/ L'Iran in America Latina: l'inizio di una nuova era sotto lo sgua...

L'Iran in America Latina: l'inizio di una nuova era sotto lo sguardo inquieto di Washington

L'Iran in America Latina: l'inizio di una nuova era sotto lo sguardo inquieto di Washington
 

Per sei giorni, tra il 21 e il 27 agosto scorso, il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha visitato Cuba, Nicaragua, Ecuador, Cile, Bolivia e Venezuela. Il giornalista e scrittore Nil Nikandrov analizza i risultati del tour nel suo articolo pubblicato sul sito web della Fondazione di Cultura Strategica.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

La visita del ministro degli Esteri iraniano per l'America Latina è stato descritto da molti come "l'inizio di un nuovo capitolo" nelle relazioni tra l'Iran ed i paesi del continente, ha scritto il giornalista e scrittore Nil Nikandrov sul sito della Fondazione di Cultura Strategica.

 
Cuba: il primo memorandum d'intesa
 
A Cuba, la prima tappa del tour, un memorandum d'intesa è stato firmato, il primo nella storia delle relazioni tra Teheran e L'Avana.
 
Nel corso di un incontro con la comunità d'affari cubani, Javad Zarif, ha dato la disponibilità dell'Iran a servire come "ponte commerciale" tra il Medio oriente e Cuba e con  altri paesi della regione, e ha espresso la speranza che l'Isola sostenga Teheran nell'espansione dei legami con l'America latina. Il ministro ha anche notato la coincidenza delle posizioni di L'Avana e Teheran sui principali temi di politica internazionale.
 
Nicaragua: progetti di investimento e la partecipazione alla costruzione del canale tra Atlantico e Pacifico
 
In Nicaragua, uno dei principali alleati dell'Iran nella regione, Javad Zarif ha incontrato il presidente Daniel Ortega. Il ministro degli Esteri iraniano ha annunciato che il suo paese investirà nella costruzione, le energie rinnovabili e la modernizzazione del settore agricolo in Nicaragua, e ha espresso l'interesse di Teheran a partecipare alla costruzione del canale che collega l'Atlantico e il Pacifico.
 
Ecuador: le questioni energetiche
 
In Ecuador, Zarif ha incontrato il presidente Rafael Correa, che si è congratulato con la Repubblica Islamica per la revoca delle sanzioni e ha annunciato che Quito si avvarrà delle nuove condizioni date dalle risorse naturali dell'Ecuador e della tecnologia iraniana.
 
Il capo della diplomazia iraniana ha partecipato ad un forum economico bilaterale ed ad una conferenza stampa a Quito, dove ha voluto sottolineare l'importanza della questione energetica. "Abbiamo avuto colloqui sul rafforzamento delle nostre posizioni nei mercati del petrolio", ha detto il ministro, aggiungendo che le misure sono state discusse per rafforzare i prezzi del petrolio, tra cui alcune delle iniziative dell'Iran in questa direzione, e che i colloqui continueranno a all'interno dell'OPEC.
 
Cile: un nuovo inizio nelle relazioni
 
La novità del tour è stato il Cile, che pochi mesi fa ha aperto la sua ambasciata a Teheran per la prima volta dopo la vittoria della rivoluzione islamica del 1979.
 
Durante l'incontro con la presidente Michelle Bachelet, in cui sono stati discussi gli eventi in Medio Oriente e i problemi che affliggono l'America Latina, Zarif ha spiegato che l'Iran è interessato a legami con il paese latinoamericano in espansione.
 
D'altra parte, durante l'incontro con il ministro degli Esteri cileno Heraldo Muñoz, le parti hanno firmato un memorandum d'intesa per creare un meccanismo per le consultazioni politiche tra i due paesi. Muñoz ha affermato che, nonostante alcune divergenze tra Iran e Cile, entrambi i paesi hanno molti punti di contatto in campo politico ed economico, e ha annunciato che Santiago è interessata a "relazioni in espansione con l&# 39;Iran in tutti i campi ".
 
Come notato da Nikandrov, "i primi segnali positivi sono evidenti", perché dopo la rimozione delle sanzioni contro Teheran, il volume degli scambi tra il Cile e l'Iran è aumentato del 200%.
 
Bolivia: l'espansione della cooperazione bilaterale
 
In Bolivia, il ministro degli Esteri iraniano, ha tenuto una riunione con il presidente Evo Morales per discutere l'espansione della cooperazione bilaterale. Durante l'incontro, Morales ha elogiato la posizione del governo iraniano in Bolivia. Inoltre, ha avuto luogo il Bolivia-Iran Economic Forum dedicato al commercio e agli investimenti.
 
Venezuela: "forti legami di amicizia e cooperazione"
 
L'analista evidenzia le "forti legami di amicizia e cooperazione" che collega l'Iran e il Venezuela e si riflette "in contatti al più alto livello, lo scambio di delegazioni e centinaia di accordi reciprocamente vantaggiosi."
 
Durante la visita, il ministro degli Esteri ha confermato la disponibilità del suo paese ad investire in tre aree dell'economia Bolivariana: agro-alimentare, farmaceutico e industriale. Inoltre, Zarif dopo l'incontro con il presidente Nicolas Maduro ha annunciato la creazione di una commissione tecnica di alto livello, che supervisionerà lo sviluppo e l'attuazione di accordi bilaterali tra il Venezuela e l'Iran. Le parti hanno inoltre firmato un accordo tra le banche centrali.
 
"Spiegare gli approcci alla politica estera dell'Iran"
 
Nikandrov ha spiegato nel suo articolo, un importante scopo del viaggio, che ha avuto luogo un anno dopo la firma dell'accordo sul programma nucleare iraniano, ovvero "spiegare ai partner latino-americani come ci si avvicina alla politica estera dell'Iran."
 
E, secondo l'analista, se l'Iran ha adempiuto i suoi obblighi nell'ambito del piano, "contro le promesse" degli Stati Uniti d'America, che non ha nessuna fretta di abolire le sanzioni contro la Repubblica islamica.
 
D'altra parte, "continua la propaganda anti-iraniana", ha detto l'esperto, che cita l'articolo di un ex funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ed esperto di America Latina, Roger Noriega, pubblicato all'inizio del viaggio Zarif, in cui si afferma che Teheran è uscita dall'isolamento e ora ha una mano libera per agire "alle porte degli Stati Uniti".
Secondo Noriega, "La visita di Zarif nella regione è un ulteriore promemoria che lo stato sponsor del terrorismo continuerà il corteggiamento di quei paesi che sembrano essere favorevoli alla creazione di una minaccia asimmetrica alle porte degli Stati Uniti."
 
Nel frattempo, durante il suo tour Zarif ha cercato di evitare le critiche verso gli Stati Uniti, ma come ha precisato Nikandrov, in generale, la diplomazia iraniana è la politica espressa dal leader supremo del Paese, l'ayatollah Ali Khamenei, che ha detto di recente che "sarebbe un errore credere che siamo in grado di raggiungere un accordo con gli Stati Uniti, come il soggetto principale della nostra disputa è l'esistenza stessa della Repubblica islamica dell'Iran, e questo è un problema che non può essere risolto al tavolo negoziazione."
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli USA creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran

La decisione è stata annunciata dall'ambasciatrice statunitense all'ONU, Nikki Haley.

Gli Stati Uniti creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran ha informato l'ambasciatrice...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Gli Stati Uniti hanno acquistato armi per i "ribelli siriani" e 'alcune' sono finite nelle mani dell'ISIS

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente cadute nelle mani dell'ISIS, secondo uno studio pubblicato oggi.

Lo studio, come riferisce il quotidiano statunitense, 'USA Today', sostiene che il possesso da parte...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
Notizia del:     Fonte: RIA.Ru . Bloomberg

La Cina spiega a Trump chi ha vinto la guerra contro il terrorismo in Siria

Il Presidente degli USA, Trump, rivendica la vittoria sull'ISIS in Siria. La Cina, invece, elogia il contributo decisivo della lotta al terrorismo della Russia

Lo scorso 12 dicembre, mentre firmava il bilancio della difesa vicino ai 700 miliardi di dollari per il 2018, il...
Notizia del:     Fonte: Tasnim

L'Iran avverte: Gli Stati Uniti cercano di riportare l'Iraq e la Siria nel caos

Un importante consigliere del leader della rivoluzione islamica in Iran avverte sui tentativi degli Stati Uniti di riportare l'Iraq e la Siria nel caos.

"Gli Stati Uniti cercano di generare conflitti e caos sia in Iraq che in Siria, in particolare nella città...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, minando le norme del diritto internazionale"

Il rifiuto degli Stati Uniti di ritirare le loro truppe dalla Siria è un riflesso dell'atteggiamento sdegnoso di Washington nei confronti delle norme del diritto internazionale, secondo il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, sminuendo le regole del diritto internazionale, ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: http://www.2001.com.ve/

Venezuela, Maduro denuncia: gli Stati Uniti hanno scelto il candidato dell'opposizione alle prossime presidenziali

La «destra nordamericana» gestisce a proprio piacimento l’opposizione venezuelana, in maniera «volgare».

  Dopo aver esercitato il suo diritto di voto, in una giornata che ha regalato un altro trionfo al chavismo...
Notizia del:     Fonte: The New Yorker

'The New Yorker': Gli Stati Uniti sono costretti ad accettare Bashar al-Assad fino al 2021

Il governo degli Stati Uniti visti gli sviluppi degli ultimi anni sul campo di battaglia sono costretti ad accettare che il presidente siriano Bashar al-Assad rimanga al potere fino al 2021, secondo il settimanale statunitense, 'The New Yorker'.

Data la realtà dei campi di battaglia in Siria e gli ultimi progressi dell'esercito contro i gruppi...
Notizia del:

Oltre 170.000 documenti confermano che Gerusalemme appartiene ai palestinesi

Sull’edizione odierna di un quotidiano italiano, che non citiamo per non pubblicizzarlo immeritatamente, il direttore si lancia in un’affermazione perentoria: «…le orrende mozioni dell’Unesco che hanno provato a mettere in dubbio il legame millenario tra il popolo ebraico e Gerusalemme»

  Il recente riconoscimento ufficiale della città di Gerusalemme come capitale di Israele, annunciato...
Notizia del:     Fonte: CNN

L'ONU sollecita l'Arabia Saudita a porre fine alla 'stupida guerra' nello Yemen

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato ancora una volta che l'Arabia Saudita e i suoi alleati regionali devono mettere fine alla guerra vana e "stupida" contro lo Yemen.

"Penso che questa sia una stupida guerra. Penso che questa guerra sia contraria agli interessi dell'Arabia...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

S. Zizek: "L'antifascismo di oggi è il nuovo oppio dei popoli. Serve a proteggere il capitalismo globalizzato"

"Il panico dell’antifascismo di oggi non porta speranza. La speranza la uccide. La speranza che saremo in grado di poterci libare veramente della minaccia del populismo razzista."

di Slavoj Zizek - Independent  La formula di Marx di religione come l'oppio dei popoli ha bisogno...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Italia-Israele: la «diplomazia dei caccia»

  Manlio Dinucci - il manifesto, 12 dicembre 2017 I governanti europei – dalla rappresentante esteri della Ue Mogherini al premier italiano Gentiloni, dal presidente francese...
Notizia del:

La natura imperialista ed eurocentrica della "Dichiarazione Universale dei Diritti Umani"

di Manmeet Sahni - teleSUR   Descritto come "uno degli accordi internazionali più profondi e di vasta portata al mondo", le Nazioni Unite sono entrate nel settantesimo...
Notizia del:

La surreale e tragicomica "lotta alla corruzione" nell’Ucraina golpista

di Fabrizio Poggi* Che sia proprio l’ex presidente georgiano ed ex governatore di Odessa, quel Mikhail Saakašvili ricercato a Tbilisi per appropriazione di 5 milioni di $...
Notizia del:

Gli schiavi della CNN in Libia, la tranquilla frode in Honduras: duello mondiale d'ipocrisie

di José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion (traduzione di Francesco Monterisi) "Frode" (1), "pucherazo" (manipolazione elettorale) (2) ripeteva la grande stampa...
Notizia del:

Jo Biden, la propaganda russa e "le concessionarie della verità"

di Fabrizio Poggi* (articolo esce in contemporanea su AntiDIplomatico e Contropiano) Le “notizie”, come si sa, le si possono conoscere solo a Washington, concessionaria delle verità,...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Gentiloni «l’Africano» alla conquista di neocolonie 

  di Manlio Dinucci* - Il manifesto, 3 dicembre 2017     «Che il futuro dell’Europa si giochi anche in Africa credo sia molto chiaro soprattutto a noi italiani,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa