/ Pechino e internet, le novità del World Internet Conference tra “...

Pechino e internet, le novità del World Internet Conference tra “apertura” e “sovranità”

Pechino e internet, le novità del World Internet Conference tra “apertura” e “sovranità”
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Tutto lascia presumere che la quarta edizione del World Internet Conference tenutasi a Wuzhen, in Cina, rappresenti una vera e propria svolta per quanto riguarda il mondo del Web. Tutti sappiamo come internet sia ormai entrato prepotentemente nella vita di tutti i giorni, al punto che è divenuto impensabile farne a meno, ancor più che il futuro sembra essere strettamente correlato proprio allo sviluppo di internet su scala planetaria.


Il governo cinese ha preso la decisione di promettere delle aperture su internet, ma a Pechino sembrano avere le idee molto chiare sul modo con il quale le autorità dovranno rapportarsi con lo sviluppo del web. Non sarà quindi uno sviluppo deregolamentato in quanto il governo cinese presterà molta attenzione a difendere il concetto di sovranità su internet. Come ha scritto il presidente Xi Jinping nel messaggio letto durante la World Internet Conference infatti, la Cina “vuole lavorare con la comunità internazionale per rispettare la sovranità del cyberspazio e promuovere partnership”.


A tenere il discorso programmatico a Wuzhen è stato Wang Huning (https://www.agenzianova.com/a/0/1730109/2017-12-04/cina-prosegue-a-wuzhen-la-world-internet-conference-2), membro dell’ufficio politico del comitato centrale del Partito Comunista Cinese, che ha dichiarato senza mezzi termini che Pechino ha intenzione di non lasciarsi sfuggire le opportunità derivanti dallo sviluppo di internet. Apertura e sicurezza, sono questi i due concetti chiave che definiscono l’atteggiamento del governo cinese nei confronti della diffusione della rete globale di internet.


Negli ultimi anni la Cina ha migliorato in modo sensibile le infrastrutture legate a internet e ha lavorato nel consolidamento nelle innovazioni nel campo della tecnologia dell’informazione, interpretando sempre di più l’economia digitale come un vero e proprio volano di crescita economica.


La World Internet Conference è nata in Cina nel 2014 per contrapporsi alla Global Conference on Cyber Space e a questa edizione hanno preso parte delegazioni di Russia, Pakistan e Tajikistan. All’edizione 2017 hanno preso parte veri e propri big del web come Jack Ma di Alibaba, Tim Cook di Apple e Sundar Pichai di Google. Wang Huning, astro nascente all’interno del Partito Comunista Cinese, ha sottolineato il concetto di sovranità sul cyberspazio, ovvero la libertà di un Paese di sorvegliare il web e i suoi contenuti per mantenere stabilità e difendersi da eventuali attacchi esterni. Insomma, se da un lato internet si è diffuso proprio grazie alla sua libertà, dall’altro l’assenza di paletti e di sorveglianza rischierebbe di renderlo quasi uno strumento fuori controllo, esattamente quello che Pechino vorrebbe evitare. In questo senso i paesi occidentali continuano ad accusare Pechino di censura, questo a dispetto dell’attenzione del governo cinese alle innovazioni tecnologiche.


La Cina quindi si trova a confrontarsi con lo sviluppo di internet e cerca di avere un approccio duttile che cerchi di sfruttarne le potenzialità economiche senza però rinunciare a controlli stringenti. Un approccio molto diverso da quello occidentale, non a caso molti gruppi stranieri si sono lamentati di essere finiti nel mirino delle restrizioni del governo cinese. Ad esempio Pechino ha reso obbligatorio per gli operatori di infrastrutture informatiche stranieri l’immagazzinamento di informazioni personali e dati vitali per la Cina.


Dc 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli USA creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran

La decisione è stata annunciata dall'ambasciatrice statunitense all'ONU, Nikki Haley.

Gli Stati Uniti creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran ha informato l'ambasciatrice...
Notizia del:     Fonte: USA Today - AP(foto)

Gli Stati Uniti hanno acquistato armi per i "ribelli siriani" e 'alcune' sono finite nelle mani dell'ISIS

Sofisticate armi militari statunitensi fornite 'segretamente' ai "ribelli siriani" sono rapidamente cadute nelle mani dell'ISIS, secondo uno studio pubblicato oggi.

Lo studio, come riferisce il quotidiano statunitense, 'USA Today', sostiene che il possesso da parte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze aeree russe in Siria bombardano le postazioni jihadiste per l'offensiva delle truppe siriane a Idlib

Le rimanenti forze aeree russe continuano a bombardare le postazioni dei gruppi terroristici, in particolare quelli affiliati ad al Qaeda particolarmente radicati tra la provincia di Hama e Idlib.

All'inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha fatto una visita a sorpresa all'aeroporto...
Notizia del:

Argentina, Cristina contro la brutale repressione della polizia. "Così non si governa"

"Per dodici anni e mezzo ci sono state manifestazioni a favore e contro, come in qualsiasi democrazia, ma non abbiamo mai visto episodi come quelli di adesso"

Telesur L'ex-presidente e attuale senatrice dello stato argentino, Cristina Fernández de Kirchner...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Interferenza "low cost": Facebook quantifica in meno di 1 euro la spesa pubblicitaria russa durante la Brexit

Il social network ha informato il comitato elettorale britannico che l'Agenzia di ricerca su Internet ha speso una "piccola somma di denaro" su tre annunci sull'immigrazione.

Meno di un euro: nello specifico, 83 centesimi, l'equivalente a 97 centesimi o 73 pence britannici. Questo...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa