/ Nasrallah sorprenderà di nuovo Israele

Nasrallah sorprenderà di nuovo Israele

Nasrallah sorprenderà di nuovo Israele
 

La prima settimana dell'anno è stata ricca di eventi. Israele si è illuso che le proteste in alcune città iraniane, si tramutassero nell'inizio di una "rivoluzione colorata".

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In Israele, l'euforia ha così rapidamente preso piede nella classe dirigente che il primo ministro Benjamin Netanyahu, ignaro di tutte le sciocchezze che regolarmente dice contro l'Iran e gli iraniani (minaccia di guerra, bombardamenti ...) è apparso sullo schermo di persona per fomentare la guerra civile nelle strade di Teheran e nella provincia. Ma questa immensa gioia ha un po' distratto Netanyahu e il suo clan da uno degli eventi più importanti che si sono verificati questa settimana e che analizza il direttore di 'Rai al-Youm', Abdel Bari Atwan: il famoso cronista torna sull'intervista del segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah al canale libanese 'Al Mayadeen.'
 
L'intervista, caratterizzata da un'estrema semplicità, contiene, secondo il giornalista, "quattro grandi sorprese per Israele":
 
  1. Nasrallah ha ammesso di aver incontrato una delegazione di Fatah e ha discusso con lei la prospettiva di un'espansione della rivolta che ha scosso i territori palestinesi da quando Washington ha riconosciuto Gerusalemme capitale di Israele. Una rivolta sostenuta dal movimento di Mahmoud Abbas, presidente dell'Autorità Autonoma. E i gruppi palestinesi, nella loro interezza, stanno solo aspettando questo: un ritorno dell'OLP all'opzione armata contro Israele ora che gli Stati Uniti hanno sepolto qualsiasi speranza di compromesso.
 
  1. Nasrallah ha parlato della guerra che Israele finirà per imporre prima o poi in Libano la guerra sarà "piena di sorprese" e che avrà "come punto di partenza Galilea" il nord di Israele. Chiaramente, Hezbollah non avrà più una posizione difensiva ma offensiva.
 
  1. Dopo aver lasciato la guerra in Siria, Hezbollah sembra aver pienamente compreso le virtù del principio della "sorpresa" come tattica di combattimento. Pertanto, Hezbollah si riserva il diritto di sorprendere l'avversario e non esiterà a ricorrere a "nuove armi" che garantiscano la vittoria.
 
  1. Nella sua intervista ad Al Mayadeen, Nasrallah ha anche sottolineato un punto cruciale che Israele dovrà prendere in considerazione: "chiunque avrebbe sconfitto l'ISIS, sconfiggerà Israele". Dopotutto, i soldati israeliani non sono né duri come i combattenti dell'ISIS né tanto determinati quanto devono "farsi saltare in aria" per sconfiggere il nemico.
 
 
Arrivato a questo punto dell'articolo, Atwan evoca la forza che emergerebbe da un'alleanza tra i palestinesi e la Resistenza:
 
"Il fatto che il segretario generale di Hezbollah sia in contatto con Fatah è una svolta strategica: il peso politico e militare di Fatah è importante per Hezbollah, che ha già la resistenza palestinese al suo fianco. L'incontro di Nasrallah con i rappresentanti di Fatah in realtà significa che Abbas e il suo entourage hanno annegato ogni illusione di compromesso con Israele, rompendo persino i ponti con gli americani e i loro alleati e ritirandosi dagli accordi di Oslo. In seguito, potrebbe darsi che Washington si fermi piuttosto che aspettarsi il suo aiuto economico all'Autorità Autonoma Palestinese e allontani Abbas dal suo seggio a Ramallah.
 
Ma per tornare al principio della sorpresa così misteriosamente menzionato da Nasrallah durante la sua intervista con Al Mayadeen, si ricorda molto bene che il cacciatorpediniere israeliano distrutto lungo le coste libanesi nel luglio 2006 (Guerra 33giorni Israele- Libano) e Israele non se lo aspettava. O come la navetta progettata da Hezbollah che, secondo il comandante in capo della marina israeliana, Eli Sharvit, è una delle migliori al mondo, in grado di trasportare missili multifunzionali. Questa navetta spinse persino gli israeliani a dotare i loro terminal del gas nel Mediterraneo di batterie anti-missile "Iron Dome". Il comandante del porto di Ashdod non esclude altre sorprese come quelle che potrebbero emergere ad esempio dai fondali come sommergibili-kamikaze o commandos marini che sanno come piantare le mine sott'acqua, al passaggio delle barche israeliane"
 
E Atwan conclude:
 
In tutto il Medio Oriente, la Resistenza sta guadagnando terreno e, paradossalmente, la decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele ha accelerato questa ascesa. Nasrallah non è il tipo da fare promesse campate in aria e scambiare i suoi sogni con la realtà: quando conferma l'esistenza della cooperazione di sicurezza tra Hezbollah e i paesi europei, deve essere preso alla lettera. Dopotutto, l'arsenale di Hezbollah non può contenere solo armi russe o iraniane. Ciò significa molto chiaramente che l'Europa potrebbe rendere Hezbollah il suo alleato preferito nella sua lotta contro il terrorismo. Pessime notizie per Israele e i suoi alleati arabi che hanno a lungo spinto il blocco europeo ad agire contro Hezbollah.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.raialyoum.com - Al mayadeen
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele fornisce armi e denaro a 7 gruppi "ribelli" in Siria

Un rapporto dettagliato pubblicato oggi dal quotidiano israeliano 'Harretz', rivela come il regime israeliano sta inviando denaro, armi e munizioni a sette gruppi 'ribelli' che operano attraverso le alture del Golan occupate da Israele e che combattono contro l'esercito siriano.

Secondo l'analista Elishabeth Tsurkov, che per anni ha monitorato lo sviluppo del conflitto siriano, almeno...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Ecco la mappa dei giacimenti di gas israeliani che Hezbollah potrebbe distruggere

Sabato scorso, il Segretario generale del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah), Seyed Hassan Nasrallah ha minacciato il regime israeliano di attaccare i suoi giacimenti di gas e petrolio nel Mar Mediterraneo, se il governo Beirut lo chiedesse.

Media legati a Hezbollah hanno diffuso le mappe dei giacimenti di gas israeliani che potrebbero essere attaccati...
Notizia del:

Gaza: dove la Resistenza non si arrende

Gaza la Resistente, l'indomita, la ribelle, non si piega all'occupazione e paga sempre il prezzo più alto. Assassinati due diciassettenni nei bombardamenti israeliani della scorsa notte

di Paola di Lullo   Sono le 16,00 circa, di sabato pomeriggio, quando una jeep israeliana della Brigata...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
Notizia del:

Alberto Negri - Psico-politica delle guerre in Medio Oriente e il vuoto della politica estera italiana

di Alberto Negri* - Tiscali    Comprendere il groviglio di interessi delle potenze in conflitto Medio Oriente e lungo l'arco della crisi che arriva fino all'Asia è un'impresa...
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:

Ghouta, le solite fake news di regime come su Aleppo (oggi finalmente libera dai terroristi)

di Mauro Gemma La Siria sovrana è nuovamente sotto attacco mediatico, in attesa di una nuova aggressione dei banditi con la bandiera a tre stelle, sostenuti dalle potenze imperialiste e dai...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa