/ Niente soldi per l'emergenza incendi? Per la NATO, però, la Pinot...

Niente soldi per l'emergenza incendi? Per la NATO, però, la Pinotti inaugura l'"Hub per il Sud"

Niente soldi per l'emergenza incendi? Per la NATO, però, la Pinotti inaugura l'Hub per il Sud
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 

di Manlio Dinucci* - il manifesto, 13 luglio 2017
 
 

Chi dice che scarseggiano gli investimenti nel Mezzogiorno? La ministra Pinotti ha annunciato la realizzazione di una grande opera a Napoli: l’Hub per il Sud. Dopo l’incontro con il capo del Pentagono James Mattis, martedì a Washington, ha dichiarato: «Siamo soddisfatti che sia stata accolta la nostra richiesta di trasformare il Comando Nato di Napoli in Hub per il Sud»


Il comando di cui parla è il Jfc Naples, 
il Comando della Forza congiunta alleata con quartier generale a Lago Patria (Napoli), agli ordini dell’ammiraglia statunitense Michelle Howard che, oltre ad essere a capo del Comando Nato, è comandante delle Forze navali Usa per l’Europa e delle Forze navali Usa per l’Africa. 


I tre comandi di Napoli, sempre agli ordini di un ammiraglio statunitense nominato dal Pentagono, hanno un’«area di responsabilità» che abbraccia l’Europa, l’intera Russia, il Mediterraneo e l’Africa. La guerra alla Libia nel 2011, con il determinante contributo italiano,  è stata diretta dalla Nato attraverso il Jfc Naples. Sempre da Napoli sono state condotte le operazioni militari all’interno della Siria. 


Questa è la prima causa del drammatico esodo di profughi e della «crisi dei migranti che l’Italia sta vivendo quasi in solitudine», come l’ha defenita a Washington la Pinotti quasi che fosse una maledizione caduta dal cielo. 


Il nuovo Hub per il Sud, rientrante anch’esso nella catena di comando del Pentagono, costituirà la base operativa per la proiezione di forze terrestri, aeree e navali. Le forze e le armi necessarie saranno fornite dall’intera rete di basi Usa/Nato in Italia, in particolare Aviano, Camp Darby, Gaeta, Sigonella, Augusta, mentre la stazione Muos di Niscemi e altre si occuperanno delle comunicazioni.  Per tali operazioni, che la Nato definisce «proiezione di stabilità oltre i nostri confini», è disponibile la Forza di risposta della Nato, aumentata a 40 mila uomini, in particolare la sua  Forza di punta, che può essere proiettata in 48 ore «ovunque in qualsiasi momento».


James Mattis ha riingraziato l’Italia sia per la sua «ospitalità verso oltre 30000 militari, impiegati civili e familiari statunitensi», sia per la sua importante cooperazione nell’affrontare le «minacce alla sicurezza nel Mediterraneo, in Medioriente e Africa». La Pinotti ha prospettato, tra l’altro, la possibilità di estendere i compiti dei 1400 militari italiani in Iraq, anche in funzione di addestramento a Raqqa. 


Riguardo all’Hub per il Sud  la ministra ha annunciato, con soddisfazione, che  «
nell'ultima riunione ministeriale Nato si sono già individuate le risorse per la sua realizzazione». Non le ha però quantificate. Si possono comunque stimare in miliardi di euro, con una notevole parte a carico dell’Italia. Solo la costruzione del nuovo quartier generale del Jfc Naples, inaugurato nel 2012 a Lago Patria (85 mila metri quadri coperti espandibili, in cui lavorano 2500 militari), è venuto a costare circa 200 milioni di euro. Tutto denaro pubblico, che va ad aggiungersi alle spese Nato per la «Difesa» in continuo aumento (quella italiana è stimata in una media di circa 70 milioni di euro al giorno). 


Al Jfc Naples, annuncia la Pinotti, si sta implementando il personale perché, diventando Hub per il Sud, il comando deve assumere anche la capacità di «ricostruire Stati falliti». Lavoro a ciclo continuo: dopo aver trasformato la Libia in «Stato fallito» demolendola con la guerra, ora lo stesso comando va a «ricostruirla».


*Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autore

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Il Venezuela esprime una categorica protesta per l’illegale celebrazione del Vertice MERCOSUR

Comunicato ufficiale della Repubblica Bolivariana del Venezuela - Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri

  La Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime una protesta categorica per l'illegale celebrazione...
Notizia del:

Mosca si esprime sul plebiscito "irregolare" della destra in Venezuela: "Ha solo diviso il paese di più"

Il direttore aggiunto del Dipartimento d'Informazione e stampa del Ministero degli Affari esteri russo, Artiom Kozhin, ha dichiarato che i "politici in Venezuela devono agire con saggezza statale...
Notizia del:     Fonte: Anadolu

La Turchia si vendica degli USA e pubblica la mappa delle sue basi segrete in Siria

L'agenzia di stampa turca Anadolu ha rivelato l'ubicazione di 10 avamposti militari degli Stati Uniti in Siria, specificando il numero delle truppe presenti.

Martedì scorso, l'agenzia statale turca di notizie 'Anadolu' ha pubblicato un rapporto sulla...
Notizia del:

Tito Boeri alla Camera: tra bufale e imperialismo

Oggi alla Camera dei deputati Tito Boeri, presidente dell’INPS, rilancia sulla assoluta necessità di far arrivare ogni anno in Italia centinaia di migliaia di migranti “per salvare l'INPS...
Notizia del:

Tiziana Beghin (M5S): "L'esercito Usa inquina più delle 5 multinazionali più grandi al mondo messe insieme. E nessuno lo dice..."

di Tiziana Beghin* SAPETE QUAL È L'ORGANIZZAZIONE PIÙ INQUINANTE DEL MONDO?   Parliamo di un gigante che inquina più delle prime 5 multinazionali chimiche americane...
Notizia del:

"Ti maledico". Il teologo spagnolo José Antonio Fortea contro Maduro e contro il Papa. A sostegno del golpe in Venezuela

In Venezuela si sta avvicinando il punto di non ritorno. Purtroppo, però, non si levano voci di condanna dalla «comunità internazionale»

di Geraldina Colotti* - il Manifesto Dopo i proiettili, le molotov di escrementi (le puputov) e le sanzioni...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran mette in guardia dalla trappola tesa dagli Stati Uniti in Iraq e in Siria

Nessuno ha l'autorità di decidere il destino di Iraq e Siria, tranne che i rispettivi popoli e governi legittimi, ha avvertito il portavoce delle forze armate iraniane, Seyed Massoud Yazayeri.

Il portavoce delle Forze Armate dell'Iran, il generale Seyed Massoud Yazayeri, ieri, ha condannato la politica...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa