/ Ministero delle Difesa russo denuncia che gli USA «non hanno mai ...

Ministero delle Difesa russo denuncia che gli USA «non hanno mai colpito gli impianti petroliferi dell'ISIS in Siria»

Ministero delle Difesa russo denuncia che gli USA «non hanno mai colpito gli impianti petroliferi dell'ISIS in Siria»
 

Il generale Igor Konashenkov ha dichiarato che prima o poi il governo di Washington dovrà rendere conto delle sue azioni

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

«Incredibilmente i bombardieri dell’aviazione statunitense e della coalizione internazionale non hanno colpito le installazioni petrolifere dello Stato Islamico, permettendo ai terroristi di ottenere profitti per milioni ogni mese dalla vendita illegale del petrolio e così poter reclutare mercenari in tutto il mondo», questa è la forte accusa lanciata agli Stati Uniti dal generale Igor Konashenkov, portavoce del Ministero della Difesa della Russia. 

 

«Prima o poi» aggiunge il portavoce, Washington dovrà spiegare le sue azioni, evidenziando che a differenza degli Stati Uniti, la Russia, ha ottenuto «risultati concreti» nella lotta contro la piaga terrorista in Siria. 

 

Ma il «risultato più importante» - aggiunge Konashekov - è rappresentato dal fatto che senza l’attuale governo degli Stati Uniti, in concerto con Iran e Turchia, si è giunti a diversi accordi tra Governo siriano e opposizione che hanno permesso do stabilire un cessate il fuoco nel paese, e poter dare inizio a negoziazioni per la pace. 

 

Da Washington, intanto, il direttore della CIA, John Brennan, accusa la Russia di applicare in Siria la tattica della terra bruciata. Pronta è arrivata la replica di Konashekov, il quale si è detto sicuro che il direttore della CIA ricordi bene la storia della tattica della cosiddetta terra bruciata, che consiste nel distruggere tutto quello che può essere di una qualche utilità al nemico.  

 

«Dovremmo cominciare dal lancio delle bombe atomiche nel 1945 sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki - spiega il generale russo - poi ricordare le operazioni condotte dagli Stati Uniti in Laos e Vietnam per ben 9 anni, dove l’aviazione nordamericana scaricò oltre cento tonnellate di sostanze chimiche come l’agente arancio, e nessuno negli Stati Uniti è stato punito per crimini di guerra». 

 

Senza dimenticare le guerre scatenate da Washington in giro per il mondo col supporto di «informazioni false costruite dalla CIA». Guerre che distrussero la vecchia Jugoslavia, Iraq, Afghanistan e Libia. «Ma stranamente - denuncia Igor Konashenkov - le compagnie mese sotto contratto per la ricostruzione delle infrastrutture di questi paesi, sono quelle legate a Pentagono e CIA». 

 

Infine, tornando sulla situazione in Siria, il generale russo ha dichiarato che Brennan «sa molto bene» che dal 2012, prima che la Russia iniziasse le operazioni antiterrorismo, la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha distrutto «sistematicamente tutta l’infrastruttura economica della Siria al fine di debilitare il legittimo governo del paese, senza tener conto delle conseguenze per la popolazione civile». 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

FOTO. Convoglio militare USA entra in Siria attraverso l'Iraq

Come riporta e documenta 'Al Masdar-News', un convoglio militare statunitense composto da diversi veicoli blindati, è entrato in Siria dal confine iracheno, arrivando questa mattina nella...
Notizia del:     Fonte: https://www.cia.gov

Documenti della CIA rivelano: Gli USA già programmavano di distruggere la Siria nel 1983

Un documento della CIA declassificato ha rivelato le trame ordite dagli Stati Uniti nel 1983 per distruggere la Siria e rovesciare il padre dell'attuale presidente siriano. Con le stesse pratiche adottate poi nel 2011.

Un documento declassificato della CIA, ha rivelato i piani di Washington, nel 1983, per rovesciare il governo...
Notizia del:     Fonte: The Guardian

Dopo l'incontro con Assad, il Consiglio d'Europa rimuove parlamentare spagnolo

L'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (PACE) ha ritirato la fiducia al senatore spagnolo Pedro Agramunt come presidente dell'organismo dopo il suo incontro con il presidente siriano.

Come ha riferito ieri il Consiglio d'Europa, Il PACE, (Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa) ha...
Notizia del:

Venezuela: la disinformazione di Repubblica attraverso 'l'inviato' residente a Miami

La protesta via Twitter dell'Ambasciata in Italia della Repubblica Bolivariana del Venezuela

di Fabrizio Verde   L’America Latina, con Cuba e Venezuela in testa, è da sempre uno dei...
Notizia del:

"Perché io, eurodeputata, parteciperò alla terza carovana antifascista in Donbass"

Intervista ad Eleonora Forenza, Eurodeputata del PRC di Maurizio Vezzosi per L'AntiDiplomatico Cominciamo con una domanda semplice, ma forse solo apparentemente. Perché ha deciso di...
Notizia del:     Fonte: http://www.mid.ru

"Incoerenze evidenti": Mosca mette in discussione le accuse della Francia sull'uso di armi chimiche in Siria

Il ministero degli Esteri russo ha ribadito ancora una volta che l'unica possibilità di trovare la verità è che l'OPCW conduca un'indagine.

La Russia ha messo in discussione l'integrità di un rapporto dell'intelligence francese che ripete...
Notizia del:     Fonte: Al-Mayadeen

VIDEO. Yemen sempre più allo stremo, oltre all'aggressione dell'Arabia Saudita, le organizzazioni internazionali riducono gli aiuti

Più di quarantamila sfollati yemeniti ad Abes, nella Provincia di Hajja, Yemen occidentale, soffrono la carenza di cibo in seguito alla decisione delle organizzazioni internazionali per ridurre il loro aiuto a meno della metà. Un reportage di Ahmed Abdul Rahman parla delle grandi difficoltà nelle quali gli sfollati yemeniti dal vivo, oltre a quella dell'aggressione dell'Arabia Saudita appoggiata dagli USA.

Lunghe code in attesa della distribuzione del cibo che non è sufficiente. Dopo la riduzione, quel poco...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia, Ministero degli Esteri: "I Caschi Bianchi danno appoggio ai terroristi in Siria"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zajárova, ha denunciato le attività dell'organizzazione nella Repubblica araba.

"I soccorritori volontari dell'organizzazione 'Caschi Bianchi' che operano in Siria stanno sostenendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - TASS - Reuters

La Russia condanna gli attacchi di Israele contro la Siria. E Damasco promette una risposta rapida

Il governo russo ha messo in guardia Israele sugli attacchi aerei contro Damasco, mentre la Siria ha promesso una rapida risposta a tale aggressione.

Il portavoce del presidente russo, Dmitri Peskov, ha dichiarato, oggi, che Mosca mette in guardia da qualsiasi...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Partiamo dai fatti più...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Pepe Mujica: "La radicalizzazione di Almagro nell'Osa non è un pericolo solo per il Venezuela ma per tutta l'America Latina"

In un'intervista molto lunga e molto bella (si consiglia la lettura integrale) rilasciata a Caras y Careta, l'ex presidente dell'Uruguay Pepe Mujica ha rilasciato queste parole sulla situazione...
Notizia del:

Caracas. Ammissione shock di una dirigente opposizione: «Se Voluntad Popular potesse, brucerebbe oggi stesso il Venezuela»

Voluntad Popular è il partito il cui leader Leopoldo Lopez è incarcerato per i fatti violenti del 2014

di Fabrizio Verde   «Se potessero bruciare il Venezuela oggi stesso, lo farebbero», crolla...
Notizia del:

Il momento esatto in cui la polizia del regime brasiliano lancia una bomba lacrimogena contro un deputato in un comizio

  Un video di Ronaldo Parra diffuso da Ninja Medios mostra il momento esatto in cui la polizia militare brasiliana ha lanciato una bomba lacrimogena contro il deputato di Rio de Janeiro,...
Notizia del:     Fonte: The Guardian - Turkey Blocks

La Turchia blocca l'accesso a Wikipedia

Un gruppo turco di monitoraggio del web ha riferito che Ankara ha bloccato tutti gli accessi all'interno del paese all'enciclopedia online Wikipedia, una misura che segue l'ondata di repressione del governo contro l'opposizione e il dissenso.

Turkey Blocks, che si definisce un "progetto di trasparenza digitale" indipendente,  in un comunicato,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Yemen, al Qaeda annuncia la sua disponibilità ad unirsi all'Arabia saudita per combattere Ansarollah

Il ramo yemenita del gruppo terroristico al Qaeda ha annunciato al sua disponibilià a combattere a fianco dell'Arabia Saudita contro Ansarollah.

Come riportato dal portale Al-Masdar News, il leader di Al Qaeda nella penisola arabica (AQAP), Qasim al-Raymi,...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Italia «a testa alta» nelle spese per la guerra

  di Manlio Dinucci (il manifesto, 30 aprile 2017)    «L'Italia partecipa a testa alta all'Alleanza Atlantica, nella quale è il quinto maggiore contributore,...
Notizia del:

Capriles contro Papa Francesco: leader dell'opposizione venezuelana rifiuta la richiesta di dialogo del Pontefice

Il leader dell'opposizione venezuelana Henrique Capriles ha rifiutato l'offerta di papa Francisco per riattivare il dialogo con il governo del Presidente Nicolás Maduro. Lo riporta...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa