/ Non cascate nella trappola: Il Giro d'Italia non partirà da Israe...

Non cascate nella trappola: Il Giro d'Italia non partirà da Israele, ma da Gerusalemme. Partirà dalla Palestina occupata

Non cascate nella trappola: Il Giro d'Italia non partirà da Israele, ma da Gerusalemme. Partirà dalla Palestina occupata
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Paola Di Lullo


Ce lo comunica la RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, "La Grande Partenza della Corsa Rosa, in programma dal 4 al 27 maggio e organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, infatti sarà in Israele, per la prima volta fuori dai confini dell'Europa e per la tredicesima fuori dai confini italiani."
 

E ce lo confermano i vari eventi messi in campo dal BDS Italia che, con delle biciclettate e del volantinaggio in varie città d'Italia, ci chiedono di boicottare l'evento che, grazie al cospicuo finanziamento del miliardario israelo-canadese, Sylvan Adams, celebrerà i 70 anni della nascita dello stato d'Israele, nascondendo la Nakba, l'occupazione, le leggi discriminatorie contro i Palestinesi.
 

Il BDS è uno strumento indispensabile per cercare di combattere l'occupazione israeliana, efficace soprattutto in alcuni settori, come quello accademico ed artistico, ma non solo, naturalmente. Da più tempo, chiede a gran voce l'espulsione di Israele dalla Fifa per comportamenti scorretti - eufemismo!- nei confronti degli atleti palestinesi, cui spesso viene impedito di partecipare a competizioni sportive, perché gli si nega il visto. O gli si sottrae l'attrezzatura sportiva. O li si sbatte in carcere. e potrei aggiungere diverse altre opzioni.
 

Per oggi, 25 novembre, il BDS ha organizzato varie biciclettate in diverse città d'Italia, allo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica italiana su quanto avviene in Palestina e per esprimere il proprio dissenso alla partenza del Giro d'Italia da Israele. Naturalmente saranno presenti attivisti del BDS con dei volantini esplicativi.
 

Questo, il primo passo di un'azione di boicottaggio, volta a continuare nei mesi a seguire.
 

E però, a mio modesto avviso, il BDS è caduto nella trappola che vuole, appunto, che il Giro d'Italia parta da Israele, mentre invece partirà da Gerusalemme.
 

"Il Giro 2018 prende il via con una cronometro individuale disegnata su un percorso molto articolato all’interno dell’abitato di Gerusalemme, a ridosso delle mura della città storica. Si affrontano una dopo l'altra numerose svolte tra vie cittadine, vari i saliscendi.", ci dice la RCS Sport/La Gazzetta dello Sport.
 

Quindi, La RCS sport/La Gazzetta dello Sport, annuncia come prima tappa, appunto, Gerusalemme, occupata con la Cisgiordania e Gaza durante la Guerra dei Sei Giorni.
 

Perché il BDS non ha pensato di muoversi anche in questa direzione, contattando la RCS Sport e chiedendo di modificare la dicitura?
 

Svista, sicuramente. Che però costa cara, perché significa, in qualche modo, ratificare l'annessione di Gerusalemme. Di sicuro, ad Israele, oltre che mostrare il suo abito delle grandi occasioni, interessa che il mondo veda Gerusalemme come città israeliana, in attesa del tanto agognato spostamento della capitale da Tel Aviv a Gerusalemme. Israele sa perfettamente come insinuarsi nelle menti delle persone, già fin troppo assuefate ai media mainstream. Sa che la terminologia è fondamentale e funzionale per giustificare tutte le continue violazioni del diritto internazionale in Palestina.
 

Possibile che ciò sia sfuggito al BDS? Possibile che nessuno abbia pensato che Gerusalemme, tutta Gerusalemme, est ed ovest, sia Palestina, seppur posta sotto mandato internazionale, in quanto città contesa, perché sede delle tre religioni monoteistiche?
 

Il Giro d'Italia, pertanto, non partirà da Israele, come gli organizzatori ed i finanziatori israeliani vogliono farci credere, ma dalla Palestina Occupata.


Le ultime due risoluzioni ONU sulla città santa, la 476 del 30/06/1980 e la 478 del 20/08/1980, hanno definito la l'annessione di Gerusalemme una violazione del diritto internazionale ed un serio ostacolo al raggiungimento della pace in Medio Oriente,cristallizzando la situazione della città. Le due risoluzioni arrivano dopo la risoluzione 242 del 22.11.1967, con cui l'ONU ingiunse a Israele di ritirarsi dai territori conquistati militarmente ( conquistare territori altrui con la forza è contrario alla carta dell’ONU ) e la risoluzione 338 del 1973 del consiglio di sicurezza dell’ONU che chiese nuovamente alle parti di applicare la risoluzione 242.
 

E perciò, mio personale consiglio, guardiamo la partenza del Giro d'Italia da Gerusalemme, proviamo a spegnere i televisori durante la II, Haifa-Tel Aviv, e la III tappa, Be'er Sheva-Eilat. E riaccendiamoli quando il Giro tornerà in Italia. L'audience dirà più di quanto potrei continuare a scrivere io.
 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da La mia Gaza
Notizia del:     Fonte: Ynet News

Gaza stanotte, più di 20 bombardamenti in mezz'ora

di Paola Di Lullo Più di venti bombardamenti in circa mezz'ora, dopo il lancio di 4 razzi dalla Striscia verso i Territori del '48. Due di essi sarebbero stati abbattuti dall'Iron...
Notizia del:

Ministero della salute palestinese, primo bollettino su nuova Intifada: 1114 feriti e 4 morti

Bombardamenti sulla Striscia di Gaza si sono ripetuti in serata e durante la notte, da Beit Lahiya a Khan Younis. 25 i feriti, tra cui 6 bambini, di cui uno in gravi condizioni.

di Paola Di Lullo Il ministero della salute palestinese ha fornito i dati degli scontri e dei bombardamenti...
Notizia del:

Nuova Intifada palestinese per difendere Gerusalemme

di Paola Di Lullo   È una giornata densa di avvenimenti, questa. Dalle proteste di Tunisi, Beirut, Malesia, Marocco, Egitto, alle dichiarazioni di Turchia, Cina Venezuela, Cuba, Bolivia,...
Notizia del:

Ci hanno impedito di abbracciare Leila, non ci impediranno di ascoltare la sua voce e quella di tutti i popoli oppressi

Napoli non si piega al nazismo. Non lo fece nemmeno quando, unica città in Italia, in quattro giorni cacciò via i nazisti tedeschi, nel 1943. "Adesso vi facciamo vedere noi chi sono...
Notizia del:

Giro d'Italia nella Palestina occupata. Israele sbraita e RCS/La Gazzetta dello Sport esegue subito

Israele ora ringrazia. Gli ultimi brandelli di dignità italiana no

di Paola Di Lullo   Dunque, Israele non ha fatto nemmeno in tempo a protestare e minacciare il blocco...
Notizia del:

Leila Khaled in Italia non può entrare. Gentiloni si piega al volere di Israele (come sempre)

"Quanto accaduto è inconcepibile, ingiustificabile, vergognoso, disgustoso, dittatoriale. Quanto accaduto non è degno di un paese democratico."

di Paola Di Lullo  E così, alla fine, il governo italiano si è piegato ad Israele....
Notizia del:

100 anni dalla Dichiarazione di Balfour, May è "fiera di aver fatto nascere Israele". Corbyn diserta le "feste"

di Paola di Lullo Il 2017 è un anno ricco di ricorrenze, tutte nefaste per il popolo palestinese. 100 anni dalla dichiarazione di Balfour, 50 anni dalla guerra dei 6 giorni che portò...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa