/ Militari francesi contro la politica guerrafondaia di Macron: "Pe...

Militari francesi contro la politica guerrafondaia di Macron: "Perché l’UE non è la pace e la NATO è la guerra!”

Militari francesi contro la politica guerrafondaia di Macron: Perché l’UE non è la pace e la NATO è la guerra!”
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Sinistra.ch


Il mensile francese “Initiative Communiste”, edito dal Polo della Rinascita Comunista in Francia (PRCF), ospita nel suo ultimo numero una riflessione di Jean-Pierre Combe, capo squadriglia onorario dell’artiglieria e ufficiale di riserva dello Stato Maggiore Generale dell’esercito francese che fornisce una lettura al recente scontro sulla politica militare avvenuto di recente fra il Presidente della Repubblica Emmanuel Macron e il generale Pierre de Villiers, comandante delle forze armate francesi, che ha rassegnato in polemica le proprie dimissioni.


Sarebbe ridicolo credere – solo perché una parte irresponsabile della sinistra l’ha eletto – che Macron rappresenti una linea meno “militarista” rispetto a quella che la burocrazia militare francese poteva avere in mente. Macron, la cui popolarità è in caduta libera, continua infatti a sostenere la politica di guerra universale del grande capitale atlantico, spingendo i soldati francesi al di fuori delle proprie frontiere in missioni palesemente imperialiste.



Come se non bastasse l’Eliseo macronista continua a intrattenere relazioni con la giunta golpista e filo-nazista in Ucraina e sostiene i gruppi islamisti in Medio Oriente per indebolire, ad esempio, il governo laico siriano. Il presidente obbedisce insomma ai diktat di quella parte di borghesia europeista e compradora,  talmente priva di ritegno, che arriva a scontrarsi persino con gli alti ufficiali come de Villiers che certamente non è un pacifista o un comunista.


“Le missioni delle nostre armate non sono assegnate dalla nostra Nazione, ma dall’Unione Europea” – lamenta Jean-Pierre Combe – e non a caso le armi in dotazione ai militari di Parigi non sono più di produzione interna: il fucile francese FAMAS, ad esempio, sarà sostituito da un’arma tedesca. Ma non è solo questione di un fucile: “il nostro armamento nucleare diventerà quello del futuro esercito europeo al servizio di una dottrina di impiego di aggressione. Perché l’UE non è la pace e la NATO è la guerra!” dichiara l’ufficiale dissidente, che continua: “la missione che Macron ha scelto di assegnare al nostro esercito non è la difesa degli interessi nazionali, ma gli interessi dei più grandi capitalisti del nostro Paese che da mezzo secolo hanno i medesimi interessi dei loro colleghi di tutta Europa. Difendere la Patria significa difendere gli interessi di tutti i lavoratori, non gli interessi privati ed egoistici dell’oligarchia capitalista” continua il capo squadriglia Combe, che invita in conclusione anche i soldati semplici a porsi criticamente di fronte a questa tendenza: se non si ferma “prima o poi riceveranno l’ordine di combattere i membri della loro stessa famiglia!”.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

USB, Piacenza. Prof. Vasapollo: "Se si abituano a toglierti i diritti, te li toglieranno sempre".

"Se si abituano a toglierti i diritti, te li toglieranno sempre". "I diritti non rimangono per sempre". Pubblichiamo in questi cinque brevi video alcuni importanti stralci del discorso...
Notizia del:

“Il mio stipendio basta appena per mangiare”. Il dramma censurato dei lavoratori in Grecia

Di Keep Talking Greece, 4 novembre 2017  (traduzione di Voci dall'estero)   Le riforme hanno gravi effetti collaterali. Dalla crisi economica in Grecia è emersa una...
Notizia del:

"Ho salvato la Spagna". La "nuova" Repubblica parte dal franchismo

Viene presentata oggi la "Nuova" Repubblica. E per l'occasione il direttore in persona, Mario Calabresi pubblica un'intervista (molto prona) esclusiva al premier (post?)franchista...
Notizia del:

Manolis Glezos, 95 anni commemora così le vittime della rivolta degli studenti del 1973

Grecia

Da Asia Blog Manolis Glezos, il partigiano che nel 1941 strappò via la bandiera con la svastica dall'Acropoli...
Notizia del:

SI al "Brancaccio" del Popolo: Nella lotta di classe imperante, milioni non hanno rappresentanza. E' il momento di crearla

"Dopo il buco politico apertosi con il fallimento dell’operazione Teatro Brancaccio, un gruppo di giovani attivisti napoletani ha convocato una assemblea pubblica per sabato 18 novembre a Roma (ore 11.00 al Teatro Italia) con un spirito che, almeno, evoca questa necessità di una rottura del quadro esistente. Se ci eravamo tenuti consapevolmente alla larga dal Brancaccio, parteciperemo invece a questa assemblea e con spirito positivo, dando la dovuta priorità ai contenuti che riteniamo dirimenti."

di Sergio Cararo - Contropiano In questi giorni, in un pezzo del nostro mondo, il dibattito pubblico sui...
Notizia del:

Nella Grecia sotto occupazione della Troika si muore a 90 anni per riscaldare la casa con una "bottiglia d'acqua elettrica"

Una donna di 90 anni è morta per l'incendio generato dalla "bottiglia di acqua elettrica" utilizzata per riscaldare l'abitazione. L'incendio è scoppiato domenica...
Notizia del:

“Operazione Verità”. Per il cambiamento, serve combattere il vero nemico. E per farlo serve la verità.

"L’operazione verità risultante dallo sciopero generale del 10 e dalla manifestazione dell’11 novembre, indica oggi l’unico vero percorso possibile: un fronte politico e sociale di forze ben coordinate tra loro che perseguono la rottura del quadro esistente, si organizzano per farla crescere nel blocco sociale che condivide interessi materiali ed etici, si misurano con le soluzioni a breve, medio e lungo periodo per concretizzarla."

di Sergio Cararo* Se anche il direttore de La Repubblica comincia a parlare di “falò...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa