Europea o del Canada; e il ritiro di compagnie aeree come Avianca o Aerolineas Argentinas. E in aggiunta a ciò, dobbiamo aggiungere il clamoroso calo del prezzo del petrolio dal 2014 al 2016 (passando da un prezzo medio annuo al barile da 88 a 35 dollari).

 

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza.

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)


 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:     Fonte: SANA - The Guardian

Damasco non vuole nemmeno un dollaro statunitense, 'macchiato con il sangue dei siriani'

Il ministero degli Esteri siriano ha sottolineato che Damasco non ha bisogno dell'aiuto di Washington per ricostruire la Siria e denuncia che la presenza militare degli Stati Uniti nel paese arabo si propone di sostenere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

"Il governo siriano non ha bisogno neanche di un solo dollaro per la ricostruzione, perché i dollari...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SANA

L'Iran ripudia il piano degli USA di creare un esercito in Siria

L'Iran considera la decisione degli Stati Uniti di formare le cosiddette "forze di sicurezza delle frontiere" nella Siria nord-orientale come una "chiara interferenza" negli affari interni del paese arabo e avverte che questa misura controversa peggiorerà e prolungherà la crisi.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi ha avvertito che l'iniziativa degli Stati...
Notizia del:     Fonte: Fox News

I "ribelli", in visita negli USA, chiedono dollari per combattere Siria e Iran

I leader del sedicente 'Esercito siriano libero', ovvero i "ribelli", in visita negli USA, chiederanno a Trump che riprenda i programmi di 'cooperazione', già sospesi lo scorso luglio dall'inquilino della Casa Bianca, per combattere l'esercito siriano, dato il pericolo per la crescente influenza di Russia e Iran in Siria.

I membri del cosiddetto, 'Esercito siriano libero', (ESL, ovvero i "ribelli moderati" che originariamente...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia promette rappresaglie contro gli Stati Uniti per la creazione di una guardia di frontiera in Siria

Indignato per l'addestramento di 30.000 miliziani arabo-curdi sul confine turco-siriano da parte degli Stati Uniti, il capo del Comitato di difesa della Camera bassa (Duma) del parlamento russo, l'ammiraglio Vladimir Shamanov, promette misure di rappresaglia a questo proposito.

"[Tale comportamento della cosiddetta coalizione guidata dagli USA] è un affronto diretto [con gli...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Lavrov: Trump cerca di rovesciare Assad come pretendeva Obama

Per il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, la posizione del presidente statunitense, Donald Trump in Siria è simile a quella del suo predecessore Barack Obama: entrambi cercano di rovesciare il legittimo presidente siriano, Bashar al-Assad.

"Non ci sono differenze drastiche tra [gli approcci] dell'amministrazione Obama e quella di Trump. Purtroppo,...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli Stati Uniti addestrano 30.000 miliziani da schierare come nuove forze di frontiera in Siria

La nuova forza sarà schierata sui confini turco e iracheno e sul fiume Eufrate.

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti sta lavorando con i militanti curdi e arabi in Siria per...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: l'area intorno ad Al-Tanf, nel sud della Siria, è praticamente occupata dagli Stati Uniti

Le Forze statunitensi non consentono alle forze armate e alle autorità siriane di entrare nell'area, secondo il ministero degli Esteri russo.

La zona intorno alla base di Al-Tanf, nel sud della Siria, è de facto occupata dagli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: Soufan Group

L'ISIS potrebbe attaccare Hamas a Gaza dal Sinai egiziano

I tentativi del gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) di espandersi dalla penisola del Sinai nell'Egitto nordorientale aumentano il rischio di attacchi contro membri del Movimento palestinese di resistenza, Hamas nella Striscia di Gaza.

La società di intelligence e sicurezza strategica 'Soufan Group', con sede a New York (USA), in...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Il Venezuela condanna le sanzioni europee. "L'UE è una sussidiaria di Washington. Eseguono gli ordini imperialisti degli Usa"

Il ministro degli esteri venezuelano Arreaza ha commentato le nuove sanzioni europee: "E' un ordine imperialista. L'Ue ha eseguito"

      Il ministro degli Esteri del Venezuela, Jorge Arreaza, ha condannato le sanzioni...
Notizia del:

L'ex presidente della Colombia Uribe invoca apertamente il colpo di stato in Venezuela

Uribe chiede alla guardia nazionale del Venezuela di rovesciare Maduro. Intanto le opposizioni, convinte dagli Usa e dalla Spagna, non siedono al tavolo di trattative in corso con il governo.

L'ex presidente della Colombia, Alvaro Uribe Velez, ha nuovamente invocato il colpo di stato in Venezuela....
Notizia del:

Nicolas Maduro: "Qualsiasi gruppo armato e finanziato da Miami e dalla Colombia per fomentare il terrorismo farà la stessa fine"

“Avete ascoltato le dichiarazioni del terrorista Alvaro Uribe Velez, incoraggiando questi gruppi violenti2

Caracas, 16 gennaio 2018 (MPPRE) - Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás...
Notizia del:

Brasile, le elezioni senza Lula sono un imbroglio. Firmiamo il Manifesto!

da resistencia.cc La decisione di fissare in un tempo record, per il 24 gennaio, la data del giudizio di seconda istanza del Processo a Lula non ha nulla di legale. Si tratta di un puro...
Notizia del:

Accade in Honduras, paese che chiede rispetto dei diritti umani in Venezuela

Come sottolinea la sempre puntuale giornalista di Telesur M. Garcia queste scene di violenze accadono in Honduras, paese che lotta contro il nuovo golpe ordito dalle forze vicine agli Stati Uniti. Ieri...
Notizia del:

"La dignità dei salvadoregni si rispetta". El Salvador presenta nota di protesta ufficiale contro gli USA

Il governo del Salvador ha inviato una nota di protesta ufficiale contro gli Stati Uniti. In risposta alle "deprovevoli" dichiarazioni attribuite al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump,...
Notizia del:

Ex Presidente Zalaya: "Se gli Stati Uniti non cambiano la loro posizione sull'Honduras non potranno più parlare su nessun altro paese al mondo"

Dura la posizione anche sull'Organizzazione degli Stati americani: ""L'OSA fa solo ciò che il Dipartimento di Stato autorizza".

"L'Honduras sta vivendo una crisi politica di grandi proporzioni e gli Stati Uniti devono rivedere la...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa