/ PCP: Patriottismo e internazionalismo sono inseparabili

PCP: Patriottismo e internazionalismo sono inseparabili

PCP: Patriottismo e internazionalismo sono inseparabili
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Albano Nunes | da “Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese (PCP)

Traduzione di Marx21.it



Patriottismo e internazionalismo sono inseparabili. Un partito comunista che sottovaluti il quadro internazionale della sua lotta e dimentichi i suoi doveri di solidarietà con gli altri popoli, cade in un ristretto nazionalismo e si condanna all'isolamento e alla sconfitta. Un partito comunista che non ritenga che il suo primo dovere internazionalista è la lotta nel proprio paese, perde il legame con le masse e cade nell'agitazione parolaia inconseguente.


In Portogallo viviamo una situazione politica particolarmente originale, in controcorrente rispetto a quanto sta accadendo all'esterno, in questa Europa. La sconfitta e il ritiro del governo di coalizione PSD/CDS ha avuto risultati che, per quanto è possibile e necessario, è giusto valorizzare. Tuttavia, senza una rottura con decenni di politica di destra e con i vincoli esterni, non sarà possibile assicurare lo sviluppo economico, il progresso sociale e la sovranità del Paese. La politica patriottica e di sinistra che il PCP promuove, è indispensabile per un Portogallo con futuro.





Naturalmente, non è indifferente il contesto mondiale in cui si sviluppa la nostra lotta. Nel 1974 il rapporto di forze sul piano internazionale, il processo di distensione in Europa promosso dall'Unione Sovietica e l'alleanza con la lotta dei popoli africani contro il colonialismo portoghese, avevano favorito la Rivoluzione di Aprile. Oggi, al contrario, viviamo le conseguenze della scomparsa dell'URSS e del campo socialista e i tempi sono quelli della resistenza e dell'accumulazione delle forze. Ma attenzione. L'attendismo e la rinuncia alimentati dalla classe dominante per neutralizzare e distruggere le forze rivoluzionarie raccoglierà frutti solo tra coloro che hanno dimenticato le lezioni del passato – il cammino della rivoluzione è fatto di avanzate e ritirate, di vittorie e sconfitte, ma segue sempre una linea ascendente – e hanno smarrito la prospettiva del socialismo.


Nel celebrare il Centenario della Rivoluzione d'Ottobre con la parola d'ordine “Socialismo, necessità di oggi e del futuro”, il PCP combatte le falsificazioni anticomuniste della Storia e riafferma con convinzione i suoi ideale e progetto comunisti. E non lo fa per volontarismo, ma basandosi sull'analisi delle contraddizioni e dei limiti storici del capitalismo e della necessità del suo superamento rivoluzionario. E sottolineando che, nonostante tutte le apparenze pessimistiche,  i grandi pericoli dell'offensiva dell'imperialismo coesistono con reali potenzialità di sviluppi progressisti e rivoluzionari.


Difendere la sovranità nazionale affrontando le ingerenze dell'imperialismo, siano esse dell'Unione Europea, della NATO, del FMI o di qualsiasi altra istanza sovranazionale, è un dovere fondamentale. L'idea alimentata dalla comunicazione sociale dominante e dalla narrazione governativa secondo cui il Portogallo sarebbe condannato all'impotenza di fronte alle dinamica della globalizzazione imperialista deve essere combattuta con fermezza. Rappresentando un compito patriottico irrinunciabile, la difesa della sovranità nazionale è anche il migliore contributo alla lotta antimperialista e alla causa universale della liberazione dei lavoratori e dei popoli. E' il modo migliore di celebrare il significato internazionale e il valore internazionalista della Rivoluzione d'Ottobre.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

di Marinella Correggia - Sibialiria   La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri...
Notizia del:

I soldi dei servizi segreti per influenzare i mass media

Un articolo uscito il 16 novembre scorso, ha svelato non solo l’esistenza di molti conti bancari dei servizi segreti dentro la Banca Popolare di Vicenza, ma anche e soprattutto l’obiettivo di questa liquidità finanziaria dei servizi segreti: far arrivare soldi a chi in qualche modo è vicino o dà una mano all’attività dei servizi

di Federico Rucco - Contropiano   Il Sole 24 Ore è un giornale propriamente padronale, nel senso...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa