/ "L'occupazione strisciante della Nato sta inghiottendo i paesi de...

"L'occupazione strisciante della Nato sta inghiottendo i paesi dell'Europa orientale".

L'occupazione strisciante della Nato sta inghiottendo i paesi dell'Europa orientale.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Corrispondenza dalla Lituania di Julius Anulis per la “Pravda” | da kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma


La creazione di quattro battaglioni multinazionali in Lituania, Lettonia, Estonia e Polonia sono già stati pianificati per il 2017. La Germania assumerà il comando del battaglione della NATO in Lituania, gli Stati Uniti saranno al comando in Polonia, i britannici in Estonia e i canadesi in Lettonia.


La Lituania ha dato ufficialmente il benvenuto al primo battaglione militare internazionale della base avanzata della NATO. Alla cerimonia nella città di Rukla (distretto di Jonava) il presidente lituano, la bellicosa Grybauskaité ha evidenziato che i reparti internazionali opereranno come forza di deterrenza.


La dislocazione dei soldati della Bundeswehr sul territorio della Lituania, secondo la leadership locale, è un segnale di fiducia verso la Germania. Ma il parere della gente non importa a nessuno. E non c'è stato un referendum sulla presenza delle truppe straniere nel paese. E' in atto un'evidente violazione della Costituzione. E' ciò che ricordano le forze progressiste della sinistra nelle manifestazioni e nelle azioni di protesta.


Nella cittadina di Rukla sono già state rinnovate le caserme, i dormitori e le aree attrezzate in cui si suppone saranno collocati i container delle forze della NATO e le attrezzature militari. In seguito si prevede di trasformare tutto ciò in una moderna cittadella militare, eretta non lontano dalla capitale Vilnius.


Dal febbraio 2017 è iniziato il dispiegamento principale delle truppe straniere. E' previsto che tutte le unità del battaglione delle forze avanzate della NATO arriveranno in Lituania, in piena capacità operativa, entro la metà di giugno. Il battaglione potrà così prendere immediatamente parte all'esercitazione “Spada di ferro”.


Nel 2017-2018 nel battaglione serviranno militari di Germania, Norvegia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Croazia e Francia. La Germania, al comando del battaglione, partecipa con circa 600 soldati, mentre gli altri paesi ne forniranno tra 200 e 250. Ma in tutto, in Lituania, dovrebbero essere dislocati 1.200 uomini e la NATO si è detta disponibile ad aumentare il contingente delle sue forze avanzate.


I militari portano con loro un equipaggiamento militare pesante: 13 carri armati Leopard-2, 38 veicoli per la fanteria, artiglieria, forze di difesa aerea a corto raggio, blindati CV90, Boxer, Fennek, ecc.


La Lituania fornirà supporto al battaglione della NATO. Il ministero della Difesa del paese spenderà solo nel 2017 8 milioni di euro per il mantenimento e la formazione del contingente militare straniero.


Nel 2018 la spesa per la difesa della Lituania raggiungerà il 2% del PIL, vale a dire circa 1 miliardo di euro. I leader dei partiti politici parlamentari si sono accordati di aumentare fino al 2,5% del PIL, entro il 2020, le spese per la difesa. E perché no, anche per la guerra? Nell'agosto dello scorso anno è stato firmato con la Germania un accordo per l'acquisto di BMP Boxer per un ammontare di 386 milioni di euro: è il più grande contratto nell'intera storia dell'esercito lituano. Le forze armate lituane acquistano anche obici tedeschi semoventi, autocarri, e i soldati da molti anni utilizzano fucili automatici G-36.


I propagandisti della NATO sono convinti che le unità militari dell'alleanza sul fianco est saranno in grado di “evitare il conflitto, frenando il potenziale aggressore”. Ma la Russia ha ripetutamente dichiarato di non avere alcuna ambizione territoriale nella regione del Mar Baltico, e che sono le forze dell'Alleanza a costituire una minaccia alla sicurezza della Russia.


“Siate vigili!”, esclamò negli ultimi istanti della sua vita l'antifascista ceco Julius Fu?ík. Non è meno vero anche nei nostri giorni quando l'occupazione strisciante sta inghiottendo i paesi dell'Europa orientale.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: AdnKronos/Dpa

CETA: i socialisti spagnoli cambiano idea. Voteranno no

Finora il Psoe aveva votato a favore del Ceta sia all'Europarlamento che al parlamento di Madrid

A sorpresa il partito socialista spagnolo (Psoe) ha deciso di ritirare il suo appoggio al Ceta, il trattato...
Notizia del:

Tornano i sovietici! Il Corriere della Sera esagera con la russofobia...

Altra grande perla del giornalismo italiano: il Corriere della Sera cita fantomatiche «fonti sovietiche»

di Danilo Della Valle Era un po' la speranza nascosta di tutti gli oppressi della Terra, ieri il nostalgico...
Notizia del:

L'ONU si dichiara "preoccupata" per il sostegno di Israele ai gruppi terroristi in Siria

di Stefano Mauro - Contropiano Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha recentemente espresso le sue preoccupazioni riguardo ai contatti tra i militari dell’esercito...
Notizia del:

L’ex presidente Kuchma:”E' l’UE che ha messo in ginocchio l'Ucraina"

    L’Unione Europea? Ha messo in ginocchio l’Ucraina, considerandola come un appendice dove rifornirsi di materie prime. E’ un attacco veemente quello scagliato oggi da Leonid...
Notizia del:

Gentiloni, doppi standard e ipocrisia. Chi è l’italo-venezuelano ricercato numero uno per aver bruciato vivo un giovane chavista?

Chi è l’italo-venezuelano ricercato numero uno per aver bruciato vivo un giovane chavista? Enzo Franchini Oliveros è amministratore e azionista della ditta immobiliare che ha avuto...
Notizia del:

"La guerra deve essere portata in Iran prima che arrivi qui". Chi è Mohammed bin Salman, il nuovo erede al trono saudita

di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore Descritto come dinamico ma impulsivo, il nuovo erede al trono saudita punta a ribaltare i rapporti di forza con l’Iran. Gli iraniani, che hanno accusato...
Notizia del:

Macron non vede un successore legittimo ad Assad

Il presidente francese Emmanuel Macron, ritiene che oggi non v'è alcuna valida alternativa al presidente siriano Bashar al-Assad, per evitare che il paese diventi uno Stato fallito.

 "La nuova prospettiva che ho avuto su questo tema è che non ho dichiarato che la rimozione di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa