/ Non solo Ucraina: il neo-nazismo nei Paesi Baltici prende piede (...

Non solo Ucraina: il neo-nazismo nei Paesi Baltici prende piede (nel totale silenzio dell'UE)

Non solo Ucraina: il neo-nazismo nei Paesi Baltici prende piede (nel totale silenzio dell'UE)
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

di Fabrizio Poggi 
 

Visti i precedenti, sia strettamente nazionali, che dei paesi vicini, sembrerebbe che le ultime notizie che giungono dalla Lettonia non siano, in fondo, delle assolute novità. In effetti, nessun fatto propriamente nuovo; ma, trattandosi di un paese di quella Unione Europea che intende dettare lezioni di democrazia in giro per il mondo e che si sbraccia ostentatamente in difesa dei “diritti umani”, dei diritti umani degli altri, è il caso di non passare proprio sotto silenzio il progetto di legge approvato ieri in ultima lettura dal Sejm lettone, sull'attribuzione paritaria dello status di partecipante alla Seconda guerra mondiale, a ogni veterano, sia che abbia combattuto nelle file dell'Armata Rossa, oppure nei battaglioni inquadrati nei ranghi di Wehrmacht o SS. I quali ultimi, come noto, nei Paesi baltici, contavano numerosi cittadini di Lituania, Lettonia ed Estonia.


Non pare il caso di passare proprio sotto silenzio tale fatto, tanto più che proprio in Lettonia è schierato il battaglione NATO, a guida canadese, in cui è inquadrato anche il contingente italiano – si suppone, a rappresentare quella Repubblica nata dalla Resistenza - nell'ambito del piano dell'Alleanza atlantica sui quattro battaglioni messi “a difesa della democrazia” di Polonia, Estonia, Lituania e Lettonia contro “la minaccia russa”.


Una democrazia europeista così tanto minacciata nei suoi valori, che il governo conservatore si è visto costretto più di una volta a multare il sindaco della capitale Riga, Nils Ušakov, “colpevole” di rivolgersi ai propri elettori di origine russa, nientepopodimeno che in lingua russa. Una democrazia europeista così tanto minacciata, da vedersi costretta, a scanso di sorprese, a escludere dal voto e da altri diritti civili alcune centinaia di migliaia di persone di origine russa, considerate “non cittadini”. Una democrazia che celebra i propri valori europeisti con la partecipazione delle massime autorità parlamentari e di governo alla marcia annuale dei veterani delle Waffen SS: coloro cioè che, a differenza dei tanti cittadini baltici inquadrati a forza nella Wehrmacht, si offrirono volontari nelle divisioni SS locali, utilizzati dai nazisti in qualità di Polizei e colpevoli di stragi di propri stessi concittadini.



 

E fa il paio con la nuova legge lettone, la richiesta ultimativa, avanzata dal Consiglio per la memoria nazionale ucraina al governo golpista, affinché, nell'ambito della “decomunistizzazione”, venga alla fine abbattuto a Odessa il monumento a Caterina II attorniata dai suoi favoriti, José de Ribas, François Sainte de Wollant, Grigorij Potëmkin e Platon Zubov, considerati i fondatori della città e del suo porto e alla piazza in cui troneggia oggi la statua – la storia delle varie peripezie del complesso artistico meriterebbe una cronaca a parte – venga ridato il nome affibbiatole nell'autunno del 1941: piazza Adolf Hitler. Tra l'altro, tale ridenominazione, avrebbe forse il “merito” di ricordare a qualche distratto italico esponente parlamentare che proprio a Odessa, alla Casa dei sindacati, il 2 maggio 2014, compirono le proprie “gesta”, i tagliagole del segretario del Consiglio di sicurezza nazionale, quel Andrij Parubij, attuale speaker della Rada, con cui a Roma qualcuno è  solito sottoscrivere patti di collaborazione.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

L’Arazzo di Bayeux e le manie di grandezza di Macron

  Qualche giorno fa ha avuto luogo il 35° summit bilaterale tra Regno Unito e Francia. Il sempre più baldanzoso presidente francese si è presentato a Theresa May con la promessa...
Notizia del:

Macron si fa la sua Davos. L'Italia al palo

Emmanuel Macron riceve oggi a Versailles più di un centinaio di manager di grandi multinazionali per investire in Francia. Per l’Italia è prevista la presenza di Fincantieri, Lavazza,...
Notizia del:

Ghedi, la protesta (occultata dai media mainstream) contro le bombe atomiche Usa e contro la NATO

da Radio Onda d’Urto Ieri pomeriggio a Ghedi, nella Bassa bresciana, giornata di manifestazione nazionale contro tutte le guerre, contro il rischio di un olocausto nucleare (nella...
Notizia del:

Modello tedesco? Senza governo e appeso al Congresso del SPD di domenica il futuro della Germania

  Sembra ieri che i principali giornali italiani accoglievano con gioia l’avvento del quarto governo consecutivo di Angela Merkel e l’imminente tempesta di rigore europeista che si sarebbe...
Notizia del:

"Le loro ideologie sono opposte". L'incredibile autogol della stampa italiana nell'intervista a Navalny

L'Ansa lo ammette, la Stampa lo conferma: Alexei Navalny, il pluricondannato blogger russo d'opposizione, è un estremista di destra. Noi lo avevamo annunciato già in diversi articoli,...
Notizia del:

Ricerca nel Regno Unito. Per i giovani inglesi "il capitalismo è una minaccia peggiore del comunismo"

Letizia Tortello in un articolo su la Stampa riporta oggi i risultati di una ricerca nel Regno unito che mostra come i giovani inglesi percepiscano "il capitalismo come una minaccia peggiore del comunismo." Secondo...
Notizia del:

Il tuffo di Vladimir Putin nelle acque ghiacciate per il rito dell'Epifania diviene virale

Da Rai News Il presidente Vladimir Putin fa un tuffo nell'acqua ghiacciata del lago Seliger durante le celebrazioni della festa ortodossa dell'Epifania al monastero di Nilov. Se sull'isola...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa