/ Lula denuncia: «Nel 2013 c'è stata una Primavera Araba brasiliana...

Lula denuncia: «Nel 2013 c'è stata una Primavera Araba brasiliana». Poi promette un referendum per revocare le misure di Temer

Lula denuncia: «Nel 2013 c'è stata una Primavera Araba brasiliana». Poi promette un referendum per revocare le misure di Temer
 

L'ex presidente brasiliano intervistato dal quotidiano spagnolo El Mundo

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

«Il Brasile deve tornare ad essere governato in funzione delle masse e non di pochi, per questo la prima cosa che voglio proporre è un referendum revocatorio di molte delle misure approvate da Michel Temer», questo è quanto dichiarato dall’ex presidente brasiliano Lula da Silva ai microfoni del quotidiano spagnolo El Mundo. 

 

Lula ha inoltre denunciato che Temer vuole «privatizzare» il gigante sudamericano, «basta vedere quel che vogliono fare con Petrobras. Il petrolio è il nostro passaporto per il futuro, se lo vendono ci lasciano senza sovranità». Per questo è pronto a ricandidarsi nonostante sia in corso un’operazione studiata a tavolino per fermarlo attraverso la magistratura. 

 

«La sentenza a cui sono sottoposto - spiega l’ex presidente - è una farsa. Né la polizia federale, né l'ufficio del Procuratore generale hanno trovato una sola prova per accusarmi, e per questo dico che la sentenza del giudice Sérgio Moro è politica. In un primo processo hanno etto che avevo un appartamento sulla spiaggia e soldi di Petrobras. In seguito al ricorso lo stesso giudice che mi ha condannato dice di non aver mai detto che l’appartamento e i soldi di Petrobras erano in mio possesso. Allora, perché mi condannano? L’unica risposta è che sono ostaggio della stampa. Oggi in Brasile i media hanno più potere dell’autorità giudiziaria. Hanno trovato del denaro in casa di Aécio Neves, del governatore di Rio de Janeiro, Sérgio Cabral, a casa dell’ex ministro Geddel Vieira Lima, ma  a casa mia nulla. Hanno controllato i conti in banche in tutto il mondo per trovare qualche sottrazione di denaro, anche in questo caso nulla. Ma la stampa mi distrugge e rifiuta di pubblicare che non ci sono prove contro di me». 

 

Facendo un passo indietro, Lula, indica il giugno 2013 come una data spartiacque nella storia recente del Brasile. Perché fino a quel momento «il paese cresceva, aveva piena occupazione, manteneva intatte le politiche sociali, preparava la coppa del mondo, i giochi olimpici, ma nel mese di giugno ci furono quelle manifestazioni che furono come una specie di Primavera Araba brasiliana».

 

 

Dunque una sorta di rivoluzione colorata in Brasile sostenuta dai mezzi di comunicazione di massa. A tal proposito Lula spiega che «accaddero cose che sfuggirono al nostro controllo come l’uso che fecero i media delle mobilitazioni. Le televisioni convocavano le manifestazioni, giunsero a cancellare la telenovela della sera per dare copertura in diretta alle mobilitazioni. In tutta la storia delle manifestazioni in Brasile non si erano mai comportati in questa maniera». 

 

Chiamato poi a collocarsi tra i cosiddetti populismi latinoamericani e la socialdemocrazia europea, l’ex sindacalista risponde con chiarezza: «Rispetto la socialdemocrazia europea, è l’esempio dello Stato del benessere, della difesa dei diritti dei lavoratori, ma in Brasile abbiamo costruito uno Stato alla nostra maniera, né migliore né peggiore. Quella dei populismi latinoamericani mi sembra una sciocchezza. Che significa essere populista? Parlare la lingua del popolo e difenderlo? Non mi sono mai considerato un populista ma un presidente estremamente popolare sì». 

 

Allargando lo sguardo dal Brasile al vicino Venezuela, Lula viene ‘accusato’ di aver espresso appoggio incondizionato al presidente venezuelano Nicolas Maduro. «Non offro alcun appoggio incondizionato. Ci sono molte cose sulle quali non sono d’accordo con Maduro, così come con presidenti di altri paesi. Pretendo per il Venezuela come per il Brasile che i propri affari interni non subiscano interferenze esterne. Non capisco perché l’Europa è tanto preoccupata da Maduro; è stato eletto democraticamente e i venezuelani risolveranno da soli i propri problemi». 

 

Su Trump si dice «sorpreso che il presidente di un paese del calibro e dell’importanza degli Stati Uniti parli di tutto. Ci sono cose di cui può occuparsi un funzionario o un segretario. Non si può governare il mondo attraverso colpi di Twitter». 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:

Mobilitazione dei lavoratori brasiliani contro le misure del golpista Temer

Dopo aver precarizzato il mercato del lavoro Temer vuole tagliare le pensioni

  La Confederazione Unica dei Lavoratori (CUT) del Brasile, insieme ai movimenti sociali e ad altre sigle...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Notizia del:

Honduras, la denuncia di Nasralla: «Hernandez controlla il crimine organizzato»

Intanto il partito di governo dopo aver scippato l'elezione accusa i leader dell'opposizione di fomentare la violenza e di collegamenti con il narcotraffico

  Oltre il danno la beffa. I leader dell’opposizione in Honduras - il candidato dell’Alleanza...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.

"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:

Così si impone e trionfa in Italia e nel mondo il nuovo fascismo della finanza e delle corporation

di Francesco Erspamer* Da trent'anni il gioco dei liberisti è sempre quello e il fatto che continuino a vincere dipende solo dalla mancanza di lucidità, capacità e coraggio...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:

Pyongyang: "Se non ci fossero stati gli USA, la pace e l'unificazione nazionale sarebbe realtà"

di Fabrizio Poggi    Decise prese di posizione dei media della RPDC contro il tentativo statunitense di minare il pur embrionale processo di avvicinamento tra Pyongyang e Seoul, che ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa