/ Militari francesi contro la politica guerrafondaia di Macron: "Pe...

Militari francesi contro la politica guerrafondaia di Macron: "Perché l’UE non è la pace e la NATO è la guerra!”

Militari francesi contro la politica guerrafondaia di Macron: Perché l’UE non è la pace e la NATO è la guerra!”
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Sinistra.ch


Il mensile francese “Initiative Communiste”, edito dal Polo della Rinascita Comunista in Francia (PRCF), ospita nel suo ultimo numero una riflessione di Jean-Pierre Combe, capo squadriglia onorario dell’artiglieria e ufficiale di riserva dello Stato Maggiore Generale dell’esercito francese che fornisce una lettura al recente scontro sulla politica militare avvenuto di recente fra il Presidente della Repubblica Emmanuel Macron e il generale Pierre de Villiers, comandante delle forze armate francesi, che ha rassegnato in polemica le proprie dimissioni.


Sarebbe ridicolo credere – solo perché una parte irresponsabile della sinistra l’ha eletto – che Macron rappresenti una linea meno “militarista” rispetto a quella che la burocrazia militare francese poteva avere in mente. Macron, la cui popolarità è in caduta libera, continua infatti a sostenere la politica di guerra universale del grande capitale atlantico, spingendo i soldati francesi al di fuori delle proprie frontiere in missioni palesemente imperialiste.



Come se non bastasse l’Eliseo macronista continua a intrattenere relazioni con la giunta golpista e filo-nazista in Ucraina e sostiene i gruppi islamisti in Medio Oriente per indebolire, ad esempio, il governo laico siriano. Il presidente obbedisce insomma ai diktat di quella parte di borghesia europeista e compradora,  talmente priva di ritegno, che arriva a scontrarsi persino con gli alti ufficiali come de Villiers che certamente non è un pacifista o un comunista.


“Le missioni delle nostre armate non sono assegnate dalla nostra Nazione, ma dall’Unione Europea” – lamenta Jean-Pierre Combe – e non a caso le armi in dotazione ai militari di Parigi non sono più di produzione interna: il fucile francese FAMAS, ad esempio, sarà sostituito da un’arma tedesca. Ma non è solo questione di un fucile: “il nostro armamento nucleare diventerà quello del futuro esercito europeo al servizio di una dottrina di impiego di aggressione. Perché l’UE non è la pace e la NATO è la guerra!” dichiara l’ufficiale dissidente, che continua: “la missione che Macron ha scelto di assegnare al nostro esercito non è la difesa degli interessi nazionali, ma gli interessi dei più grandi capitalisti del nostro Paese che da mezzo secolo hanno i medesimi interessi dei loro colleghi di tutta Europa. Difendere la Patria significa difendere gli interessi di tutti i lavoratori, non gli interessi privati ed egoistici dell’oligarchia capitalista” continua il capo squadriglia Combe, che invita in conclusione anche i soldati semplici a porsi criticamente di fronte a questa tendenza: se non si ferma “prima o poi riceveranno l’ordine di combattere i membri della loro stessa famiglia!”.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

"L’Assemblea Nazionale Costituente ha portato la pace": Syriza sostiene il dialogo di pace in Venezuela

Il Partito di maggioranza del governo in Grecia, Syriza, sostiene l’iniziativa del dialogo politico tra il Governo del Venezuela e i settori dell’opposizione, ripreso il 13 settembre a  Santo...
Notizia del:

"Modello" Rajoy? In Spagna il divario sociale è fuori controllo: 58 mila ricchi vs 1,4 milioni di poveri

Aumenta il Pil, ma anche la crisi sociale e la diseguaglianza nel modello malato della Spagna di Rajoy. I dati sono drammatici: a fronte di 58 mila nuovi ricchi ci sono 1,4 milioni di poveri in più...
Notizia del:

Dopo una seduta di 12 ore, il Parlamento catalano approva la legge per il referendum d’autodeterminazione dell’1 ottobre

di Andrea Quaranta* Dopo una seduta durata quasi 12 ore, il Parlamento catalano ha approvato ieri la legge che fornisce copertura giuridica al referendum d’autodeterminazione dell’1...
Notizia del:

Il leader di una cellula jihadista arrestato a Melilla era iscritto al partito di Rajoy (PP)

Il presidente del PP di Melilla (Spagna) e il presidente della città autonoma hanno annunciato in una conferenza stampa convocata d'urgenza, di aver espulso dal partito il tesserato del...
Notizia del:

"Modello" Rajoy: in Spagna 333.107 licenziamenti in un solo giorno

Lunedì 31 agosto è stato il “giorno nero” per l’impiego in Spagna.  Secondo i dati del Ministero del Lavoro spagnolo riportati dal quotidiano El Mundo, solo in questa...
Notizia del:     Fonte: The Guardian

Il Regno Unito approfittò della prima Guerra del Golfo per aumentare la vendita di armi

Documenti ufficiali declassificati rivelano che il governo di Margaret Thatcher approfittò della prima guerra del Golfo per aumentare l'esportazione di armi. Una pratica che con il tempo non è affatto cambiata.

Il Regno Unito ritenne che la prima guerra del Golfo (1990-1991) era "un'opportunità senza precedenti"...
Notizia del:

Jeremy Corbyn: "L'immigrazione di massa dall'UE ha distrutto le condizioni di vita della classe operaia inglese"

L'immigrazione di massa dall'Unione Europea è stata utilizzata per "distruggere" le condizioni di vita della classe operaia inglese. Lo ha dichiarato Jeremy Corbyn in un'intervista...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa