/ 'Miracolo economico boliviano': anche la BBC si accorge della cre...

'Miracolo economico boliviano': anche la BBC si accorge della crescita economica della Bolivia

'Miracolo economico boliviano': anche la BBC si accorge della crescita economica della Bolivia
 

Dalla nazionalizzazione degli idrocarburi avvenuta nel 2006, la Bolivia guidata dal socialista Evo Morales, fa registrare buone performance economiche

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Meglio tardi che mai. Oggi l’edizione in lingua spagnola della BBC si accorge che in America Latina c’è uno Stato che cresce. Nonostante la caduta del prezzo delle materie prime. Dalla nazionalizzazione degli idrocarburi avvenuta nel 2006, la Bolivia guidata dal socialista Evo Morales, fa registrare buone performance economiche con aumenti del Prodotto Interno Lordo. 

 

L’anno scorso la Bolivia è cresciuta del 4,3%, seguita dal Paraguay (4,1%) e dal Perù (4%). L'elenco continua con Colombia (2%), Cile (1,6%) e Uruguay (1,5%). 

 

Secondo il media britannico, sono 3 i punti chiave che hanno reso possibile il «miracolo economico boliviano»: nazionalizzazioni, investimenti pubblici e stabilità. 

Scrive la BBC: «Nel 2006, quando Evo Morales decretò la nazionalizzazione degli idrocarburi, iniziava una nuova fase dell'economia boliviana.

 

Questa nuova fase comprendeva in alcuni casi il trasferimento di società private allo Stato e, in altri casi, la rinegoziazione di contratti con società straniere che continuavano ad operare nel paese.

 

Quanto cambia la Bolivia con la "rivoluzione" di Evo Morales?

Una dozzina di aziende multinazionali firmano nuovi contratti con la compagnia statale YPFB e si accordano per il pagamento di una tassa sul valore della produzione compresa tra il 50 e l'85%.

 

"Cambiando la politica fiscale, i ricavi statali sono aumentati notevolmente", afferma Luis Pablo Cuba, docente presso l'Universidad Mayor de San Simón.

 

"Penso che la nazionalizzazione e la tassa diretta sugli idrocarburi (HDI) siano stati alcuni degli elementi principali che spiegano l'alta crescita economica".

 

L'aumento dei ricavi fiscali è stato accompagnato da forti investimenti pubblici e da un modello di sviluppo produttivo basato sulla domanda interna». 

 

Noi de l’AntiDiplomatico, nel novembre del 2016, davamo conto dei successi ottenuti in ambito economico dalla Bolivia socialista di Evo Morales con l’articolo intitolato «Bolivia: grazie alla 'evoeconomia' il paese cresce nonostante la congiuntura economica internazionale».   

 

Un articolo contenete le dichiarazioni rilasciate dall’economista spagnolo Alfredo Serrano Mancilla, che ai microfoni di RT spiegava i motivi del successo economico conseguito dalla Bolivia di Evo Morales. Un paese che ha deciso di incamminarsi con decisione in direzione opposta e contraria rispetto al fallimentare neoliberismo imperante che ha messo in ginocchio gran parte delle economia europee e mondiali. 

 

«La ragione è semplice, Evo Morales non ha mai fatto affidamento sui cicli dell’economia mondiale. Fin dall’inizio del suo mandato nel 2006, la Bolivia ha costruito un proprio ordine economico. Un modello economico vincolato con l’estero ma in forma sovrana e intelligente. La nazionalizzazione degli idrocarburi è stata fondamentale per edificare il proprio edificio. Giusto in chiave sociale ed efficace in materia economica. Rompendo così il mito che vuole le nazionalizzazioni come freno alla crescita. La Bolivia ha moltiplicato il suo PIL nominale per quattro in questi anni. E ancora continua il suo lungo ciclo di crescita, nonostante la congiuntura internazionale».  

 

La ricetta economica boliviana è in antitesi con il neoliberismo e l’austerità che stanno riducendo alla fame i popoli europei. «Il governo di Evo Morales - spiegava Serrano Mancilla -  ha potenziato il ruolo dello Stato nell’economia, senza provocare fughe di capitali o investimenti stranieri. Il risparmio interno è cresciuto a livelli storici. Oggi la Bolivia può vantare riserve (38% del PIL) per affrontare efficacemente l’attuale ‘shock’ negativo esterno. Ma non si tratta solamente di risparmio pubblico, vi è anche una crescita significativa del risparmio privato. Le riserve permettono alla Bolivia di poter moltiplicare gli investimenti produttivi per i prossimi anni».

 

L’articolo della BBC dimostra ancora una volta che i fatti hanno la testa dura. Le calunnie proferite dal mainstream contro i governi progressisti e socialisti sudamericani, alla lunga, crollano come castelli di carta. 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Evo Morales 'profondamente preoccupato' dal razzismo degli Stati Uniti

"Oggi vediamo con profonda preoccupazione come si sta diffondendo il razzismo negli Stati Uniti"

  Il presidente boliviano Evo Morales ha invitato il suo omologo statunitense Donald Trump a invertire la...
Notizia del:

Evo Morales condanna l'interferenza degli Stati Uniti negli affari interni dell'Iran

Il presidente boliviano Evo Morales ha condannato l'ingerenza degli Stati Uniti negli affari interni dell'Iran, in seguito alle recenti dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulle proteste nel paese persiano.

"Condanniamo fermamente l'interferenza e l'aggressione degli Stati Uniti contro il popolo e il governo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Nazionalizzazione di risorse e aziende strategiche. Così la Bolivia ha raggiunto crescita e sovranità

Il lungo ventennio neoliberista è stato invece segnato dal saccheggio delle risorse naturali imposto attraverso politiche dettate da Washington attraverso il Fondo Monetario Internazionale

di Fabrizio Verde   «Grazie alla nazionalizzazione degli idrocarburi, abbiamo deciso con il supporto...
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti sono il vero pericolo per la pace mondiale»

Il presidente boliviano risponde agli Stati Uniti che si ostinano a voler dipingere il Venezuela come una minaccia

  Non passa giorno senza che da Washington partano accuse dirette al Venezuela. Il paese minacciato, assediato...
Notizia del:     Fonte: Agencia Boliviana de Informacion

Evo Morales agli Usa: basta cospirazioni! Incaricato d'affari a rischio espulsione

«Se continuano a finanziare la destra e pianificare cospirazioni non mi tremerà la mano nell’espellere nuovamente l’incaricato d’affari dell’ambasciata degli Stati Uniti», ha dichiarato il presidente boliviano

  Il presidente della Bolivia Evo Morales ha denunciato che l’ambasciata degli Usa pianifica attacchi...
Notizia del:

Evo Morales denuncia: «Gli Stati Uniti minacciano la Madre Terra e la vita»

Il presidente boliviano afferma che «con embarghi, muri, invasioni, interventi e contaminazione, gli Stati Uniti sono la peggiore minaccia che la Madre Terra si trova ad affrontare»

  Evo Morales protesta ancora una volta contro il criminale embargo imposto dagli Stati Uniti contro Cuba....
Notizia del:

Ángel Guerra Cabrera: "Senza il Che, un indio non sarebbe mai giunto alla presidenza della Bolivia"

di Ángel Guerra Cabrera - Telesur  L'accampamento di migliaia di persone, principalmente giovani, di tutto il mondo, in Vallegrande, Bolivia, molto vicino al luogo dove Che Guevara...
Notizia del:

TeleSUR intervista Richard Gott (ex corrispondente del 'The Guardian') in Bolivia quando il Che fu assassinato dalla CIA

«L'eredità del Che è quella di un uomo che ha abbandonato tutti i suoi successi e beni materiali per promuovere le sue idee sulla rivoluzione socialista. Sebbene non abbia avuto successo immediato, il popolo continuerà a sollevare la sua bandiera rivoluzionaria»

da teleSUR   Richard Gott è un giornalista britannico, storico ed ex corrispondente dall’America...
Notizia del:

L'omaggio di Evo Morales al Che: «Oggi più necessario che mai»

Morales ha dichiarato che «il miglior omaggio è continuare la lotta antimperialista»

  In chiusura della quattro giorni di attività dedicata alla memoria di Ernesto ‘Che’...
Notizia del:

Maduro esalta Che Guevara «simbolo dell'America ribelle e rivoluzionaria»

«Il volto del Che, l’immagine del Che, il pensiero del Che si è trasformato in ribellione, lotta, purezza di valori e principi della gioventù nel mondo intero»

  Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha esaltato l’eredità del leader rivoluzionario...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
Notizia del:

Le strategie dell'imperialismo in Africa Australe: le sfide di Sudafrica, Zimbabwe, Angola e Mozambico

di Carlos Lopes Pereira da “Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese Traduzione di Marx21.it In Africa Australe sono in corso sviluppi della situazione in...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella città di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".

"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa