/ «Pace, pace». La "marea rossa" che smonta la propaganda mediatica...

«Pace, pace». La "marea rossa" che smonta la propaganda mediatica contro il Venezuela

«Pace, pace». La marea rossa che smonta la propaganda mediatica contro il Venezuela
 

Come nel 2014, la forza dell’opposizione non sta nella piazza, ma nelle tecniche violente (le «guarimbas»)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Geraldina Colotti* - il Manifesto

La marea rossa avanza cantando e gridando «Pace, pace». I giornalisti indipendenti lanciano sui social immagini e proiezioni di numeri: di sicuro più di un milione, c’è chi dice due. È la risposta popolare alla «madre di tutte le manifestazioni», lanciata dall’opposizione venezuelana. Anche le destre sparano numeri, subito ripresi e amplificati dalla grande stampa internazionale. Le poche immagini messe a confronto, mostrano una realtà assai diversa: dal lato dell’opposizione, a sfilare saranno state 30-50.000 persone. Ben pochi dubbi, per chi conosce l’urbanistica di Caracas anche con le inquadrature «giuste».
 

Numeri assai inferiori alla manifestazione organizzata contro Maduro qualche mese fa. Il Partito socialista unito del Venezuela (Psuv) resta sempre il primo partito con oltre il 40% dei consensi. E alla manifestazione di sostegno ha partecipato anche la sinistra più critica, che considera sbagliato farsi imbrigliare dal dialogo con l’opposizione, sostenuto dall’ex presidente spagnolo Zapatero, dalla Unasur e dal papa Bergoglio (voce solitaria fra le gerarchie ecclesiastiche). E che vorrebbe andare più in fretta verso il socialismo, gli espropri e l’autogestione, senza mediazioni con le componenti moderate e con gli imprenditori «nazionalisti».
 

Una difesa dell’unità nazionale «contro le aggressioni», per respingere le minacce di Trump e del suo entourage di petrolieri, a cui le destre fanno appello come «all’unico difensore del popolo venezuelano» (Lilian Tintori, di Voluntad Popular). Trump, dopo aver telefonato a Erdogan per congratularsi per il referendum, ha accusato Maduro: «soffoca l'opposizione» . Il Parlamento di destra ha denunciato Maduro «per crimini contro l’umanità», attribuendogli gli 8 morti di questi giorni. Vittime di cecchini, che sparano per provocare una risposta violenta dello Stato. Numeri agitati per aumentare la «pressione internazionale» su Maduro affinché si dimetta prima della scadenza del mandato (2018).
 

Nessuno racconta la dinamica delle uccisioni, né si dà voce ai genitori dei ragazzi uccisi, buona parte dei quali residenti nei quartieri popolari: che accusano «l’opposizione e le violenze che organizza» di aver tolto la vita ai loro figli.


Nel Tachira (zona di confine, dove sono scoppiate le proteste violente del 2014 e dove forte è la presenza del paramilitarismo colombiano) è stata uccisa una ragazza. Le hanno sparato 20 colpi da un edificio. L’assassino – un commerciante che milita in un partito di estrema destra – è stato arrestato. È morto anche, per colpi di armi da fuoco, un sergente della Guardia Nacional (Gnb). Aveva 28 anni.
 

Come nel 2014, la forza dell’opposizione non sta nella piazza, ma nelle tecniche violente (le «guarimbas»): barricate e trappole, fili tesi sulla strada per far cadere le moto, chiodi a tre punti, olio nelle curve, armi e bombe. Gli appelli alle manifestazioni pacifiche sono solo l’avamposto delle «rivoluzioni colorate», secondo uno schema ormai noto. Il resto è violenza e scontro: mediatizzato.
 

Così come nel 2014, mentre le trappole sgozzavano ignari ragazzi di ritorno in moto dal lavoro e i poliziotti cadevano sotto il piombo dei «guarimberos» i grandi giornali stilizzavano i giovani con le scarpe di marca che lanciavano bombe contro la «dittatura», oggi si racconta della ragazza che si mette in posa contro il blindato – impresa difficilmente realizzabile in una vera repressione di piazza. Ieri, l’opposizione ha invitato commercianti e imprenditori a chiudere gli esercizi e le fabbriche. I sindacati hanno risposto che occuperanno le fabbriche impegnate nel sabotaggio come quello padronale del 2002.
 

Senza dubbio quella venezuelana è una società «polarizzata». Un dato evidente fin da quando Hugo Chavez ha vinto le elezioni, a dicembre del 1998: non proprio da subito, in verità. Gli obiettivi hanno cominciato a divaricarsi, anche violentemente, dopo la visita di Chavez a Washington, quando è apparso chiaro che a vincere le elezioni non era stato il solito «caudillo» latinoamericano ma il portato di un arco di forze inedito che dava voce alle categorie tradizionalmente escluse. Il golpe del 2002 è arrivato dopo la legge contro il latifondo e la pesca a strascico delle megaimprese ittiche e le prime nazionalizzazioni.


 

Le classi dominanti vogliono finirla con il ciclo redistributivo. Di quale segno sia la partita si capisce anche dagli schieramenti internazionali: da una parte i governi latinoamericani modello Fmi, dall’altra intellettuali e premi Nobel come l’argentino Adolfo Pérez Esquivel, sindacati e ambientalisti, che hanno manifestato solidarietà al Venezuela nei cinque continenti. Ma a riflettori spenti. Nel 2002, una troupe internazionale ha casualmente scoperto il massacro voluto dalla Cia e dai suoi contractor a Puente Llaguno, quando i cecchini hanno sparato sulla folla di chavisti e opposizione. Quel documentario s’intitola La rivoluzione non sarà teletrasmessa.

*Pubblicata su gentile concessione dell'Autrice

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Già pronto il piano USA per l'invasione del Venezuela?

Per realizzare l’«opzione militare» minacciata da Trump potrebbe essere adottata, pur in un diverso contesto, la stessa strategia messa in atto in Libia e in Siria

  di Manlio Dinucci* il manifesto, 22 agosto 2017 I riflettori politico-mediatici, focalizzati...
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:

Respingere le minacce di Trump contro il Venezuela

Dichiarazione del Centro Brasiliano di Solidarietà ai Popoli e Lotta per la Pace

  da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it Vari movimenti sociali e governi hanno condannato...
Notizia del:     Fonte: http://globovision.com/

Venezuela: l'oppositore Capriles avrebbe ricevuto ingenti finanziamenti dalla multinazionale Odebrecht

A rivelarlo è l’emittente televisiva Globovision, notoriamente vicina all’opposizione venezuelana

  Guai giudiziari in arrivo per Henrique Capriles. L’ex candidato presidenziale, sconfitto da Maduro,...
Notizia del:     Fonte: Avn

Venezuela, la Costituente assume alcune competenze dell'Assemblea Nazionale per garantire pace e stabilità. L'opposizione calpesta ancora la Costituzione

Delcy Rodriguez ha ricordato che l’Assemblea Nazionale Costituente è stata eletta da oltre 8 milioni di persone attraverso elezioni libere, dirette e universali, al fine di frenare il piano sedizioso della destra contro la pace del popolo e la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   L’Assemblea Nazionale Costituente del Venezuela ha approvato un decreto dove...
Notizia del:

Il fattore Cuba: guerra psicologica e guerra asimmetrica contro il Venezuela

Viviamo una dittatura mediatica globale. Che dobbiamo combattere in un nuovo scenario di guerra asimmetrica

di José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación - Cubainformazione   La presunta...
Notizia del:

Venezuela e la "sinistra piccolo borghese critica-critica": una riflessione

“Maduro non è Chavez”? I nemici sono sicuramente gli stessi. E coincidono con quelli di Allende come ha sottolineato l'esperto argentino Carlos Aznarez

  di Geraldina Colotti*,  19 agosto 2017     Dall'Italia alla Francia, dalla...
Notizia del:

Venezuela, 23 elezioni in 18 anni, record mondiale: ma per i media è un "regime"!

Con le elezioni regionali previste per ottobre, il Venezuela avrà celebrato ben 23 elezioni in soli 18 anni. Un vero e proprio record mondiale in termini di democrazia e partecipazione popolare

di Fabrizio Verde   Con le elezioni regionali previste per ottobre, il Venezuela avrà celebrato...
Notizia del:

I veri sconfitti in Venezuela: i media

di Leopoldo Santos Ramirez - La Jornada   L'industria dei media, degli USA, si sta muovendo tra le contraddizioni della politica interna USA e della politica internazionale senza adempiere...
Notizia del:

Partito comunista venezuelano: "L'aggressione contro il nostro popolo è internazionale. Anche la risposta deve esserlo".

Dichiarazione di Carlos Aquino, dell'Ufficio Politico del Partito Comunista del Venezuela (PCV)

  da prensapcv.wordpress.com Traduzione di Marx21.it “Le recenti dichiarazioni di Donald...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Cuba, l'isola ferita solidale con il popolo spagnolo colpito dal terrorismo

I cubani solidarizzano con il popolo spagnolo, e gli altri che negli ultimi tempi hanno sofferto le conseguenze delle azioni terroristiche, perché sanno cosa vuol dire perdere i propri cari

di Arthur González (Traduzione di Francesco Monterisi*)   Rabbia ed impotenza si uniscono...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Siria denuncia i massacri dei civili e danni per 2,5 miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi aerei USA

Dopo le continue denuncie all'ONU sulle morti dei civili, il governo siriano lamenta anche danni per miliardi di dollari nel settore petrolifero a causa degli attacchi della Coalizione guidata dagli USA che illegalmente opera nel paese arabo.

In una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite e al presidente del Consiglio di sicurezza...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran tornerà ad arricchire l'uranio al 20% se gli Stati Uniti non rispetteranno l'accordo sul nucleare

L'Iran è in grado di avviare entro cinque giorni il processo di arricchimento dell'uranio del 20% presso la centrale nucleare Fordow se gli USA non rispetteranno l'accordo sul nuclerare.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica iraniana (AEOI), Ali Akbar Salehi, ha dichiarato che...
Notizia del:

Una minaccia attraversa il mondo

Una minaccia attraversa il mondo, le élite mondiali hanno deciso di dare battaglia non solo per le risorse naturali dei paesi, ma anche per l’imposizione totalitaria della propria visione culturale

di Elias Jaua Milano - Ciudad CCS   C’è uno schema ricorrente nelle cosiddette ‘resistenze’...
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti dotarono di armi chimiche Saddam per la guerra contro l'Iran»

Il presidente boliviano denuncia la «doppia morale dell'impero»

  Attraverso il proprio profilo Twitter, il presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales,...
Notizia del:

Ucraina: schiavitù per i lavoratori e bombe per il Donbass

Questi non sono che i frutti di quella majdan Nezaležnosti, piazza Indipendenza, che il 24 agosto si appresta a celebrare il 26° anniversario della nezaležnosti

di Fabrizio Poggi - Contropiano   Oltre alla guerra nel Donbass, alla crisi economica che ha ridotto...
Notizia del:     Fonte: http://globovision.com/

Venezuela: l'oppositore Capriles avrebbe ricevuto ingenti finanziamenti dalla multinazionale Odebrecht

A rivelarlo è l’emittente televisiva Globovision, notoriamente vicina all’opposizione venezuelana

  Guai giudiziari in arrivo per Henrique Capriles. L’ex candidato presidenziale, sconfitto da Maduro,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa