/ L'economia cinese spiegata in 10 concetti chiave

L'economia cinese spiegata in 10 concetti chiave

L'economia cinese spiegata in 10 concetti chiave
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Hu Angang


Nota introduttiva e traduzione di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

Apriamo il 2017 riportando alcune cifre e brevi considerazioni che permettono di avere un quadro generale sullo stato dell'economia cinese e sui processi in atto che, sotto diversi aspetti (lotta alla povertà, innovazione, inquinamento…) hanno indubbi riflessi globali. L'articolo che presentiamo ai nostri lettori porta la firma di Hu Angang, direttore del Center for China studies della prestigiosa Università Tsinghua, ed è stato pubblicato il 22 dicembre scorso sul Chinese Social Sciences Today.

Il dato riportato qui sul numero dei posti di lavoro creati nei primi tre trimestri del 2016 va aggiornato al dato ufficiale diffuso il 29 dicembre scorso dal ministero delle Risorse umane e della previdenza sociale: il dato è quello di 13 milioni di nuovi posti di lavoro, a conferma di una previsione che andava oltre i 10 milioni preventivati. (Diego Angelo Bertozzi)


---

L'economia mondiale è stata debole nel 2016, caratterizzata da debolezza del commercio internazionale e degli investimenti, da mancanza di dinamica di crescita e da bassa produttività globale. Ciò nonostante, l'economia cinese è riuscita a sostenere una crescita robusta, dimostrando almeno 10 punti di forza nel primo anno del 13° quinquennale periodo di Piano del paese (2016-20).

La crescita economica: il PIL quadruplicato prima del previsto

L'economia cinese è andata bene nel 2016. Si prevede che la crescita per l'intero anno raggiungerà il 6,7 per cento, un dato che è in linea con l'obiettivo fissato a inizio anno. Vale la pena notare che il PIL del 2016 è pari a circa 4,22 volte quello del 2000, per cui l'obiettivo di quadruplicare il PIL del 2000 entro il 2020, come indicato nel 16 ° Congresso Nazionale del Partito comunista cinese, è stato realizzato con quattro anni di anticipo.

Potenziamento strutturale: transizione verso la post-industrializzazione

Nel 2016, la struttura economica della Cina è stata ulteriormente ottimizzata. Il settore dei servizi si è sviluppata rapidamente durante il periodo coperto dal 12° piano quinquennale (2010-15). Il valore aggiunto dei servizi ha raggiunto il 50,5 per cento del PIL nel 2015, superando per la prima volta la metà del Pil stesso. Nei primi tre trimestri del 2016, la percentuale ha continuato ad aumentare giungendo al 52,8 per cento, e il contributo dei servizi alla crescita economica è passato dal 54,1 per cento nel 2015 alla percentuale senza precedenti del 58,5 per cento, il che indica che l'economia cinese sta attraversando una fase di transizione importante da una fase guidata dall'industria ad una incentrata sui servizi, vale a dire verso l'età della post-industrializzazione.

Il secondo più grande consumatore del mondo

Il consumo è diventato il più grande motore dello sviluppo economico nazionale. Il contributo dei consumi alla crescita del PIL è passato dal 66,4 per cento del 2015 al 71 per cento dei primi tre trimestri del 2016. La Cina ora è al secondo posto in termini di mercato di consumo riducendo, con oltre l'8 per cento sul totale mondiale della spesa per consumi, il divario con gli Stati Uniti.

Innovazione: esplosione dei brevetti

Nel 2016 notevoli progressi sono stati fatti in riferimento ad uno sviluppo orientato all'innovazione. Nei primi sette mesi del 2016, la quantità di brevetti autorizzati è cresciuta del 49,5 per cento. Più di 500.000 brevetti dovrebbero essere autorizzati nel 2016, facendo della Cina il primo paese ad ottenere più di 500.000 brevetti autorizzati nel giro di un solo anno. Lo sviluppo esplosivo dei prodotti di proprietà intellettuale ha fornito un sostegno potente alla crescita innovativa dell'economia cinese.

Imprenditoria e occupazione: la maggior parte dei nuovi posti di lavoro e di imprese

Nei primi tre trimestri del 2016, la Cina ha creato 10,67 milioni di posti di lavoro nelle aree urbane. Il numero è destinato a superare i 13 milioni per l'intero anno. Il tasso di disoccupazione è stato del 4,04 per cento alla fine del terzo trimestre, portando la Cina al livello delle maggiori economie mondiali con il tasso di disoccupazione più basso. Dall'altra parte, le nuove start-up aziendali hanno alimentato un quadro fiorente nel 2016. Nei primi tre trimestri più di 40.000 soggetti di mercato sono stati registrati ogni giorno. Ci sono stati più di 80 milioni di soggetti di mercato di vario tipo in Cina. Il numero di imprenditori cinesi è superiore a quello degli Stati Uniti, Unione Europea e Giappone messi insieme.

Reddito dei residenti, riduzione della povertà: in rapida crescita, nuovi successi

Nei primi tre trimestri del 2016, il reddito disponibile pro capite dei residenti urbani e rurali ha continuato a crescere in termini reali del 5,7 e del 6,5 per cento rispetto al trimestre precedente. La crescita del reddito disponibile pro capite dei residenti rurali ha superato quello degli abitanti delle città. Il divario di reddito tra i residenti urbani e rurali ha continuato a diminuire, con la differenza in diminuzione di circa 2,8 volte. Nel 2016, la Cina ha pubblicato un piano di riduzione della povertà per il periodo coperto dal 13 ° piano quinquennale. Più di 50 milioni di poveri sono stati tutti registrati. Ci si aspetta che più di 10 milioni di persone usciranno dalla povertà entro la fine dell'anno 2016, pari a un quinto dell'obiettivo fissato dalla comunità internazionale di sollevare 50 milioni di persone dalla povertà ogni anno.

Protezione dell'ambiente: accelerare lo sviluppo verde

Nei primi tre trimestri del 2016, il consumo di energia per unità di PIL è diminuito del 5,2 per cento anno su anno e le emissioni di carbonio del 6 per cento, permettendo di raggiungere prima del previsto l'obiettivo fissato per l'intero anno. Lo scarico di sostanze inquinanti chiave, tra cui la domanda chimica di ossigeno, nitrato di ammonio, biossido di zolfo e ossinitriti, ha continuato a diminuire. Inoltre, la produzione di carbone è diminuita del 10,5 per cento anno su anno, rendendo importanti contributi alla riduzione globale delle emissioni di carbonio.

Going out: investimenti esteri diffusi

Nei primi tre trimestri del 2016, gli investimenti esteri diretti in Cina ammontavano a 134.200.000.000 dollari, in crescita del 53,7 per cento anno su anno e raggiungendo 160 Paesi e regioni di tutto il mondo. La Cina è diventata uno dei più grandi investitori stranieri nel mondo, creando una grande quantità di ricchezza e posti di lavoro nei Paesi interessati.

Governance globale: Il piano della Cina per l'economia mondiale

Il 2016 è l'anno in cui la Cina è diventata un partecipante a pieno titolo nella governance globale. Si stima che il contributo della Cina all'economia mondiale inciderà per più del 30 per cento, consolidando il suo status come il più potente motore della crescita economica globale.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa