/ Nuova Intifada palestinese per difendere Gerusalemme

Nuova Intifada palestinese per difendere Gerusalemme

Nuova Intifada palestinese per difendere Gerusalemme
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Paola Di Lullo
 

È una giornata densa di avvenimenti, questa. Dalle proteste di Tunisi, Beirut, Malesia, Marocco, Egitto, alle dichiarazioni di Turchia, Cina Venezuela, Cuba, Bolivia, Corea del Nord, Hezbollah, Giordania, tutti contro il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele. Donald Trump ha violato il diritto internazionale e le Risoluzioni ONU che sanciscono, a più riprese, lo status di Gerusalemme.*


Ma, in Palestina, è la giornata della rabbia, chiamata dall'AP di Abu Mazen e, soprattutto, la giornata delle Brigate Qassam. Da Jabalya, nord di Gaza Strip, attraverso uno dei loro capi militari, Abu Hamza, avvisano Trump "Stiamo arrivando, Mr. Trump, stiamo arrivando, Gerusalemme. Isseremo la bandiera palestinese su Al Aqsa, Gerusalemme è nostra e non cederemo nemmeno un granello di sabbia".
https://mobile.almasdarnews.com/…/coming-hamas-threatens-u…/


Già ieri, Ismail Hanyeh, capo del bureau politico di Hamas, parlando a una conferenza stampa televisiva a Gaza City, aveva dichiarato: "Chiediamo al popolo palestinese di scendere in strada venerdì per lanciare una nuova Intifada con l'obiettivo di difendere Gerusalemme". "Dovremmo lavorare per lanciare un'intifada di fronte al nemico sionista. Gerusalemme è unita, non orientale o occidentale, ed è e rimarrà la capitale della Palestina, di tutta la Palestina.".
http://daysofpalestine.com/post/10551/hamas-calls-for-new-intifada-to-protect-jerusalem


 

Intanto, sempre ieri, il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha approvato l'ennesima dichiarazione che conferma "Israele potenza occupante, con nessun diritto su Gerusalemme".
L'Assemblea ha adottato il progetto di risoluzione "Gerusalemme" (documento A / 72 / L.11) con 151 a favore, 6 contrari (Canada, Stati Federati di Micronesia, Israele, Isole Marshall, Nauru, Stati Uniti), e 9 astensioni (Australia, Camerun, Repubblica Centrafricana, Honduras, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Sud Sudan, Togo).
L'Assemblea ha ribadito che qualsiasi azione compiuta da Israele, la potenza occupante, per imporre le sue leggi, la sua giurisdizione e la sua amministrazione nella Città Santa di Gerusalemme è illegale e quindi nulla. Ha inoltre sottolineato la necessità per le parti di astenersi da azioni provocatorie, specialmente in aree di sensibilità religiosa e culturale, e ha chiesto il rispetto dello status quo storico nei luoghi santi di Gerusalemme.

https://mobile.almasdarnews.com/…/united-nations-slap-isra…/
https://www.un.org/press/en/2017/ga11982.doc.htm


Oggi, arriva anche la dichiarazione ufficiale del BDS Campania che, domenica mattina, 10 dicembre, giornata internazionale per i diritti umani, manifesterà sotto la sede Rai di Napoli per ribadire che "Gerusalemme non si tocca e ed il Giro d'Italia deve liberarsi dalla trappola israeliana".
"Gerusalemme non è israeliana. I Palestinesi ed i loro diritti vanno considerati".
LA RCS/Gazzetta dello Sport, organizzatore del Giro d'Italia, sta volutamente e consapevolmente violando il diritto internazionale e le Risoluzioni ONU, in barba al voto a favore dei rappresentanti italiani, anche nell'ultima votazione. Se il Giro d'Italia partirà da Gerusalemme, bisognerà obbligare la RCS/Gazzetta dello Sport ad indicare la prima tappa come Palestina. Seguiranno, purtroppo, due tappe in Israele, la II,

201f1d"> Haifa-Tel Aviv, e la III, Be'er Sheva-Eilat.


Il comunicato integrale del BDS Campania, che riteniamo assolutamente condivisibile e da divulgare :
https://l.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fcdn.fbsbx.com%2Fv%2Ft59.2708-21%2F24210773_1744995065571604_783706651050901504_n.pdf%2FComunicato-Stampa-10-dicembre-2017.pdf%3Foh%3D71222b5095679b3ae490fe25c4286526%26oe%3D5A2D07E0%26dl%3D1&h=ATM90eyvzMCtH8ONQULkVq0Uv96KZQ8SFXpYmaOmfaQkEhEL0GwwlO9i1LeiAjdvTX6emn2LC7AkLglgBD3zEFa72pkcGvfJNBMiLJm6DP0UckFNSzzBvejQ4qwUlBZuuw19MpL5lEDQ80d4R5rX8xBO&s=1&enc=AZOZkitD-AbyQbrUpSsoFaVKjd7Kuw6twO4PBgJKKBhIxt7j8iAodIcCq8s_8iV467J553UDs8PzNliMW9AX-efC4oBVFbjX-PMnWZuUNJI22Q.




Sulla questione del Giro d'Italia, vi rinvio ai precedenti articoli:
http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-non_cascate_nella_trappola_il_giro_ditalia_non_partir_da_israele_ma_da_gerusalemme_partir_dalla_palestina_occupata/13944_22265/

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-giro_ditalia_nella_palestina_occupata_israele_sbraita_e_rcsla_gazzetta_dello_sport_esegue_subito/13944_22323/



 

È anche un anniversario, oggi
8 dicembre 1987 - 13 settembre 1993


I Intifada, o Intifada elle Pietre.
1100 palestinesi uccisi


L'8 dicembre un camion delle Forze di Difesa Israeliane colpì due furgoni che trasportavano operai di Gaza a Jabaliya, uccidendone quattro sul colpo. La voce che lo scontro non era stato un incidente si diffuse velocemente. Si pensava, piuttosto, ad una vendetta in nome di un israeliano accoltellato a morte alcuni giorni prima nel mercato di Gaza. Quella sera, scoppiò una rivolta a Jabaliya, durante la quale centinaia di persone bruciarono pneumatici e attaccarono le Forze di Difesa Israeliane di turno nella zona. La rivolta si estese presto ad altri campi profughi palestinesi in Cisgiordania ed infine a Gerusalemme.


"Il punto non è se questi ragazzini che tiravano pietre sarebbero sopravvissuti o no. Il punto è che stavano facendo qualche cosa che li lasciava soddisfatti... Sapevano benissimo che delle pietre non avrebbero fatto nulla ad un carro armato o ad un aereo da guerra. Eppure continuavano.... Combattevano con le pietre, con queste piccolissime armi, per la loro terra, perché esistere è resistere, perché volevano lanciare a tutto il mondo il messaggio che anche se si fossero trovati solo con le pietre, avrebbero continuato a resistere, a combattere, perché non dimenticano. Non dimenticano da dove vengono, chi ha invaso la loro terra ed è arrivato ad uccidere." - Web


 


 

*Le ultime due risoluzioni ONU sulla città santa, la 476 del 30/06/1980 e la 478 del 20/08/1980, hanno definito la l'annessione di Gerusalemme una violazione del diritto internazionale ed un serio ostacolo al raggiungimento della pace in Medio Oriente,cristallizzando la situazione della città. Le due risoluzioni arrivano dopo la risoluzione 242 del 22.11.1967, con cui l'ONU ingiunse a Israele di ritirarsi dai territori conquistati militarmente ( conquistare territori altrui con la forza è contrario alla carta dell’ONU ) e la risoluzione 338 del 1973 del consiglio di sicurezza dell’ONU che chiese nuovamente alle parti di applicare la risoluzione 242.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: AVN/Correo del Orinoco

Venezuela, Maduro al contrattacco: «Se Trump mi definisce dittatore per me è un elogio»

Il presidente intervistato dal documentarista cileno Marco Enrique Ominami ha inolte spiegato che il Venezuela è «in piena ondata di rinnovamento, di cambiamenti necessari, di costruzione di una nuova società, di un nuovo modello sociale e, soprattutto, una nuova economia»

di Fabrizio Verde   Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro Moros,...
Notizia del:     Fonte: RT

La Russia esorta alla cessazione delle "ambizioni occupanti" degli Stati Uniti in Siria

Mosca esorta gli Stati Uniti a smettere di fare minacce irresponsabili contro la Siria, attraverso l'inviato speciale della Russia all'ONU, Vasili Nebenzia, durante la riunione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

"L'obiettivo di lottare contro terroristi non deve essere una cortina fumogena per realizzare questi...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Nasrallah: Gli Stati Uniti continuano a complottare contro l'Asse della Resistenza

Nasrallah ha insistito sulla necessità di sostenere la Resistenza per contrastare i complotti degli interni ed esterni.

Il Segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah, ha avvertito che gli Stati Uniti, dopo aver fallito...
Notizia del:

Quello che i grandi media non ti raccontano su Ghouta Orientale

I media accusano nuovamente Assad di crimini contro l'umanità e diffondono la posizione dei paesi occidentali, rifiutandosi di prendere in considerazione gli argomenti del governo siriano stesso e di riconoscere la complessità della situazione

Sputnik   Il sobborgo orientale di Ghouta, a est della capitale siriana, ha occupato le prime pagine,...
Notizia del:

I legami Cina-America Latina dimostrano che le critiche degli Stati Uniti sono sbagliate

Gli Stati Uniti hanno puntato il dito contro altri paesi in tutto il mondo con la loro mentalità da Guerra Fredda. La Cina non deve preoccuparsi troppo dei commenti degli Stati Uniti che cercano di minare il miglioramento e lo sviluppo delle relazioni tra Cina e America Latina

di Tang Jun* - Global Times   Il 22 gennaio si è tenuta a Santiago, in Cile, la seconda riunione...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Le più recenti da La mia Gaza
Notizia del:

Je suis.... ? Ecco cosa significa svolgere la professione di giornalista nella Palestina occupata

  di Paola Di Lullo     "Non c'è nessun giornalista al mondo più minacciato di un giornalista palestinese, perché lui o lei non partecipa solo alla...
Notizia del:

"Cos' è la mia vita quando Israele uccide donne e bambini e contamina la nostra Al-Aqsa?"

La storia di Omar al-Abed, condannato a quattro ergastoli sabato scorso da un tribunale militare di Israele.

    di Paola Di Lullo   "Ho molti sogni e credo che si avvereranno, amo la vita e...
Notizia del:

Gaza: dove la Resistenza non si arrende

Gaza la Resistente, l'indomita, la ribelle, non si piega all'occupazione e paga sempre il prezzo più alto. Assassinati due diciassettenni nei bombardamenti israeliani della scorsa notte

di Paola di Lullo   Sono le 16,00 circa, di sabato pomeriggio, quando una jeep israeliana della Brigata...
Notizia del:

Ameer e Ali, altri due martiri minorenni nella Palestina occupata

Ancora due giovani martiri, giovedì, in Palestina. Due giovani vite spezzate nel fiore degli anni dall'unica democrazia del Medio Oriente e dai suoi soldati assetati di sangue. Due giovani di...
Notizia del:

Dov'è finita Gerusalemme?

di Paola Di Lullo Dov'è finita Gerusalemme? Sulle bacheche, ma non solo, sui Tg nostrani, impazza Ahed Tamimi. Premetto che nulla ho contro questa ragazzina dal volto angelico e dallo...
Notizia del:

9 anni dopo, noi non dimentichiamo - 27 dicembre 2008 iniziava "Piombo fuso", uno dei crimini più odiosi del regime israeliano.

di Paola Di Lullo L'operazione Cast Lead cominciò il 27 dicembre 2008 e terminò il 18 gennaio 2009. Durante questi 23 giorni furono uccise 1.285 persone, di cui 200 solo nel primo...
Notizia del:

Palestina occupata. Venerdì rosso...sangue

di Paola Di Lullo   Dieci giorni e due venerdì "della rabbia". Tanto è trascorso dalla dichiarazione unilaterale e priva di legittimità di Donald Trump di riconoscere...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa