/ Lula denuncia: «Nel 2013 c'è stata una Primavera Araba brasiliana...

Lula denuncia: «Nel 2013 c'è stata una Primavera Araba brasiliana». Poi promette un referendum per revocare le misure di Temer

Lula denuncia: «Nel 2013 c'è stata una Primavera Araba brasiliana». Poi promette un referendum per revocare le misure di Temer
 

L'ex presidente brasiliano intervistato dal quotidiano spagnolo El Mundo

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

«Il Brasile deve tornare ad essere governato in funzione delle masse e non di pochi, per questo la prima cosa che voglio proporre è un referendum revocatorio di molte delle misure approvate da Michel Temer», questo è quanto dichiarato dall’ex presidente brasiliano Lula da Silva ai microfoni del quotidiano spagnolo El Mundo. 

 

Lula ha inoltre denunciato che Temer vuole «privatizzare» il gigante sudamericano, «basta vedere quel che vogliono fare con Petrobras. Il petrolio è il nostro passaporto per il futuro, se lo vendono ci lasciano senza sovranità». Per questo è pronto a ricandidarsi nonostante sia in corso un’operazione studiata a tavolino per fermarlo attraverso la magistratura. 

 

«La sentenza a cui sono sottoposto - spiega l’ex presidente - è una farsa. Né la polizia federale, né l'ufficio del Procuratore generale hanno trovato una sola prova per accusarmi, e per questo dico che la sentenza del giudice Sérgio Moro è politica. In un primo processo hanno etto che avevo un appartamento sulla spiaggia e soldi di Petrobras. In seguito al ricorso lo stesso giudice che mi ha condannato dice di non aver mai detto che l’appartamento e i soldi di Petrobras erano in mio possesso. Allora, perché mi condannano? L’unica risposta è che sono ostaggio della stampa. Oggi in Brasile i media hanno più potere dell’autorità giudiziaria. Hanno trovato del denaro in casa di Aécio Neves, del governatore di Rio de Janeiro, Sérgio Cabral, a casa dell’ex ministro Geddel Vieira Lima, ma  a casa mia nulla. Hanno controllato i conti in banche in tutto il mondo per trovare qualche sottrazione di denaro, anche in questo caso nulla. Ma la stampa mi distrugge e rifiuta di pubblicare che non ci sono prove contro di me». 

 

Facendo un passo indietro, Lula, indica il giugno 2013 come una data spartiacque nella storia recente del Brasile. Perché fino a quel momento «il paese cresceva, aveva piena occupazione, manteneva intatte le politiche sociali, preparava la coppa del mondo, i giochi olimpici, ma nel mese di giugno ci furono quelle manifestazioni che furono come una specie di Primavera Araba brasiliana».  

 

Dunque una sorta di rivoluzione colorata in Brasile sostenuta dai mezzi di comunicazione di massa. A tal proposito Lula spiega che «accaddero cose che sfuggirono al nostro controllo come l’uso che fecero i media delle mobilitazioni. Le televisioni convocavano le manifestazioni, giunsero a cancellare la telenovela della sera per dare copertura in diretta alle mobilitazioni. In tutta la storia delle manifestazioni in Brasile non si erano mai comportati in questa maniera». 

 

Chiamato poi a collocarsi tra i cosiddetti populismi latinoamericani e la socialdemocrazia europea, l’ex sindacalista risponde con chiarezza: «Rispetto la socialdemocrazia europea, è l’esempio dello Stato del benessere, della difesa dei diritti dei lavoratori, ma in Brasile abbiamo costruito uno Stato alla nostra maniera, né migliore né peggiore. Quella dei populismi latinoamericani mi sembra una sciocchezza. Che significa essere populista? Parlare la lingua del popolo e difenderlo? Non mi sono mai considerato un populista ma un presidente estremamente popolare sì». 

 

Allargando lo sguardo dal Brasile al vicino Venezuela, Lula viene ‘accusato’ di aver espresso appoggio incondizionato al presidente venezuelano Nicolas Maduro. «Non offro alcun appoggio incondizionato. Ci sono molte cose sulle quali non sono d’accordo con Maduro, così come con presidenti di altri paesi. Pretendo per il Venezuela come per il Brasile che i propri affari interni non subiscano interferenze esterne. Non capisco perché l’Europa è tanto preoccupata da Maduro; è stato eletto democraticamente e i venezuelani risolveranno da soli i propri problemi». 

 

Su Trump si dice «sorpreso che il presidente di un paese del calibro e dell’importanza degli Stati Uniti parli di tutto. Ci sono cose di cui può occuparsi un funzionario o un segretario. Non si può governare il mondo attraverso colpi di Twitter». 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Lula ai popoli latinoamericani: «Sconfiggeremo ancora una volta il neoliberismo»

«In tutti i nostri paesi abbiamo già sconfitto il progetto neoliberista una volta e non ho dubbi che saremo in grado di sconfiggerlo di nuovo», ha dichiarato il leader brasiliano ai latinoamericani riuniti a Montevideo

  «Fuori Macri!» e «Fuori Temer!», questi sono stati due degli slogan maggiormente...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia sfida Israele e Stati Uniti: Hezbollah rimarrà in Siria

L'ambasciatore russo in Libano avverte che Hezbollah "non andrà via dalla Siria", sfidando così Israele e gli Stati Uniti, che stanno cercando il ritiro del movimento di resistenza libanese.

"Chiunque ha cercato di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Asad, ora, con tutti i mezzi, cerca il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno fallito in Siria e accusano Assad per l'uso di armi chimiche

La Russia rifiuta il "documento politicizzato" degli Stati Uniti sugli attacchi chimici in Siria e lo attribuisce al fallimento dei piani di Washington per rovesciare al-Assad.

In alcune dichiarazioni rilasciate ieri ai giornalisti, il capo della Commissione Difesa del Senato russo, Victor...
Notizia del:     Fonte: https://www.timesofisrael.com

Macron e Trump accettano di unirsi per combattere Iran e Hezbollah

Il presidente francese e il suo omologo statunitense hanno deciso di unirsi per lottare contro l'Iran e Hezbollah.

In una conversazione telefonica, il presidente della Francia e Stati Uniti, e Donald Trump Emmanuel Macron, rispettivamente,...
Notizia del:     Fonte: The Wall Street Journal

WSJ: Gli USA rafforzano l'Arabia Saudita per contenere Iran e Hezbollah

Gli Stati Uniti cercano di rafforzare militarmente l'Arabia Saudita per variare a loro favore l'attuale equilibrio regionale.

L'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump prevede di "accelerare" l'attuazione...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

di Marinella Correggia - Sibialiria   La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri...
Notizia del:

I soldi dei servizi segreti per influenzare i mass media

Un articolo uscito il 16 novembre scorso, ha svelato non solo l’esistenza di molti conti bancari dei servizi segreti dentro la Banca Popolare di Vicenza, ma anche e soprattutto l’obiettivo di questa liquidità finanziaria dei servizi segreti: far arrivare soldi a chi in qualche modo è vicino o dà una mano all’attività dei servizi

di Federico Rucco - Contropiano   Il Sole 24 Ore è un giornale propriamente padronale, nel senso...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa