/ Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo ...

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

Le scatole cinesi dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG siriana in tour a Roma
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Marinella Correggia - Sibialiria

 

La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri istituzionali a Roma, al Parlamento ma non solo, con il sostegno finanziario del ministero degli Esteri e l’organizzazione di una Ong italiana.



 

Come leggiamo dal sito, le attività in Siria sembrano scarne, a parte annunciare un premio Open Society per attivisti. Dal 2012 al 2015 (e adesso?) si sono incentrate sulla promozione di incontri fra attivisti dell’opposizione, presumibilmente non armata (allora perché questa illustrazione che mostra una colomba che al posto di un’ala ha un fucile?) sia in Siria che via skype con “esperti di tutto il mondo”. Scopo: sensibilizzazione, conoscenza, promozione dei media cittadini e della democrazia. In effetti fra i partner indicati c’è il Democracy Council, il cui sito è oscuro quanto a natura e attività, salvo spiegare che “da 15 anni lavoriamo con la società civile per i diritti umani e la democrazia in alcuni dei paesi più oppressivi del mondo, come Siria, Cuba (sic!), Iran, Iraq”.


Bene, proseguiamo lungo il filo. Il CCSD invitato in Italia è inoltre citato fra le buone espressioni della società civile siriana anti-regime e anti-islamisti in questo articolo (“Perché sostenere i combattenti nonviolenti è fondamentale per la fine della guerra”. Tutto bene: se non fosse per due cosucce. La prima è che al primo posto fra gli attori siriani che proteggono i cittadini dalla violenza e dall’estremismo, attori sui quali si deve fondare l’azione per la pace e il futuro della Siria, ci sono i famigerati White Helmets! Sulle cui imprese, certo scenografiche ma davvero lontane dalla nonviolenza, forse è meglio dare un’occhiata a link come questo o questo.


Seconda stranezza dell’articolo su questi attori siriani di pace: l’autrice, Maria J. Stephan, autrice di testi sul conflitto nonviolento e la resistenza civile. Da un lato fa parte dello US Peace Institute of Peace (del Congresso)., e dall’altra….è senior fellow dell’Atlantic Council.


Cos’è l’Atlantic Council, che peraltro lavora a braccaetto con l’italiano Ispi? E’ì il braccio non armato del Patto Atlantico. E se a questo link si clicca sul punto “Unrest in Zimbabwe” si vedrà un’interessante foto, che imita le tante delle rivoluzioni colorate: un cartello ben confezionato che recita “Il popolo dello Zimbabwe vuole che Mugabe se ne vada”.
 

Il Council è attivissimo in Medioriente, con la sua branca Rafik Hariri Center for the Middle East. Rafik Hariri era la longa manus dei sauditi in Libano.


Ciò non toglie che alcuni dei saggi dell’Atlantic Council, come quello recente sulla Libia, contengano elementi interessanti. Sempre dopo, a guerre fatte…

 

Riflessione finale

Il web, o Internet, invade le ore e i giorni e si rivela paralizzante per l’azione (arma di immobilismo di massa?). In compenso, a mo’ di filo di Arianna, ti fa entrare in una serie di “scatole cinesi” (niente a che vedere con la Cina) contenenti gruppi governativi, Ong, think tank di tutto il mondo, in un intreccio inestricabile che è il contrario del filo di Arianna. E ti si spalanca davanti agli occhi o agli occhiali quel temibile vaso di Pandora che è il mondo. Dopodiché- siccome non riesci a fare nulla, ti accorgi che il web è, in realtà, una ragnatela soffocante benché illuminante. Pazienza.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa