/ “Operazione Verità”. Per il cambiamento, serve combattere il vero...

“Operazione Verità”. Per il cambiamento, serve combattere il vero nemico. E per farlo serve la verità.

“Operazione Verità”. Per il cambiamento, serve combattere il vero nemico. E per farlo serve la verità.
 

"L’operazione verità risultante dallo sciopero generale del 10 e dalla manifestazione dell’11 novembre, indica oggi l’unico vero percorso possibile: un fronte politico e sociale di forze ben coordinate tra loro che perseguono la rottura del quadro esistente, si organizzano per farla crescere nel blocco sociale che condivide interessi materiali ed etici, si misurano con le soluzioni a breve, medio e lungo periodo per concretizzarla."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Sergio Cararo*


Se anche il direttore de La Repubblica comincia a parlare di “falò delle verità”, vuol dire che la consapevolezza del pericolo rappresentato dalla frottole di sistema, diffuse fino ad oggi, comincia a essere rilevante.


 

Non che sia il solo ad aver scoperto che tra “narrazione” e realtà si sia aperta una voragine impossibile da nascondere.
 

Ben prima di lui, su impulso della Piattaforma Eurostop, un coordinamento unitario di forze politiche, sindacali, sociali – il Comitato 11/11 – ha convocato una manifestazione nazionale a Roma – per sabato prossimo – per cominciare ad imporre una “Operazione Verità”.
 

Uno slogan anomalo per una mobilitazione politica e sociale, eppure coglie una contraddizione diventata davvero insopportabile.


Dovremmo riavvolgere il nastro della storia di questi ultimi anni e riguardarla con l’attenzione dovuta. La velocizzazione degli eventi, cui la realtà ci sta abituando, troppo spesso ci fa perdere memoria di fatti che hanno determinato la situazione attuale e altrettanto spesso ci mette di fronte a fatti compiuti dai quali sembra impossibile recedere, in pratica un orizzonte inamovibile come un destino manifesto.


Ne consegue che le persone, ad esempio, rinuncino ad andare a votare, non scioperino o non manifestino nelle strade perché non ne vedono più l’utilità per un cambiamento. Non solo. Anche e proprio quando la realtà scarica loro addosso un carico intollerabile di pene (dalla disoccupazione allo sfratto, dall’impoverimento ad un futuro pieno di incognite), ci si ritira in una condizione di “rabbia depressa”, che ottunde ogni capacità di intravedere una soluzione “progressiva” rispetto all’esistente.


Nei settori sociali più deboli si producono così le condizioni in cui la guerra tra poveri diventa spesso l’unico sbocco “politico” capace di produrre un risultato visibile, una soddisfazione solo neuronica, appagante perché magari “il nemico” diventa quello che puoi vedere, che hai a portata di mano o di insulto. Un immigrato o un autista dell’autobus, un infermiere o un’impiegata pubblica.
 

Il nemico vero, quello che concretamente adotta le decisioni che rendono insopportabile la nostra vita, è invece sempre più irraggiungibile, invisibile, quasi metafisico.
 

Questo “nemico” – perchè di questo si tratta – ha ormai messo a punto un “pilota automatico”, le cui decisioni sono inappellabili, soprattutto perché agisce in nome delle esigenze di bilancio contro cui ogni rimostranza appare illogica, irrazionale, impossibile. Anche le migliori intenzioni (di sindaci o di parlamentari, di sindacati o di partiti) si trovano davanti una sorta di totem sacro che smonta ogni ambizione.
 

Questo totem lo hanno chiamato in molti modi (“ce lo chiede l’Europa”, “gli impegni con la Nato”, “competitività”, “obblighi dei Trattati Europei”, obbligo di “pareggio di bilancio” inserito con l’art.81 in Costituzione, esigenze di sicurezza, legalità ecc.). Ne viene fuori una ineluttabilità sulle scelte adottate o da adottare, anche quelle più fetide in ogni senso, che induce a lasciar perdere, a ritenere che non si possa cambiare nulla e che occorra, nel migliore dei casi, attestarsi sulla riduzione del danno. Individualmente.
 

E proprio su quest’ultimo dato – la riduzione del danno, il meno peggio, l’”io speriamo che me la cavo” – che fa conto la narrazione dominante, incaricata di delimitare il perimetro degli obiettivi possibili.
 

Dentro questo perimetro si è rinchiusa da sola, negli ultimi venti anni, la sinistra, anche quella “radicale”. E non è più riuscita a venirne fuori, a immaginare e a ri/diffondere nella società il virus (positivo) della possibile rottura di questo scenario.
 

Alla fine si è fatta avviluppare dalla narrativa felpata ma feroce dei conigli mannari alla Gentiloni e company, sostituto perfetto delle rodomontate di caudillos de noantri come Renzi, alimentando l’idea che negli interstizi si potesse ricavare qualcosina da spendere “per il popolo” (vedi la ditta Bersani-D’Alema, ecc).
 

E’ così ricominciato il carosello delle assemblee nei teatri, dei “nuovi inizi”, dei “contenitori” con un programma da adattare poi ai contenitori.
 

Si capisce allora che c’è bisogno, anzi urgenza, di cominciare a spazzolare via la narrativa dominante sulla ripresa economica alle porte, la legalità, i diritti civili a scapito dei diritti sociali (faccio lo ius soli, ma ti rendo precario tutta la vita e senza più welfare).
 

Ma se è urgente cominciare a raccontare la verità, a dire le cose come stanno per la “nostra gente”, è decisivo anche indicare il nemico, le soluzioni da adottare per complicargli l’esistenza e le alternative di società che si intendono perseguire.
 

Soprattutto, occorre ricominciare a far circolare nella società e nelle teste l’idea che il cambiamento è possibile e necessario, e che il cambiamento passa attraverso rotture dell’esistente.
 

In tal senso, rimettere apertamente in discussione i vincoli dei trattati europei e della Nato, e indicare che fuori da essi “c’è vita” e possibilità di alternative, significa liberarsi dell’impotenza e liberare il dibattito pubblico dalla ragnatela di fattori che rendono l’orizzonte immutabile.
 

L’idea della rottura è già di per sé un passo significativo verso il suo perseguimento, senza di essa ogni ipotesi di cambiamento diventa aria fritta. In qualche modo è questo il segnale che in occasione del Centenario della Rivoluzione d’Ottobre è venuto da quelle realtà che nel mondo stanno lavorando alla rottura del quadro esistente, in Europa come nel Maghreb, in America Latina come in Africa.
 

L’operazione verità risultante dallo sciopero generale del 10 e dalla manifestazione dell’11 novembre, indica oggi l’unico vero percorso possibile: un fronte politico e sociale di forze ben coordinate tra loro che perseguono la rottura del quadro esistente, si organizzano per farla crescere nel blocco sociale che condivide interessi materiali ed etici, si misurano con le soluzioni a breve, medio e lungo periodo per concretizzarla.
 

Il momento è adesso.


*L'editoriale del direttore di Contropiano

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

La nuova dottrina nucleare USA... i Paesi della NATO si adeguano, a spese nostre.

  di Fabrizio Poggi   La Russia ha in programma la creazione su larga scala di una riserva militare attiva, composta da militari a riposo che concluderanno un contratto col Ministero...
Notizia del:

Manlio Dinucci - A chi sono utili "le inutili guerre"

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 13 febbraio 2018    La canzone meritoriamente vincitrice del Festival di Sanremo è accompagnata da un videoclip che mostra drammatiche...
Notizia del:

"Dibattere di Unione Europea e euro, ma non di NATO, significa truffare gli elettori"

Manlio Dinucci: "Questo è lo scenario in cui si inserisce la sempre più pericolosa escalation Usa/Nato in Europa contro la Russia, presentata come il nemico che ci minaccia da Est."

di Manlio Dinucci* - il manifesto, 30 gennaio 2018 Il presidente Trump è sbarcato dall’elicottero...
Notizia del:

Intervista al legale di Khaled el Hamedi, il cittadino libico che vuole portare la NATO in giudizio per i suoi crimini

L’associazione Vittime della Nato in Libia in lotta contro l’impunità dei potenti e l'indecente immunità di cui gode l'Alleanza Atlantica

Dalla guerra in Iraq nel 1991 a oggi, nessun tribunale internazionale ha mai processato e giudicato i vincitori...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:

Il crollo del consenso politico tedesco potrebbe propagarsi sull'Europa

  di Cui Hongjian* - Global Times Il fallimento di una coalizione tripartita tra la Democrazia Cristiana del Cancelliere tedesco Angela Merkel (CDU), il Partito Democratico Libero (FDP) e...
Notizia del:

La natura imperialista ed eurocentrica della "Dichiarazione Universale dei Diritti Umani"

di Manmeet Sahni - teleSUR   Descritto come "uno degli accordi internazionali più profondi e di vasta portata al mondo", le Nazioni Unite sono entrate nel settantesimo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - Ruptly

VIDEO. Proteste in tutto il mondo contro la decisione di Trump su Gerusalemme

La controversa decisione di Donald Trump di riconoscere Al-Quds (Gerusalemme) come capitale del regime israeliano ha scatenato indignazione in tutto il pianeta.

Le strade della West Bank, di Gaza e Al-Quds sono state inondate da decine di migliaia di palestinesi indignati,...
Notizia del:     Fonte: KUNA

Tillerson: Assad non avrà alcun ruolo nel futuro della Siria

Il Segretario di Stato USA, Rex Tillerson, ha nuovamente ribadito che il presidente siriano Bashar al-Assad non avrà alcun ruolo nel futuro della Siria

"La crisi siriana deve essere risolta attraverso una soluzione politica in conformità con la risoluzione...
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

"Il fascismo di chi si dichiara tale fa ridere. Quello del governo no. E’ ora di prenderne atto."

"Il verofascismo moderno non sono quei quattro coglionazzi che stendono il braccio teso nel saluto romano, ma la “cultura di governo” che anima i governi europei degli ultimi anni."

di Alessandro Avvisato - ControPiano Le scene immortalate a Napoli – decine di antifascisti...
Notizia del:

Il futuro della Germania (e dell'Unione Europea) passa per un voto online

  Martedì comincia il voto per il referendum tra i 463.713 iscritti della SPD che dovranno esprimersi sulle 179 pagine dell’accordo definitivo di Grosse Koalition (GroKo) con la CDU/CSU...
Notizia del:

Non importa chi vince: il programma di governo (della Troika?) è già deciso. Parola di Gentiloni

di Lidia Undiemi* In sostanza Gentiloni afferma che non importa chi vince, il programma di governo è già deciso, e probabilmente è quello scelto dalla Merkel/Troika (cosiddetta...
Notizia del:

La frase shock di Vincenzo Boccia sul ruolo futuro dello Stato. Nessuna reazione dai "capi politici" in campagna elettorale...

di Claudio Conti - Contropiano  Se un paese è allo sbando, la sua classe dirigente ne è la prima responsabile. E, nella classe dirigente, il primo posto ce l’hanno sempre...
Notizia del:

CI AVETE ROVINATO LA VITA: VI ASPETTAVATE SORRISI E BACINI?

La strada non è un comodo salotto televisivo, né un convegno in un teatro, è un luogo di incontro e di scontro. In questi giorni gelidi, le stiamo battendo, con le mani intirizzite...
Notizia del:

Gli ultimi sondaggi tedeschi sono spietati contro i partiti della Groko

di Federico Nero   Dopo quasi 5 mesi di travaglio la CDU/CSU è riuscita a raggiungere l’accordo per la formazione del nuovo governo con la SPD, un’altra Grosse Koalition (GroKo)...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi: "Trovo sfacciata la campagna contro il M5S fatta da partiti che non hanno mai restituito niente"

"Questo è il regime politico mediatico che censura scandalosamente #Poterealpopolo"

Giorgio Cremaschi, candidato per Potere al Popolo a Napoli e Bologna, prende posizione sulla cosidetta "rimborsopoli"...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa